Dario Bonacina

Call center, 260mila euro di multa

Chiamate indesiderate, dati trattati senza consenso e informativa dei clienti, servizi appioppati a caso... Sono 60 i casi di abuso rilevati e sanzionati dal Garante per la privacy. Il vento sta cambiando?

Roma - Anche lo spam telefonico è un problema di privacy. E il Garante prova a farlo diventare, come un boomerang, un problema di chi lo provoca: fin qui sono 60 le sanzioni applicate dal tutore della riservatezza e della protezione dei dati personali contro compagnie telefoniche, colpevoli di aver tempestato gli utenti di chiamate indesiderate e di servizi non richiesti.

Nella newsletter pubblicata dal Garante della Privacy si legge infatti: "Sessanta sanzioni applicate e oltre 260mila euro già versati sono solo i primi risultati dei recenti interventi del Garante sull'operato dei call center a tutela degli utenti telefonici. Le sanzioni comminate a gestori di telefonia fissa e mobile per illeciti trattamenti di dati personali riguardano prevalentemente attivazione di servizi non richiesti (cambi di operatore, linee Internet veloci, servizi aggiuntivi) e, in misura minore, telefonate pubblicitarie indesiderate. Le società telefoniche hanno preferito, in molti casi, chiudere subito il contenzioso attraverso il pagamento anticipato in misura ridotta, previsto per chi non intenda impugnare la contestazione della violazione".

Le sanzioni hanno colpito i call center dei principali gestori, tra cui spiccano i nomi di Telecom Italia, Tele2, Fastweb, Wind, Eutelia, Tiscali).
"Nella maggior parte dei casi - spiega l'Autorità - è stato sufficiente che chiunque, un figlio, un collaboratore di famiglia, rispondesse al telefono e senza dare alcun assenso a quanto veniva proposto, perché venissero attivati servizi mai richiesti con conseguenti fatturazioni di costi in bolletta, distacco, anche per alcuni mesi, della linea telefonica, attese per il passaggio ad un altro operatore. A volte non c'è stata neanche la telefonata e l'utente si è accorto di aver aderito a qualche nuova offerta solo al ricevimento della bolletta".

Un problema tutt'altro che nuovo e che il Garante ha affrontato con energia, richiamando all'ordine gli operatori che sono stati anche oggetto di un'inchiesta del Ministero delle Comunicazioni e di ispezioni effettuate dallo stesso Ufficio del Garante: "Dalle verifiche è emerso che la maggior parte dei call center non informavano adeguatamente le persone contattate o operavano addirittura senza dire all'utente che si stavano raccogliendo i suoi dati, per quali finalità venivano usati, se era obbligato o meno a comunicarli, quali erano i suoi diritti. I call center hanno invece l'obbligo di informare con la massima trasparenza gli utenti sulla provenienza dei dati e sul loro uso e, se richiesto, di registrare la volontà dell'abbonato di non essere più disturbato".

Le sanzioni sono dunque una logica conseguenza di questa attività ispettiva. "Per omessa o inidonea informativa il Codice privacy prevede una sanzione che va da 3.000 a 18.000 euro, che puo' essere aumentata sino al triplo a seconda delle condizioni economiche della società". Peccato solamente che tali importi, anche se triplicati, costituiscono una punizione decisamente poco rilevante, soprattutto in rapporto al volume d'affari delle compagnie telefoniche punite.

Dario Bonacina
12 Commenti alla Notizia Call center, 260mila euro di multa
Ordina
  • Il vento cambierà tante volte, ma alla fine sempre merda a noi poveracci porterà, almeno fino a quando non avremo il coraggio di dire NO! alle prese per il culo.
    e allora sì che anche noi come lo Zarathustra di Nietzsche potremo dire: "Siamo un vento potente che soffia su tutto ciò che è falsità e ipocrisia. Attenti a non sputare controvento".
    non+autenticato
  • Mi ricorda un racconto di un poliziotto delle piste a Canazei, c'era una pista chiusa, un russo se ne e' infischiato ed e' andato giu' comunque, all'arrivo c'era la polizia che gli ha contestato 100 euri di multa per aver percorso una pista chiusa, lui gli ha dato 200 euro e ha detto "Bella pista, me la faccio un'atra volta".

    Se uno scarica un film paga 1000 euro di multa, se uno truffa per 1 mil di euro ne paga 250 mila di multa... mi sembra coerente!
    La prossima volta che mi fanno la multa per sosta vietata chiedero' di avere lo stesso trattamento, non ho pagato 3 euro, la multa deve essere di 1,50.

