Alfonso Maruccia

Nine Inch Nails: bye bye major

I Radiohead hanno già fatto scuola, e ora un altro grande protagonista della musica commerciale decide di giocare da battitore libero e sfruttare le enormi potenzialità della rete

Roma - Dopo lo sbigottimento dei manager delle Big Four scatenato dalla recente decisione dei Radiohead di fare parzialmente a meno del supporto dell'industria, forse si prepara una vera e propria rivoluzione stando a quanto si legge sul sito dei Nine Inch Nails: la band-fenomeno dell'industrial rock capace con la sua musica di fare il pieno di incassi, ha deciso che questo è il momento opportuno per abbandonare le major, promuovendo d'ora in poi la propria musica esattamente alla stessa maniera decisa dai colleghi inglesi.

"Ho atteso a lungo la possibilità di fare questo annuncio - scrive orgoglioso e un po' pieno di sé Trent Reznor sul sito della band - da adesso in poi i Nine Inch Nails sono completamente battitori liberi, liberi da qualsiasi contratto di registrazione con qualsiasi etichetta".

"Sono stato sotto contratto per 18 anni - continua il frontman dei NIN - e ho visto il business mutare radicalmente verso qualcosa di intrinsecamente molto differente e mi dà una grande gioia poter finalmente avere un rapporto diretto con il pubblico come ritengo giusto ed opportuno sia".
Reznor non è mai stato tenero con le megacorporazioni della musica: rapporti sempre più tesi lo hanno addirittura portato a infrangere uno dei "sacri tabù" dei dirigenti dalla super-liquidazione garantita, consigliando apertamente ai suoi fan asiatici di scaricare illegalmente la musica dal P2P.

Ora che i Radiohead hanno finalmente aperto le danze, all'artista è parso opportuno rincarare la dose e stringere ancora più d'assedio il vecchio modello di business dell'industria musicale, che dopo il defilarsi della "migliore rock band del mondo" conosce un altro duro colpo per il già agonizzante mercato del disco.

Rapporti diretti con il pubblico, passaparola e distribuzione digitale diretta degli album - con relativo incasso che finisce tutto in saccoccia all'autore, al contrario di quanto succede con le etichette - sono dunque la modalità che anche i NIN hanno scelto per promuovere le proprie opere, segno più evidente che mai del fatto che i tempi sono già cambiati e l'approccio al mondo digitale delle major, che hanno sbagliato praticamente tutto da Napster in poi, le potrebbe ben presto condannare all'estinzione.

"Se due dei più grossi attori dell'industria - scrive Gizmodo.com - possono permettersi di leggere certe rivendicazioni e farle proprio, rifiutando il vecchio business perché guasto, per quale ragioni non potrebbero fare lo stesso anche i produttori? Ciò che i Radiohead e i NIN stanno mostrando è il modello di business del futuro".

Alfonso Maruccia
67 Commenti alla Notizia Nine Inch Nails: bye bye major
Ordina
  • Elio E Le Storie Tese non solo fanno questo ormai da anni, ma
    sono stati i primi in Italia a vendere dopo ogni data live, direttamente ai loro stand, il cd della data in questione.
    "Duro Colpo" a quale mercato, quello dove praticamente a chi
    suona in un disco , su 20€ gliene arrivera' si e no 1?????
    Basta con Management, Produzione e Distribuzione,che stanno solo a lamentarsi (ritoccando in alto di continuo i prezzi) perchè non si vende, quando praticamente è per conservare una politica ormai obsoleta, che la gente , unica fonte del loro reddito, ormai non puo' piu' formalmente concedersi(e non effettua) l'aquisto di dischi originali.
    E' strano che siano , nel 2007, pochissimi i casi di mercato "individuale", che di sicurova a tagliare costi morti,e favorire chi fa veramente il mercato.
    non+autenticato
  • gli artisti indipendenti lo fanno da secoli ...
    non+autenticato
  • A dire il vero è stato il contrario prima i Nin 3 mesi fa dopo i radiohead
    non+autenticato
  • Tutto cio' e' bello, fosse solo per la sofferenza arrecata alle major con la notizia.
    LA cosa buona e' che cosi' si porta' acquistare SOLO i brani belli,eliminando tutte le porcate che servono solo a fare numero.
    Poi,conseguenza della linea diretta,venderanno meno brani ma con molto piu' profitto avendo tagliato i rami SECCHI ed INUTILI...quindi meno canzoni,di maggior qualita' e costi inferiori.
    Che sia L'ovetto del Colombo?
    non+autenticato
  • Bene... molto bene!
    Secondo me è un'ottima cosa questa!
    Cosi magari iprezzi dei dischi scenderanno, gli artisti staranno piu a contatto con i loro fan, e le canzoni saranno le loro, perchè si sa che alcune (per non dire molte..) canzoni sono "dettate"...
    Ciao a tutti!
    non+autenticato
  • > Poi,conseguenza della linea diretta,venderanno
    > meno brani ma con molto piu' profitto avendo
    > tagliato i rami SECCHI ed INUTILI...quindi meno
    > canzoni,di maggior qualita' e costi
    > inferiori.
    > Che sia L'ovetto del Colombo?

