Napster: il futuro è nel denaro

Un miliardo di dollari. Con questa cifra il sistemone spera di comprarsi l'approvazione delle majors discografiche. E mentre arrivano i primi prezzi per l'abbonamento a Napster quelli della RIAA storcono il naso. EMI possibilista

Napster: il futuro è nel denaroNew York (USA) - Un miliardo di dollari in cinque anni: questo è quanto Napster si è detto pronto a sborsare alla majors della discografia in cambio del "permesso" al "nuovo" file-sharing che Napster intende mettere in piedi.

In una conferenza stampa, Napster e mamma Bertelsmann hanno messo sul piatto questa valanga di denaro per strappare alle più accaniti accusatrici del sistemone di file-sharing, un cenno di consenso. Basterebbe quello, infatti, per trainare Napster fuori dalla melma processuale e spingerlo verso il futuro di sistemone a pagamento, a cui gli utenti potranno accedere dietro abbonamento.

Bertelsmann ha chiesto alle proprie colleghe, cioè agli altri big del "music business", di accettare una sospensione temporanea dello scontro legale per "riflettere insieme" sul futuro. Afferma Hank Berry, il CEO di Napster: "Quel che stiamo dicendo è che a questa comunità deve essere consentito di rimanere unita. Tutto quello che dobbiamo fare è sederci attorno ad un tavolo e metterci d'accordo".
In passato le offerte di Bertelsmann alle altre majors erano "modulate" su percentuali degli introiti di Napster, ma erano tutte state rifiutate. Oggi, ciascuna delle grandi potrebbe portarsi a casa senza colpo ferire 150 milioni di dollari all'anno. Altri 50 milioni sarebbero "distribuiti" tra i produttori indipendenti.
35 Commenti alla Notizia Napster: il futuro è nel denaro
Ordina
  • Ci hai svelato tutto - o quasi - quello che c'è dietro un brano musicale.
    E quelli di noi che hanno voluto capire, hanno compreso che tutto quello che ci hai svelato vale per qualsiasi bene o servizio che ci interessa acquisire: la disponibilità di qualsiasi cosa è nelle mani di un piccolo e coeso gruppo di malfattori egoisti e supponenti, forti della propria mancanza di scrupoli, e fermamente determinati a sfruttare qualsiasi cosa esistente a proprio esclusivo vantaggio.
    Ci hanno addomesticati e ci schiavizzano in ogni istante delle nostre giornate, inducendoci a lavorare per loro, per guadagnare la possibilità di acquistare, sempre da loro, il diritto di utilizzare i servizi ed i beni dei quali ci hanno convinto di aver bisogno, pagandoli al prezzo, stabilito da loro in modo da riprendersi la paga che ci hanno costretto a guadagnare.
    La libertà di scegliere solo quello che ci è indicato, NON è libertà.
    La libertà di vivere secondo le regole imposte da questi bucanieri non è diversa dalla condizione dei negri "importati" negli USA dall'Africa.
    Almeno in Rete si può dire quello che si pensa.
    Per ora...
    Ma sarà sempre così?
    non+autenticato
  • L'errore consiste nel pretendere che l'utente paghi per avere un file non gestibile, non masterizzabile, non trasferibile. Se io compro un CD, lo posso copiare (per uso personale), lo posso portare in vacanza, lo uso nel player portatile e posso sentirlo in macchina. Un MP3 (o cosa cavolo sarà) no! Rimarrà sempre lì ad occupare spazio sull'HD e per sentirlo bisognerà accendere il PC...

    Non funzionerà. Addio Napster.
    non+autenticato
  • Sapete qual'è la cosa + schifosa della storia Napster? I grandi capi delle multinazionali pensano che noi gente comune siamo dei deficienti dai quali spillare denaro, o al massimo un gregge di pecore che va x forza dove ordinano loro. Beh si sbagliano e alla faccia loro la musica su internet ci sarà SEMPRE!!
    non+autenticato
  • ...e prima di quello che pensiamo...sbonk!...cavolo sono morto!l'aria era a pagamento dal 1 febbraio io non lo sapevo, non ho pagato e me l'hanno tolta.

    CiaoSorride

    - Scritto da: marcello
    > Sapete qual'è la cosa + schifosa della
    > storia Napster? I grandi capi delle
    > multinazionali pensano che noi gente comune
    > siamo dei deficienti dai quali spillare
    > denaro, o al massimo un gregge di pecore che
    > va x forza dove ordinano loro. Beh si
    > sbagliano e alla faccia loro la musica su
    > internet ci sarà SEMPRE!!
    non+autenticato
  • Scaricatevi Napigator!
    Vi consente di collegarvi ai siti di Napster non ufficiali così quando Nps diventerà a pagamento, continueremo comunque a trovarci sui siti non ufficiali, non controllati, e pieni di Mp3.

    Riaa blow me!
    non+autenticato
  • E dove si prende Napigator?

    - Scritto da: tunz tunz
    > Scaricatevi Napigator!
    > Vi consente di collegarvi ai siti di Napster
    > non ufficiali così quando Nps diventerà a
    > pagamento, continueremo comunque a trovarci
    > sui siti non ufficiali, non controllati, e
    > pieni di Mp3.
    >
    > Riaa blow me!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Melomelo
    > E dove si prende Napigator?
    www.napigator.com
    non+autenticato

  • Lo trovate sul sito http://emd2000.cjb.net nella sezione Internet insieme ad altri programmi interessanti.
    non+autenticato
  • Tenetevi le vecchie versioni da qualche parte (es beta 6, beta 7) perchè può darsi che quelle nuove non consentano + di utilizzare Napigator e quindi di accedere agli altri server non ufficiali che saranno comunque accesi quando i server ufficiali diventeranno a pagamento (ovvero disabitati).
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 14 discussioni)