    Ma vedete di andare tutti aff******
    non+autenticato
  • > Mi ricorda un racconto di un poliziotto delle
    > piste a Canazei, c'era una pista chiusa, un russo
    > se ne e' infischiato ed e' andato giu' comunque,
    > all'arrivo c'era la polizia che gli ha contestato
    > 100 euri di multa per aver percorso una pista
    > chiusa, lui gli ha dato 200 euro e ha detto
    > "Bella pista, me la faccio un'atra
    > volta".
    >
    > Se uno scarica un film paga 1000 euro di multa,
    > se uno truffa per 1 mil di euro ne paga 250 mila
    > di multa... mi sembra
    > coerente!

    purtroppo sono daccordo con lui!
    a me povero cristo, che magari non mi faccio fare lo scontrino fiscale in pizzeria per farmi offrire il limoncino, se mi cuccano mi indebitano fino al culo...

    ai quei pistolini 250 mila euro sono meno di un quarto di quanto hanno guadagnato! a mio parere MOLTO meno!
    per non parlare della rottura di palle di sti call center!
    fatalità ti chiamano sempre verso pranzo quando stai mangiando o magari se ti sei buttato a letto a fare pennichella.. per offrirti la ADSL!! ma io ce l'ho già!
    oppure... io ho un contratto telefonico con wind!
    porca miseria.. mi ha chiamato wind per chiedermi se volevo diventare loro cliente e che mi offrivano un nuovo piano tariffario promozionale! ma cacchio... sono già cliente wind! pago già voi! uff.....

    loro hanno rotto le palle agli italiani almeno per 250 miliardi di euro! senza contare quanto ci hanno guadagnato con sta manovra, che ritengo al pari di una truffa!
  • Da qua si capisce quanto vale la privacy in italia, e sopratutto che il governo è in mano alle lobby... cosa sono 250 mila euro di multa per aziende che sottopagano lavoratori anche per decenni? E a cui è permesso di creare veri e propri poli per lo sfruttamento delle risorse umane incontrollato (vedi i casi in Sicilia)...a 4 persone sono kiesti milioni e milioni di multe per scaricare senza scopi di lucro... e questi che magari giocano a "figurine" con i dati della gente, una multa ridicola..."ce l'ho, ce l'ho... mi manca"
    non+autenticato
  • Stampatevi questo testo ed usatelo!

    "Le ricordo che Lei deve registrare la mia volontà di non ricevere altre comunicazioni promozionali, come stabilito dal Garante nel provvedimento pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 6 marzo 2006. Se la mia volontà non viene rispettata, il trattamento dei miei dati è illecito e comporta anche sanzioni penali ai sensi del Codice sulla privacy."
    non+autenticato
  • Seee, non ti stanno neanche a sentire: quando fai presente queste cose gli operatori buttano giù e richiamano dopo qualche giorno...
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 20 novembre 2007 12.14
    -----------------------------------------------------------
  • Se i danni li subiscono gli utenti, perchè ogni volta le multe le incassa l'antitrust per lo stato? non sarebbe più giusto, che questi importi vadino a coprire le insolvenze degli utenti defraudati, che so dagli 899?

    Per me lo stato non agisce come un buon padre di famiglia, ma agisce come un autentico mafioso raccogliendo il pizzo per se, lasciando nella me**a che ha contribuito a creare i contribuenti, visto che quando c'è da vigilare non vigila affatto.

    Chi ci garantisce a questo punto, che non sia la solita foffa all'italiana, dove a prenderlo in quel posto è sempre colui che dovrebbe essere tutelato?

    LA LEGGE NON AMMETTE IGNORANZA, MA CAMPA SULLA MEDESIMA.

    TUTTO QUESTO E' UNO SCHIFO!!! POI SI DOMANDANO MERAVIGLIATI PERCHE' LA GENTE NON CREDE NELLA LEGGE E NELLO STATO.
    non+autenticato
  • Vai sul sito del Garante delle Comunicazioni e vedrai le varie cause con il rimborso all'utente.
    Se te apri il contenzioso il rimborso spetta a te.. ma se il contenzioso lo apre il Garante spetta a lui e vedrà lui come utilizzarlo.. non facciamo come il tesoretto che volevano dare 5 euroa ad ogni famiglia al mese..

    Se ti arrivasse un euro sulal bolletta a causa del rimborso ti lamenteresti.. ma i soldi che tornano sono quelli..
    non+autenticato
  • ...i controlli sono pochi (e di solito scattano solo quando a rimanerci bruciato è qualcuno di importante o che sa dove mettere le mani)... le azioni forti per punire chi fa il furbo praticamente sono inesistenti ecchècciaspettiamo ?
    Che il senso d'onestà prevalga ?
    non+autenticato
  • Vai a vedere sul sito del garante dove ci sono le varie cause..
    Dato che parli così hai mai aperto un contenzioso?
    Io ho avuto a che fare con quelli del Garante e sono un ufficietto e disponibilissimi..

    Sul fatto che nessuno sa dove mettere le mani quello vero..
    non+autenticato
  • - Scritto da: Lorenzo
    > Vai a vedere sul sito del garante dove ci sono le
    > varie
    > cause..
    > Dato che parli così hai mai aperto un contenzioso?
    > Io ho avuto a che fare con quelli del Garante e
    > sono un ufficietto e
    > disponibilissimi..
    >
    > Sul fatto che nessuno sa dove mettere le mani
    > quello
    > vero..

    Mani in pasta eh? E' il terzo messaggio in cui li difendi.
    non+autenticato
  • Difendo quelli del garante perchè sono stati disponibilissimi quando Infostrada mi ha staccato da telecom a mia insaputa.. se queste ti sembrano mani in pasta.. io direi più che è stata un'inc..ata.. e quando ti trovi qualcuno che ti richiama quando hai problemi (e non come fanno i call center della telefonia) sinceramente apprezzo!!! Non so te cosa stai pensando..
    non+autenticato