Giordania, in galera chi critica

Aveva pubblicato dei volantini e poi si era azzardato a parlarne in alcune email inviate all'estero. Le sue opinioni sui reali in Giordania ora lo conducono in galera

Roma - Si farà due anni di carcere il 62enne Ahmad Oweidi al-Abbadi, ex deputato della destra in Giordania, ritenuto da un tribunale giordano colpevole di aver trasmesso all'estero via email informazioni fasulle e lesive della dignità dello stato.

Secondo il tribunale, al-Abbadi, che si è sempre dichiarato innocente, non si sarebbe limitato a criticare la famiglia reale e il paese ma lo avrebbe fatto informando via email delle proprie false informazioni degli stranieri e persino pubblicando dei volantini.

L'uomo, celebre autore di saggi sulla vita e la storia giordana, è incappato non solo nelle leggi che proteggono la famiglia reale dalle critiche ma anche nei nuovi regolamenti pensati per tenere a bada quanto viene pubblicato su Internet.
1 Commenti alla Notizia Giordania, in galera chi critica
Ordina