Luca Annunziata

Com'è bello lavorare all'Apple Store!

Si maschera da appassionato e riesce a farsi assumere in uno shop della mela. E scopre un rapporto coi dipendenti diverso da quello visto altrove. Lo racconta in un libro

Roma - Farsi assumere in sequenza in alcune delle più grandi aziende americane, di quelle con la propria catena di distribuzione diretta al pubblico: Gap, Starbucks, UPS, c'è solo l'imbarazzo della scelta. È quanto ha fatto Alex Frankel, già autore di un libro sul marketing delle corporation moderne, nel tentativo di raccontare l'anello di congiunzione tra produttori e consumatori.

Alex Frankel Ecco come Frankel racconta il suo primo giorno all'Apple Store: "Con un paio di cuffiette bianche, mi piazzo davanti al computer a guardare la suggestiva pubblicità di Ridley Scott 1984, riepilogando la storia dell'azienda e gasandomi per il mio nuovo lavoro". Frankel, come molti altri dipendenti della catena, è prima di tutto un utente affezionato dei prodotti Mac: una condizione probabilmente indispensabile per trovare posto nell'organico.

Il quadro descritto pone ancora una volta Apple in netto vantaggio sulla concorrenza. A Cupertino hanno "reinventato" pure il commercio al dettaglio, secondo Frankel, e sono riusciti a trasformare i propri venditori in una sorta di dispensatori di notizie: hanno l'aria di chi passeggia per il negozio, senza impegnarsi troppo, ma grazie a questo approccio scanzonato sono in grado di produrre un incasso mensile di quasi 3mila euro per ogni metro quadrato del negozio. Una cifra di gran lunga sopra la media.

Frankel la descrive come la migliore esperienza che abbia fatto in una catena: "Tante compagnie falliscono dal principio nel tentativo di entrare in contatto con i nuovi assunti, utilizzando materiale pensato per il minimo comun denominatore. Gap inizia l'orientamento col piede sbagliato, mostrando un video sui pericoli del furto dei dipendenti. Starbucks con uno slogan orwelliano, Be Authentic". Apple, invece, si rivolge ai suoi dipendenti come a persone adulte: sono il suo punto di contatto con la clientela, in un certo senso la rappresentano ogni giorno.

Ma per cambiare l'immagine dei dipendenti, ed uniformarla a quella che si vuole dare all'azienda, occorre impegnarsi anche a trovare nuovi strumenti per l'addestramento: largo quindi a podcast audio e video che istruiscono sull'approccio al cliente per migliorare la sua permanenza nello store. L'importante è rendersi conto che occorre insegnare ai commessi come veicolare, oltre al prodotto, anche l'immagine di Apple. Che nell'acquisto dei prodotti marchiati con la mela, conta davvero tanto.

Chiunque sia capitato in un Apple Store può testimoniarlo: fare shopping lì è una esperienza piacevole. I dipendenti collaborano tra di loro, dando l'immagine di un gruppo coeso e vincente. Non c'è tempo per perdersi dietro abbigliamento e divise: si respira un'aria informale, si chiacchiera del più e del meno mentre si procede all'acquisto, e infine si esce dal negozio soddisfatti e contenti. Con un gran voglia di tornarci. E magari comprare qualcos'altro.

Luca Annunziata
110 Commenti alla Notizia Com'è bello lavorare all'Apple Store!
Ordina
  • Sono d'accordo con te sui prodotti apple e li adoro, ma senza dimenticarmi che lavorare all'apple store come commesso (nulla togliere ai commessi), dopo che hai studiato anni informatica e sei nel settore da anni... scusa ma col CAZZO... Perchè non mi propone di andare a fare programmi per loro dato che su apple store sono presente con applicazioni e fanno incassare da punte di 1000 a 1300 a bimestre ?
    non+autenticato
  • Proprio oggi ho fatto visita allo shop in shop della Apple in via Luca Giordano a Napoli all'interno del megastore Fnac. Stasera c'era l'inaugurazione...un dipendente della Apple gentilissimo e preparatissimo è stato a dir poco eccezionale nell'approccio con il sottoscritto e con mia figlia. Ci ha dedicato una decina di minuti di spiegazioni...mia figlia è rimasta estasiata!!! Complimenti Apple!
  • Di certo i commessi Apple... che chiacchierano tra di loro del più e del meno, mentre passeggiano nel locale vestiti in modo informale... sanno come usare la cortesia se: dopo averti comunicato che al tuo ipod, acquistato 3 anni fa a 349euro, si è bruciato l'hd, e che per ripararlo serve la modica cifra di 261euro, col sorriso sulle labbra ti consigliano di acquistarne uno nuovo a 149euro... peccato che il tuo avesse 20gb di spazio e loro ti propongono il modello vecchio dell'ipod nano...però lo fanno con cortesia...
    non+autenticato
  • any idea riguardo i contratti che fanno all'apple store a roma?
    non+autenticato
  • ...neppure per le grandi catene dell'elettronica di consumo.
    Sulla competenza eccepisco un po' di più, anche se per certi prodotti "pompati" dal marketing del momento intuisco che alcuni commessi più competenti della media, se liberi di parlare, direbbero tutt'altro.
    Su competenza e cortesia negli Apple Store non posso pronunciarmi, è passato troppo tempo dall'ultima volta che vi ho messo piede (ai tempi dei primi mac con PowerPC ne avrei preso certamente uno, se fossi riuscito ad ottenere un prezzo "education" IVA esclusa uguale a quello pagato dagli studenti USA negli spacci dei campus, ma così non fu).
    non+autenticato
  • Nei campus da loro fanno iva esclusa e da noi cagano un misero 6% ?

    Meglio che non dica dove possono infilarsi l'ipod nano...
    non+autenticato
  • > Sulla competenza eccepisco un po' di più
    Poco più sotto dici che non puoi pronunciarti e qui scrivi che eccepisci...


    > se per certi prodotti "pompati" dal marketing del
    > momento intuisco che alcuni commessi più
    > competenti della media, se liberi di parlare,
    > direbbero tutt'altro.


    > Su competenza e cortesia negli Apple Store non
    > posso pronunciarmi,
    Ma se hai appena eccepito!

    > è passato troppo tempo
    > dall'ultima volta che vi ho messo piede
    Ma tu hai presente che esiste un solo Apple Store in tutta l'Europa Continentale e che questo AS si trova a Roma?
    Bene, ha aperto da pochi mesi. Quindi TU non puoi proprio aver acquistato in un Apple Store. Sempre che tu non abbia acquistato il tuo bel mac in America...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | Successiva
(pagina 1/5 - 21 discussioni)