    conseguenza indiretta, è che non vedremo più cantanti ed autori condizionati dai tempi delle major ( fare 14-15 pezzi a cadenza di 2-3 anni sennò la gente si dimentica, farli così e non cosà, metti un pezzo con ritmi latino americani perchè quest'anno va di moda etc).

    gli autori presenteranno i pezzi quando li hanno, quando sono pronti e li faranno come piacciono a loro, per poi farsi il video o il giro di concerti ( da distribuire online via emule ) e fare il giro di concerti dove guadagnare dal proprio lavoro.

    ecco perchè le major hanno voluto ritardare tanto la vendita d musica online. sapevano dove si sarebbe andati a parare.
    scompariranno?

    no , ma se i radiohead possono produrre e distribuire da soli, perchè madonna o sting o altri non possono farlo?
    e, soprattutto, quanto ci vorrà prima che gli venga in mente di farlo?
  • anche al concerto di Bologna del 2 settembre scorso hanno detto le stesse cose: v@ffanc*lo alle case discografiche, rubate la nostra musica ma venite a sentire i nostri concerti la prossima volta.
    Mi piace l'idea che un gruppo faccia soldi con le esibizioni dal vivo, in questo modo si fa già selezione su chi è in grado di permetterselo. I NIN, buon per loro, sono tra le migliori live bands del mondo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Luigi
    > anche al concerto di Bologna del 2 settembre
    > scorso hanno detto le stesse cose: v@ffanc*lo
    > alle case discografiche, rubate la nostra musica
    > ma venite a sentire i nostri concerti la prossima
    > volta.
    > Mi piace l'idea che un gruppo faccia soldi con le
    > esibizioni dal vivo, in questo modo si fa già
    > selezione su chi è in grado di permetterselo. I
    > NIN, buon per loro, sono tra le migliori live
    > bands del
    > mondo.

    nessuno vi costringe a pagare la major
    non+autenticato
  • - Scritto da: sun
    > - Scritto da: Luigi
    > > anche al concerto di Bologna del 2 settembre
    > > scorso hanno detto le stesse cose: v@ffanc*lo
    > > alle case discografiche, rubate la nostra musica
    > > ma venite a sentire i nostri concerti la
    > prossima
    > > volta.
    > > Mi piace l'idea che un gruppo faccia soldi con
    > le
    > > esibizioni dal vivo, in questo modo si fa già
    > > selezione su chi è in grado di permetterselo. I
    > > NIN, buon per loro, sono tra le migliori live
    > > bands del
    > > mondo.
    >
    > nessuno vi costringe a pagare la major

    tanto meglio se è il gruppo stesso ad impedirlo Sorride
    non+autenticato
  • > alle case discografiche, rubate la nostra musica

    sogno o son desto ? ha detto _RUBATE_, non ha detto "scaricate condividete bla bla bla bla" ma ha detto _RUBATE_.

    Com'e' che se io dico che scaricare musica (protetta da copyright) dal mulo e' _FURTO_ partono tutti gli spiegoni scientifici degli scrocconi di turno e bla bla bla bla, invece adesso cicciobello nineinchnail ha detto LA stessa cosa che ho detto io e cioe .... "RUBATE" e nessuno si indigna mo ?

