2001 Linux nucleare

Per il 2001 potremmo ritrovare Linux alla guida di diverse centrali nucleari su velocissimi supercomputer

Il dipartimento per l'energia americano ha un programma riguardante le armi atomiche che prevede l'adozione di un supercomputer, per il 2001, da installarsi presso il Los Alamos National Laboratory. Il supercomputer richiesto dal dipartimento dovrà essere il più veloce al mondo.

La sfida è stata accettata da SGI che ha presentato un progetto che prevede la costruzione di un sistema di nome T30 equipaggiato con il sistema operativo Linux.

Fra i promotori di questa offerta ci sarebbero nomi del calibro di Compaq e Sun, mentre IBM avrebbe già un suo progetto in merito.
Il 2001, che rappresenta anche il 10° anno di nascita di Linux, potrebbe quindi rappresentare per questo sistema operativo una tappa storica che lo porterebbe a livelli d'utilizzo sinora impensati.

Naturalmente SGI deve ancora vincere il contratto e, a detta degli stessi vertici dell'azienda, due anni per un progetto del genere sono davvero un tempo limite.

Quello che a questo punto tutti si domandano è se SGI intenderà utilizzare, per il suo T30, processori MIPS o IA-64 e come conta di fare con la gestione stabile ed efficiente di centinaia di processori ad un Linux che, almeno sotto questo aspetto, è stato testato pochissimo e non può certo ancora competere con Irix, la piattaforma proprietaria di SGI che gestisce tranquillamente fino a 512 processori in parallelo.