Second Life Fiorentina

Ne parlano i promotori di Firenze Virtuale, che promettono passeggiate elettroniche nella riproduzione 3D della città

Firenze - Sembra espandersi l'uso di Second Life come un ambiente nel quale ospitare fedeli ricostruzioni tridimensionali del mondo fisico: nelle prossime ore sarà aperta al pubblico una nuova isola del metaverso interamente dedicata a Firenze.

L'azienda fiorentina MPF Group ha infatti parlato di un progetto che permetterebbe agli utenti di girare per le più belle vie del centro storico, dare uno sguardo ai monumenti, visitare i musei, i negozi e via dicendo. L'idea non è casuale: MPF Group gestisce il marchio Zoppini, noto nel mondo della gioielleria.

"Creare l'isola di Firenze su Second Life è una importante opportunità per promuovere la nostra città (...)", ha dichiarato l'amministratore delegato dell'azienda, Mauro Zoppini. "Tra le prime iniziative - ha anche detto - abbiamo già definito la partecipazione della Second Life Fiorentina al primo campionato di calcio di Serie A organizzato dalla SL Lega Calcio e sponsorizzato da TIM. Un campionato vero e proprio a cui parteciperemo con tanto di giocatori in maglia viola, stadio e tifoseria".
4 Commenti alla Notizia Second Life Fiorentina
Ordina
  • Siamo sull'orlo di una rivoluzione digitale, e' ineluttabile. Ma state sicuri che questa *NON* e' e non sara' mai rappresentata da second life. Di sicuro internet sara' qualcosa di piu' immersivo e coinvolgente, ma non certamente il fumettone pseudoludico su cui tanti lucrano facendosi grasse risate. Probabilmente l'inter-verso dovra' essere free-open source, integrato al P2P, e dovra' fondarsi su principi sociali egualitari anti-digital-divide. Tutto il resto (second life ed altri) e' fuffa.
    non+autenticato
  • - Scritto da: frank hillary
    > Siamo sull'orlo di una rivoluzione digitale, e'
    > ineluttabile. Ma state sicuri che questa *NON* e'
    > e non sara' mai rappresentata da second life. Di
    > sicuro internet sara' qualcosa di piu' immersivo
    > e coinvolgente, ma non certamente il fumettone
    > pseudoludico su cui tanti lucrano facendosi
    > grasse risate. Probabilmente l'inter-verso
    > dovra' essere free-open source, integrato al P2P,
    > e dovra' fondarsi su principi sociali egualitari
    > anti-digital-divide. Tutto il resto (second life
    > ed altri) e'
    > fuffa.

    sono d'accordo sul fatto che second life non potrà mai essere il futuro, ma dissento su un internet fatta di free/open/p2p

    un rete fatta solo di free, di open e di p2p è una rete morta, la rete dei bamba
    non+autenticato
  • Bravo comincia a farlo visto che parli come quei signori al bar che negli anni '60 dicevano: "vai a tagliarti i capelli cappellone!".
    Secondlife è l'inizio di una rivoluzione digitale, quello che vedete oggi è solo l'inizio di un'evoluzione che continuerà in futuro. E' come vedere una pagina web negli anni '90 con lo sfondo grigio e niente immagini e dire (come molti mi dicevano):"Vabbe' ma che se ne fa uno di 'sta roba" e poi aggiungevano qualcosa tipo get a life.
    non+autenticato