L'IT succhia energia ma non lo sa

Una ricerca afferma che moltissime imprese IT in tutto il mondo semplicemente non sanno quanta energia consumano per le proprie risorse informative. E questo nonostante l'allarme clima e la crescita dei prezzi dell'energia

Roma - No, non ci si può ritenere soddisfatti dei risultati di una indagine sull'uso, o lo spreco, di energia elettrica nelle imprese tecnologiche mondiali: sono ancora molte, moltissime, quelle aziende che non hanno una policy specifica sull'argomento e almeno metà delle IT company non sanno neppure quanto effettivamente consumano.

Ad affermarlo sono gli esperti della Economist Intelligence Unit che hanno lavorato per conto di IBM al rapporto IT e ambiente: un nuovo punto dell'agenda del CIO?, scoprendo che meno della metà delle imprese IT sopra i 1000 dipendenti, il 45 per cento, sta lavorando per ridurre la propria carbon footprint, ovvero il proprio contributo alle emissioni di anidride carbonica, uno dei "termometri" del consumo energetico.

Va detto però che di quelle aziende IT che invece hanno una policy, il 52 per cento non ha ancora fissato obiettivi specifici e solo il 9 per cento aspira da qui al 2012 di diventare carbon neutral, ovvero di bilanciare il consumo con strategie di "riduzione del danno" che portino la footprint in pareggio, un po' come di recente ha confermato di voler fare Dell.
Tra le cause dell'aumento dei consumi energetici nel settore c'è anche il fatto, spiegano i ricercatori, che i consumi di energia non siano considerati un criterio importante nelle politiche di acquisto, il che significa anche che i produttori di tecnologia non sono granché stimolati a realizzare prodotti ad impatto energetico ridotto. Quel che è certo, invece, è che una impresa su quattro ha registrato negli ultimi due anni un aumento dei costi dell'energia, dovuta sia ad un maggior consumo sia alla crescita progressiva dei prezzi dell'energia stessa.

Se vogliamo, è proprio grazie ai costi dell'energia che la questione del risparmio si sta comunque facendo largo. Secondo EPA, l'agenzia per l'ambiente statunitense, nel 2006 nei soli Stati Uniti i server e i data center sono stati responsabili dell'1.5% dei consumi di elettricità dell'intero paese - oltre il doppio dei consumi rilevati nel 2000 - con un valore di spesa di circa 4,5 miliardi di dollari.


27 Commenti alla Notizia L'IT succhia energia ma non lo sa
Ordina
  • Yepa offre l'opzione Carbon Neutral a chi ha un Server Dedicato. Ha un costo di 2 Euro al mese. L'organizzazione carbonfund.org ha calcolato che con questa cifra è possibile finanziare progetti mirati alla diminuzione di gas serra nell'atmosfera, in grado di compensare le emissioni mensili causate dal Server.
    non+autenticato
  • Idea!

    Come al solito ... guardiamo la pagliuzza e non la trave ... condizionatori lasciati accesi, calorifero e finestre aperte contemporaneamente, stufette elettriche per gli eterni freddolosi ...

    E noi stiamo lì a guardare lelucette dello stand-by? Ma andatevene aff...
  • - Scritto da: eymerich
    > Idea!
    >
    > Come al solito ... guardiamo la pagliuzza e non
    > la trave ... condizionatori lasciati accesi,
    > calorifero e finestre aperte contemporaneamente,
    > stufette elettriche per gli eterni freddolosi
    > ...

    aggiungerei poi i 30░ d'inverno negli edifici provinciali-comunali, banche università perchè le segretarie son freddolose
    mentre al cittadino è vietato alzare oltre i 20

    sperpero di illuminazione pubblica sempre maggiore e con impianti sempre vecchi

    > E noi stiamo lì a guardare lelucette dello
    > stand-by? Ma andatevene
    > aff...

