Luca Annunziata

Altro che fotoscioppe, ci pensa Flickr

Novità in vista per il portalone di foto-sharing. Geotagging all'ennesima potenza ed editor online. Chi condivide, ora modifica

Roma - Sono tre le novità annunciate da Yahoo durante il web 2.0 summit, novità che vanno ad arricchire l'offerta di Flickr: se la prima ad arrivare sui monitor di mezzo mondo riguarderà il geotagging, ora migliorato e più facile da usare, la notizia di un editor per il ritocco delle immagini online potrà rendersi utile agli utenti del portale.

Shining is back!Le immagini si potranno ritoccare direttamente nel browser. Per renderlo possibile, Flickr ha stretto un accordo con una azienda USA che possiede la tecnologia adatta: picnik. La webapp flash consente di ruotare, ridimensionare e ritagliare l'immagine proprio come in un normale programma di fotoritocco. È possibile eliminare l'effetto occhi-rossi, applicare alcuni filtri colorati e sistemare alcuni parametri come esposizione e contrasto. Il tutto comodamente in una finestra di Explorer (oppure Firefox, o Safari etc).

Per funzionare, picnik verrà lanciato attraverso iFrame, in maniera totalmente trasparente per l'utente. I proprietari di un account Flickr Pro potranno sovrascrivere l'immagine originaria con quella editata, mentre gli account semplici dovranno limitarsi ad aggiungere un nuovo esemplare alla loro collezione. Al momento, tuttavia, non sono state diffuse informazioni più precise su una possibile data di lancio del nuovo servizio.
Imminente, invece, è un rinnovato meccanismo di geotagging per le foto. Il servizio per la collocazione spaziale delle immagini è attivo da un anno, e ad oggi sono più di ventinove milioni gli scatti marchiati in questo modo. Il sistema di inserimento delle coordinate non verrà modificato, mentre subirà una rivisitazione il motore di ricerca: navigare tra le foto geotaggate sarà più semplice, e la finestra dei risultati sarà in grado di mostrare più informazioni in un colpo solo.

Flickr MapInfine, una serie di pagine a tema verrà creata sfruttando le etichette delle foto: le Places Pages, letteralmente "le pagine dei posti", racconteranno un luogo attraverso le immagini, scegliendo automaticamente cosa mostrare in base alla popolarità - la interestingness - delle stesse. Oltre alle riprese degli utenti, Flickr inserirà altre informazioni utili come previsioni meteo, ora locale ed eventuali Flickr groups attivi in quell'area. In futuro si potrà regolare la selezione anche secondo altri parametri, ad esempio scegliendo la primavera per godersi i parchi fioriti, o l'inverno per paesaggi innevati.

Luca Annunziata
23 Commenti alla Notizia Altro che fotoscioppe, ci pensa Flickr
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)