In arrivo un cellulare Audi

Qualcuno ci vede un concorrente dell'iPhone, ma in realtÓ si tratta di un telecomando per automobili. Che fa anche da telefonino

Roma - Il mondo della telefonia mobile è sempre più contaminato dall'ingresso di brand che, con il mondo delle TLC, hanno davvero poco a che fare. E un altro brand automobilistico sembra interessato ad entrare in questo mercato: sono infatti pronti a posarsi su un telefono cellulare i quattro cerchi di Audi.

Il nuovo dispositivoChi vede in questo telefonino con interfaccia touchscreen un nuovo competitor per iPhone si potrebbe dover ricredere: l'apparecchio, che è stato visto tra gli accessori presenti sul prototipo del nuovo modello dell'Audi A1, è parte integrante del progetto Metroproject Audi Mobile Device, che nelle intenzioni della Casa consentirà all'automobilista di mantenere a distanza il controllo della propria auto.

L'Audi Mobile Device è uno smartphone dual-mode dotato di connettività 3G e WiFi, nonché di modulo GPS: la possibilità di interagire con l'auto permette di comandare a distanza alcune funzioni come l'apertura delle portiere, l'antifurto (per vedere sul display del telefono ciò che viene ripreso da una telecamerina posta nell'abitacolo), il climatizzatore (utile per refrigerare l'abitacolo d'estate, ben prima di salire a bordo), il motorino d'avviamento (per partenze lampo o semplicemente per scaldare il motore al mattino), il localizzatore (in caso di furto o di amnesia sull'ubicazione del parcheggio) e altro ancora.
Tutto questo trasforma il device in un'avanzatissima chiave-telecomando, che si avvicina alle mirabolanti diavolerie di cui era dotata la Pontiac Trans-Am del telefilm Supercar, e fa passare in secondo (e anche terzo) piano le funzionalità telefoniche dell'apparecchio, che dispone anche di player multimediale.
3 Commenti alla Notizia In arrivo un cellulare Audi
Ordina
  • Mi immagino la scena: estate, auto in garage, accendo il condizionatore da remoto 10 minuti prima di usare la macchina, e quando entro in garage muoio di asfissia causata dai gas di scarico che si sono accumulatiCon la lingua fuori

    Inoltre far accendere il motore da remoto non mi sembra una cosa molto "sicura"...

    Al massimo lo vedrei bene sulla Prius la ibrida della Toyota, li il condizionatore va anche a motore spento usando la batteria...
    non+autenticato
  • - Scritto da: www
    > Mi immagino la scena: estate, auto in garage,
    > accendo il condizionatore da remoto 10 minuti
    > prima di usare la macchina, e quando entro in
    > garage muoio di asfissia causata dai gas di
    > scarico che si sono accumulati
    >Con la lingua fuori

    gia' perche' tu accenderesti l'aria condizionata della tua auto quando la parcheggi nell'unico posto in cui mantiene una temperatura vivibile? o lo faresti, piu' oculatamente, quando l'hai messa in un parcheggio, sotto il sole estivo, ad esempio dopo essere uscito dall'ufficio nel tardo pomeriggio?

    > Inoltre far accendere il motore da remoto non mi
    > sembra una cosa molto
    > "sicura"...

    beh, in un parcheggio all'aperto, a macchina chiusa, lasciata in folle e col freno a mano tirato, non vedo enormissimi problemi
    >
    > Al massimo lo vedrei bene sulla Prius la ibrida
    > della Toyota, li il condizionatore va anche a
    > motore spento usando la
    > batteria...

    perché, secondo te se audi introduce una cosa del genere non riesce ad alimentare il climatizzatore con una batteria? in fin dei conti basta poco. la mia polo gia' mi permtte di accendere il clima a motore spento. con una batteria piu' robusta forse il problema si risolve.
    non+autenticato
  • Dopo oltre 20 anni, la tecnologia si avvicina vagamente a qualche "diavoleria" vista in un telefilm. Certo che KITT era un'altra cosa: era corazzata, saltava, rispondeva a tono, sfotteva... l'Audicell cosa fa?
    E se non c'è campo?
    E quando le batterie sono scariche?

    E' ancora presto per Supercar. Sniff In lacrime
    non+autenticato