    Eh si perchè ti dicono di risparmiare quando loro sprecano in quantità industriale
    non+autenticato
  • > sperpero di illuminazione pubblica sempre
    > maggiore e con impianti sempre
    > vecchi
    >


    Guardatevi il mondo visto di notte e vedrete un triste primato dell'Italia...
    non+autenticato
  • Siamo energia dalla testa ai piedi... e toh guarda sti Verdi cosa si sono inventati per tirarsi dietro orde di poveri ignoranti terrorizzati dall'idea che un bel giorno l'energia del mondo possa esaurirsi.

    E' una bufala grande quanto quella di chi si è trascinato per secoli masse di fedeli con la scusa dell'inferno.

    Per quanto invece riguarda l'inquinamento, ammesso (forse) che il mondo stia surriscaldandosi per via dell'ossido di carbonio o altre molecole affini, basterebbe mettere da parte i combustibili fossili e passare all'energia dell'atomo. Sarebbe questo un consiglio da suggerire ad esempio a pecoraro mentre viaggia con la sua auto blu a diesel da un comizio all'altro.

    Io lo dico sempre, morta una religione, se ne fa un'altra.
  • Ti straquoto.
    non+autenticato
  • Peccato che il nucleare richieda tempi lunghissimi e investimenti alti per la costruzione, richiede tanta acqua per il funzionamento (questo i sapientoni contro e pro-nucl non lo dicono mai...) e quindi vicinanza a fiumi con portate considerevoli (non i torrentini italiani), e soprattutto la dismissione e lo smaltimento dei materiali radioattivati è una completa incognita.

    Ma ovviamente per i pro-nucl non c'è problema, loro tirano a campare per i prossimi 100 anni, poi saranno c*z*i dei nipotini...

    Bella responsabilità!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Giacomo
    > Peccato che il nucleare richieda tempi
    > lunghissimi e investimenti alti per la
    > costruzione, richiede tanta acqua per il
    > funzionamento (questo i sapientoni contro e
    > pro-nucl non lo dicono mai...) e quindi vicinanza
    > a fiumi con portate considerevoli (non i
    > torrentini italiani), e soprattutto la
    > dismissione e lo smaltimento dei materiali
    > radioattivati è una completa
    > incognita.

    il tuo discorso è vecchio almeno 20 anni, nel frattempo si sarebbero potute creare e perfezionare altre forme di produzione energetica

    le centrali nucleari ti danno il 70% dell'energia elettrica che stai usando per il tuo pc mentre scrivi

    >
    > Ma ovviamente per i pro-nucl non c'è problema,
    > loro tirano a campare per i prossimi 100 anni,
    > poi saranno c*z*i dei
    > nipotini...

    non c'è che dire... il FUD dà sempre buoni frutti, quanto meno per molti politicanti

    >
    > Bella responsabilità!

    il tuo invece è il classico modo per raggirare un problema (anzichè affrontarlo), che a mio modo di vedere diventa sempre più politico e sempre meno tecnologico
    non+autenticato
  • Lo smaltimento delle scorie radioattive?
    Per le strade di Napoli!!!
    Vedi come fanno presto a sparire (scorie e napoletani)....
    non+autenticato
  • Non serve poi tutta quest'acqua e comunque l'acqua non viene in alcun modo contaminata e viene reimmessa in natura alla stessa temperatura a cui e' stata prelevata, quindi non ne psrechi una goccia.
    Una centrale nucleare costa meno di una a carbone, senza contare il fatto che ne abbiamo un paio funzionanti e non utilizzate.

    Ah, come nota conclusiva ti faccio notare ceh senza l'energia nucleare hce compriamo dalla francia (che ha messo alcune centrali non lontane dai nostri confini) noi staremmo al buio.
    non+autenticato
  • - Scritto da: dotnet
    > Siamo energia dalla testa ai piedi...

