Alfonso Maruccia

Mr. Modchips è colpevole

Lo stabilisce un tribunale britannico, secondo cui il giro di dispositivi modificati e console videoludiche trasformate garantiva lauti profitti, però illegali. Linea dura contro l'uomo che veniva da Bristol

Londra - Neil Stanley Higgs, inglese 39enne di Bristol che gestiva il sito Mr. Modchips specializzato nella vendita di modifiche per console, è stato riconosciuto colpevole dalla Corte di Sua Maestà - secondo caso mai registrato nelle cronache del Regno - nell'ambito della distribuzione di tecnologie illecite pensate per incitare la pirateria videoludica. Higgs ha cominciato a trafficare in modchip sin dal lontano 2002, e si stima che il suo giro di affari al 2006 ammontasse a 1 milione di sterline.

Nel gennaio dell'anno scorso ufficiali del Bristol City Council's Trading Standards, imbeccati da indagini private condotte da Entertainment and Leisure Software Publishers Association (ELSPA), avevano perquisito le proprietà commerciali dei genitori di Higgs, sequestrando nove computer e migliaia di modchip della linea Executor per console Microsoft e Nintendo.

Nei computer sequestrati furono trovate ben 200mila email dalle quali gli inquirenti hanno desunto nuovi indizi sui fiorenti traffici dell'uomo, mail usate poi come prova davanti al giudice durante il processo. E la conseguente sentenza di condanna ci è andata giù pesante: Higgs è stato riconosciuto colpevole di 26 reati secondo la Sezione 296ZB della legislazione anti-modchip Copyright, Designs and Patents Act, tre reati per aver pubblicizzato, fornito e venduto i dispositivi in oggetto e 11 reati per il possesso dei chip Executor.
"Il caso di oggi stabilisce un importante precedente nella lotta contro la pirateria, proteggendo gli investimenti dell'industria videoludica in giochi eccezionali", ha dichiarato l'esponente di ELSPA Michael Rawlinson. Ed è "un messaggio chiaro", inviato nei confronti di quanti come Higgs fossero coinvolti nel commercio di modchip per console: tale "atto criminale" verrà trattato e punito "nel modo più duro possibile". L'entità della pena verrà decisa nelle prossime settimane.

L'azione dell'industria, ha dichiarato Rawlinson, si focalizza attualmente sul contrasto al mercato illegale, e quella di Higgs è una vicenda che segue di poco il pugno di ferro promosso da Nintendo contro la fabbrica di Hong Kong specializzata nei chip per modificare le sue console di maggior successo, Wii e DS.

Alfonso Maruccia
3 Commenti alla Notizia Mr. Modchips è colpevole
Ordina
  • La scelta di perseguire quella persona non e' stata casuale, mr. modchip e' infatti un noto heavy spammer che non si faceva scrupoli nel pubblicizzare violando le policy di forum, gruppi, pagine web e persino pagando affinche' gli aprissero e rubassero accounts da utilizzare nonche' affidare lo spamming a virus remailer:
    probabilmente la polizia che di solito certi fatti peferisce ignorarli di fronte al personaggio ha deciso che era troppo e da qui e' proseguita l'operazione di collaborazione.
    Se ricordate un caso simile in italia l'abbiamo avuto, mi sfugge il nome adesso, si tratta di quell'azienda che installava sistemi per ridurre i consumi dei riscaldamenti che fini' nell'occhio del ciclone perche' i commerciali che non fatturavano abbastanza venivano picchiati.
    non+autenticato
  • SO per certo che almeno il Wii è modificabile anche con chip programmabili che si trovano normalmente in commercio...
    non+autenticato
  • Morto un papa se ne fa un altroSorride
    Cmq perchè non si decidono a far pagare di meno i giochi? vi pare normale spendere 60 euro per un gioco che se vi dura 30 ore di gioco è grasso che cola?
    I pro gamers macinano giochi in quantità industriale, tocca aprì un mutuo per giocareA bocca aperta
    non+autenticato