    Ma fatemi il paicere
    non+autenticato
  • - Scritto da: Simon e Garfunkel
    > > alle case discografiche, rubate la nostra musica
    >
    > sogno o son desto ? ha detto _RUBATE_, non ha
    > detto "scaricate condividete bla bla bla bla" ma
    > ha detto
    > _RUBATE_.
    >
    > Com'e' che se io dico che scaricare musica
    > (protetta da copyright) dal mulo e' _FURTO_
    > partono tutti gli spiegoni scientifici degli
    > scrocconi di turno e bla bla bla bla, invece
    > adesso cicciobello nineinchnail ha detto LA
    > stessa cosa che ho detto io e cioe .... "RUBATE"
    > e nessuno si indigna mo
    > ?

    perche' nel tuo caso arrivano Enzo Mazza e il codazzo di giornalisti a riportare la Voce delle Major...ed e' difficile riuscire a sovrastare la loro voce.

    quando invece, come nel caso di Radiohead, NIN etc, le major vengono messe da parte e non sanno piu' che pesci pigliare, finalmente abbiamo lo spazio per rivendicare il nostro "furto".

    un po' alla volta, le cose cambiano, e anche le nuove scelte di queste grosse band sono una parte di questo cambiamento.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Simon e Garfunkel
    > > alle case discografiche, rubate la nostra musica
    >
    > sogno o son desto ? ha detto _RUBATE_, non ha
    > detto "scaricate condividete bla bla bla bla" ma
    > ha detto
    > _RUBATE_.
    >
    > Com'e' che se io dico che scaricare musica
    > (protetta da copyright) dal mulo e' _FURTO_
    > partono tutti gli spiegoni scientifici degli
    > scrocconi di turno e bla bla bla bla, invece
    > adesso cicciobello nineinchnail ha detto LA
    > stessa cosa che ho detto io e cioe .... "RUBATE"
    > e nessuno si indigna mo
    > ?
    >
    > Ma fatemi il paicere

    Han detto proprio "rubate", si. La sostanza del loro discorso è che i soldi li fanno con le esibizioni dal vivo.
    Se poi i veri fan, o meglio quelli che tengono in modo particolare alla band, pagano un "contributo" per acquistare il disco dal loro sito, ben venga.
    Trent Reznor, leader del gruppo, già dallo scorso aprile ha fatto distribuire gratuitamente nei luoghi dei concerti alcune pen drive coi pezzi del disco in uscita.
    non+autenticato
  • Forse non avete colto l'ironia o forse (piu' probabile) mi sono espresso male io.

    scaricare a sbafo musica protetta da copyright e' furto o no ?

    se Io dico che e' furto allora parte tutto l'ambaradan di scrocconi scaricatori di questo forum che mi da addosso perche' none' furto MA condivisione perche' e' liberta' di cultura e bla bla lba bla (uno aveva anche tirato di mezzo cristo dicendo che e' stato lui il primo condivisore)

    Se invece, pur in un altro contesto, gino nineninchnail dice "RUBATELA" e quindi dice la stessa cosa che dico io: "scaricare = furto", nessuno gli da addosso ?

    Nessuno gli dice "ma non e' furto, e' condivisione bla lba la liberta' di cultura bla bla e cristo era il primo condivisore ?"

    BAH
    non+autenticato
  • - Scritto da: Simon e Garfunkel
    > Forse non avete colto l'ironia o forse (piu'
    > probabile) mi sono espresso male
    > io.
    >
    > scaricare a sbafo musica protetta da copyright e'
    > furto o no
    > ?
    >
    > se Io dico che e' furto allora parte tutto
    > l'ambaradan di scrocconi scaricatori di questo
    > forum che mi da addosso perche' none' furto MA
    > condivisione perche' e' liberta' di cultura e
    > bla bla lba bla (uno aveva anche tirato di mezzo
    > cristo dicendo che e' stato lui il primo
    > condivisore)
    >
    > Se invece, pur in un altro contesto, gino
    > nineninchnail dice "RUBATELA" e quindi dice la
    > stessa cosa che dico io: "scaricare = furto",
    > nessuno gli da addosso
    > ?
    >
    > Nessuno gli dice "ma non e' furto, e'
    > condivisione bla lba la liberta' di cultura bla
    > bla e cristo era il primo condivisore
    > ?"
    >
    > BAH

    sei proprio un mc chicken...