    Ma tu guarda questo come è addentro ai misteri dell'universo ! Sarai anche fatto di energia ma non ti posso mettere nel motore al posto della benzina e tutt'al più ti posso mettere a tirare un riscò, come un mulo, e questa è il massimo dell'energia che puoi fornire


    e toh
    > guarda sti Verdi cosa si sono inventati per
    > tirarsi dietro orde di poveri ignoranti
    > terrorizzati dall'idea che un bel giorno
    > l'energia del mondo possa
    > esaurirsi.
    >

    Non mi considero un verde e infatti non sono terrorizzato che l'energia finisca. Però son terrorizzato dallo schifo che immettiamo nell'ambiente, questo sì.

    > E' una bufala grande quanto quella di chi si è
    > trascinato per secoli masse di fedeli con la
    > scusa
    > dell'inferno.
    >

    Evvai, sei pure esperto dell'aldilà. Superrazionalista, mostrami le prove che l'inferno non esiste, o le prove a supporto di qualsiasi altra affermazione che si discosti dalla limitata esperienza che hai del mondo.

    > Per quanto invece riguarda l'inquinamento,
    > ammesso (forse) che il mondo stia
    > surriscaldandosi per via dell'ossido di carbonio
    > o altre molecole affini, basterebbe mettere da
    > parte i combustibili fossili e passare
    > all'energia dell'atomo.

    Certo, perchè l'energia dell'atomo è sicura e pulita. Ma a chi vuoi farlo credere ? Il plutonio 239 ha un tempo di dimezzamento di oltre 24.000 anni. Se oltre a usare combustibili fossili non avessimo contemporaneamente abbattuto le foreste, oggi le piante si sarebbero già ripresa buona parte della CO2 immessa nell'atmosfera

    Sarebbe questo un
    > consiglio da suggerire ad esempio a pecoraro
    > mentre viaggia con la sua auto blu a diesel da un
    > comizio
    > all'altro.
    >

    A quando l'auto a motore atomico, quella che secondo te non inquina ?

    > Io lo dico sempre, morta una religione, se ne fa
    > un'altra.

    Certo, pure io lo dico sempre, per i gonzi una religione vale l'altra.
    non+autenticato
  • - Scritto da: 'an vedi ooo!!!
    > - Scritto da: dotnet
    > > Siamo energia dalla testa ai piedi...
    >
    > Ma tu guarda questo come è addentro ai misteri
    > dell'universo ! Sarai anche fatto di energia ma
    > non ti posso mettere nel motore al posto della
    > benzina e tutt'al più ti posso mettere a tirare
    > un riscò, come un mulo, e questa è il massimo
    > dell'energia che puoi
    > fornire
    >
    >
    > e toh
    > > guarda sti Verdi cosa si sono inventati per
    > > tirarsi dietro orde di poveri ignoranti
    > > terrorizzati dall'idea che un bel giorno
    > > l'energia del mondo possa
    > > esaurirsi.
    > >
    >
    > Non mi considero un verde e infatti non sono
    > terrorizzato che l'energia finisca. Però son
    > terrorizzato dallo schifo che immettiamo
    > nell'ambiente, questo
    > sì.
    >
    > > E' una bufala grande quanto quella di chi si è
    > > trascinato per secoli masse di fedeli con la
    > > scusa
    > > dell'inferno.
    > >
    >
    > Evvai, sei pure esperto dell'aldilà.
    > Superrazionalista, mostrami le prove che
    > l'inferno non esiste, o le prove a supporto di
    > qualsiasi altra affermazione che si discosti
    > dalla limitata esperienza che hai del
    > mondo.
    >
    > > Per quanto invece riguarda l'inquinamento,
    > > ammesso (forse) che il mondo stia
    > > surriscaldandosi per via dell'ossido di carbonio
    > > o altre molecole affini, basterebbe mettere da
    > > parte i combustibili fossili e passare
    > > all'energia dell'atomo.
    >
    > Certo, perchè l'energia dell'atomo è sicura e
    > pulita. Ma a chi vuoi farlo credere ? Il plutonio
    > 239 ha un tempo di dimezzamento di oltre 24.000
    > anni. Se oltre a usare combustibili fossili non
    > avessimo contemporaneamente abbattuto le foreste,
    > oggi le piante si sarebbero già ripresa buona
    > parte della CO2 immessa
    > nell'atmosfera
    >
    > Sarebbe questo un
    > > consiglio da suggerire ad esempio a pecoraro
    > > mentre viaggia con la sua auto blu a diesel da
    > un
    > > comizio
    > > all'altro.
    > >
    >
    > A quando l'auto a motore atomico, quella che
    > secondo te non inquina
    > ?
    >
    > > Io lo dico sempre, morta una religione, se ne fa
    > > un'altra.
    >
    > Certo, pure io lo dico sempre, per i gonzi una
    > religione vale
    > l'altra.

    mammamia quanto odio e quanta intolleranza nelle tue parole, ti hanno frullato il midollo proprio per benino quelli delle piazze

    detto questo ti informo che il coatto romano non è un accento sufficiente per rendersi attendibili, ci vuole di più, ci vuole il cervello, quello che non hai

    l'atomo è energia pura, la vostra propaganda isterica contro l'atomo ha fatto sì che quasi tutta la bolletta che paghi ogni mese finisca nelle tasche dei francesi, si si... proprio loro, quelli che ti vendono la loro energia prodotta nelle centrali nucleari a due passi dal confine
    non+autenticato
  • Odio e intolleranza ? Ma che ste' a dì ?!? Non odio nessuno, mi è odiosa la supponenza superba di tue certe affermazioni, questa sì, poi se non capisci l'ironia...ma tanto l'unica cosa che sai fare è dire che chi non la pensa come te è senza cervello (in perfetta linea con la tua supponenza superba), mica sai argomentare quello che sostieni !
    non+autenticato
  • - Scritto da: 'an vedi ooo!!!
    > Odio e intolleranza ? Ma che ste' a dì ?!? Non
    > odio nessuno, mi è odiosa la supponenza superba
    > di tue certe affermazioni, questa sì, poi se non
    > capisci l'ironia...ma tanto l'unica cosa che sai
    > fare è dire che chi non la pensa come te è senza
    > cervello (in perfetta linea con la tua supponenza
    > superba), mica sai argomentare quello che
    > sostieni
    > !

    cosa dovrei argomentarti? Che l'universo è fatto di energia e i verdi paventano l'esaurimento energetico?

    Qui c'è poco da argomentare con chi afferma simili teorie (i verdi).

    Quando questi finiranno di abbindolare la gente allora le persone come me inizieranno a discutere e argomentare.

    La mia non è superbia, è solo scocciatura.
    non+autenticato
  • Bene questo è un tono che permette di lasciare da parte la polemica e scambiarsi opinioni !

    Quando dici che siamo fatti di energia non devi dimenticare le modalità in cui la materia si converte in energia. Perchè se si parla di combustione non c'è conversione di meteria in energia, ma solo rilascio di energia per una reazione esotermica. Per alimentare le centrali nucleari non puoi netterci dentro quello che ti pare, ma devi usare materiali radioattivi che sono altamente inquinanti. Per la fusione nucleare la cosa è diversa, ma per quanto a mia conoscenza non si è ancora riusciti ad ottenerla in maniera controllata. Il sole però è un ottimo esempio di conversione di materia in energia, gratis per i prossimi 14 miliardi di anni. Ma a nessuno sembra fregargliene più di tanto.
    non+autenticato
  • Una volta sono entrato in un datacenter di una filiale di una finanziaria e mi sono ritrovato davanti un museo di server IBM.

    C'erano tutte le generazioni degli ultimi 30 anni, i vecchi server erano spenti, ma non erano mai stati rimossi.

    Quello di prima generazione occupava mezza stanza, quello di seconda un quarto, quello di terza un sedicesimo, e così via.

    Morale l'unico server acceso in quella stanza era un piccolo case che faceva molto più lavoro di quello che faceva il suo antenato che occupava mezza stanza.

    Tutto questo è successo almeno 5 anni fa, probabilmente oggi utilizzano un blade che occupa ancora meno spazio.

    Immagino che anche i consumi di energia siano proporzionati alle dimensioni.