    forse sei tu che non hai colto l'idea (per non dire che non hai capito un c4xxx dalla vita)

    a volte le parole possono essere usate per esprimere concetti differenti...

    tu con rubare intendi creare un danno ad altre persone cose o aziende scaricando in modo ILLEGALE musica o quant'altro...

    gino nineinch con RUBARE intendeva sicuramente invogliare noi utenti a rubare legalmente la sua musica e a condividerla. questa è la vera essenza dello share...

    ed è questo che tu non riuscirai mai ad apprezzare e continuerai a non capire incolpando noi di assurdi sillogismi riguardanti la liberta di condivisione...

    tu hai il tuo concetto di share=furto illegale...
    noi abbiamo il nostro e continueremo a sostenerlo così come fa il resto delle persone sane e capaci di comprendere quanto sia importante condividere e sfruttare al massimo le risorse della rete moderna...unica e sola speranza di verità in una società piena di imbrogli,furti,falsità che vanno solo a discapito del singolo...
    non+autenticato
  • gino nineinch con RUBARE intendeva sicuramente invogliare noi utenti a rubare legalmente la sua musica e a condividerla. questa è la vera essenza dello share...

    ???

    rubare legalmente ? un po' come dire una menzogna veritiera ? Rotola dal ridere
  • La parola 'rubare' cambia significato a seconda della persona che la pronuncia (o la scrive) ?
    Mi sembra un atteggiamento di comodo l'affermare che se lo dice qualcuno sia un insulto o un'accusa e se detto da qualcun altro diventi un invito a 'rubare legalmente' qualcosa.
    A parte il fatto che non esite 'rubare legalmente' (a meno di intendere certe gabelle definite 'furto legalizzato'), il tuo giudizio sul cosa volesse intendere il cantante dei NIN e' puramente arbitrario; come tu lo ritieni un innocente invito, per altri potrebbe essere inteso come istigazione a compiere illeciti nei confronti dei produttori (sia il suo che quelli di altrei artisti).
    Che poi le major possano meritare questi comportamenti, e' un altro paio di maniche ma fino a quando i legislatori non provvederanno a definire delle regole adeguate, lo scaricare 'a scrocco' (via p2p o altro) i brani coperti da diritti rimane tecnicamente un illecito.
    non+autenticato
  • L'ho appena comprato, principalmente per premiare iniziative di questo tipo, ma mi sta anche piacendo Sorride compratelo
  • - Scritto da: pikappa
    > L'ho appena comprato, principalmente per premiare
    > iniziative di questo tipo, ma mi sta anche
    > piacendo Sorride
    > compratelo

    no
    non+autenticato
  • - Scritto da: pikappa
    > L'ho appena comprato, principalmente per premiare
    > iniziative di questo tipo, ma mi sta anche
    > piacendo Sorride
    > compratelo

    grazie del consiglioSorride
    non+autenticato
  • L'album è splendido. I pezzi sono più che ascoltabili (i radiohead negli ultimi tempi ci avevano abituato ad album abbastanza "difficili"). I gli ho smollato 8 pounds, che sono tanti considerando che non c'è nessun tipo di supporto fisico (cd, confezione, testi ecc..), ma l'iniziativa e la qualità del lavoro li meritano tutti.
    non+autenticato
  • l'ho preso stamattina e lo sto ascoltando ora. non e' niente male direi un buon lavoro. il dubbio avrebbe potuto essere che fosse un album di bassa qualita' artistica e per questo fosse stato proposto per il download in questo modo.

    alla fine ho dato 5,00 euro (3,67 Sterline circa) il lavoro meritava magari di + il fatto ke siano mp3 CBR a 160kb mi spiace un po' avrei preferito almeno un 192kb.

    comunque direi che nel complesso sono piu' che soddisfatto.
    non+autenticato
  • 7 pounds
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 12 discussioni)