    Se quindi si analizzasero i consumi in proporzione alla capacità di calcolo, che come sappiamo raddoppia ogni 18, si scoprirebbe che i consumi sono al massimo costanti, ma molto più probabilmente in forte diminuzione.

    Nessun altro impiego di energia incrementa il suo rendimento nel tempo come quello dei dispositivi elettronici, che diventano obsoleti più velocemente di qualsiasi altro prodotto.
    non+autenticato
  • Quello che dici sarebbe vero se ....
    non ci fosse stata l'esplosione in internet

    è tutto un brulicare di server farm ,
    router e apparati di rete

    i client si sono moltiplicati geometricamente ....
    e il loro consumo ha avuto una impennata mostruosa negli ultimi
    10 anni

    basta aprire un PC di 10 anni fa e vedere l'alimentatore
    e compararlo con uno di oggi ...

    se poi parliamo dei computer di 20 anni fa ...
    non c'è paragone ...

    un amiga
    era uno *nix aveva una gui
    e il processore non aveva bisogno di ventole

    e consumava max 35 Watt
    non+autenticato
  • - Scritto da: pono pallino
    > un amiga
    > era uno *nix aveva una gui
    > e il processore non aveva bisogno di ventole
    > e consumava max 35 Watt

    Mac Mini 20 Watt

    Piglia e porta a casa! Sorride

    (Si capisce che sto scherzando?)
    (Pero' almeno la prima versione di Mac Mini consumava veramente solo 20 Watt!)
    non+autenticato
  • - Scritto da: Tom
    > Se quindi si analizzasero i consumi in
    > proporzione alla capacità di calcolo, che come
    > sappiamo raddoppia ogni 18, si scoprirebbe che i
    > consumi sono al massimo costanti, ma molto più
    > probabilmente in forte
    > diminuzione.

    Suggerirei di misurare l'energia consumata non in proporzione alla capacità di calcolo, ma in proporzione alla capacità di calcolo USATA. O meglio, alla capacità di calcolo necessaria e sufficiente.
    Sai quanto consumava un vecchio 486 lasciato acceso sulla scrivania del "lavoratore" impegnato nell'ennesimo meeting? Non necessariamente alla macchinetta del caffè, non pensate sempre maleSorride
    E quanto consuma un moderno Core2, lasciato acceso sulla scrivania a mostrare il salvaschermo 3D così "figo"?
    Diciamo che c'è un peggioramento di un fattore 10 (senza contare il salvaschermo)?

    >
    > Nessun altro impiego di energia incrementa il suo
    > rendimento nel tempo come quello dei dispositivi
    > elettronici, che diventano obsoleti più
    > velocemente di qualsiasi altro
    > prodotto.

    Salvo poi che per risparmiare sugli stipendi dei programmatori, si fanno programmi "ottimizzati" per ridurre il consumo di teste pensanti, fatti con i piedi al punto che mentre attendono una risposta ad una banale finestra di conferma magari si ciucciano il 100% di CPU con cicli di polling sulle risorse (potrei fare il nome del blasonato colpevole), rendendo vane le misure di risparmio energetico. Ormai per fare girare applicazioni da ufficio banali tipo Word o Excel (banali per l'uso comunemente fatto, non per le funzioni ultra avanzate che sanno usare in quattro gatti) si usano macchine che assorbono, quando va bene, 120 W continuativi, quando ne basterebbero 10 per fare lo stesso lavoro (misura reale, basata su architettura SBC e ultra-thin clients, in applicazioni reali da ufficio).
    non+autenticato
  • I PC sono sistemati in modo da ridurre il consumo autonomamente: troppe sono le occasioni in cui la gente si 'dimentica' di fare le cose (vedi alla voce 'backup').
    Altra noterella: non usate i salvaschermo:
    1) gli LCD non sono CRT
    2) il salvaschermo di al gore, su un mac, porta il consumo da 12W (da fermo) a 30w (a causa del lavoro che impone la CPU)
    Meditate, gente, meditate ....

    Giovanni
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)