Dario Bonacina

TRE e Skypephone, polemiche in rete

La blogosfera si inalbera sulla questione trasparenza, ma è una faccenda nota: da sempre le tariffe dei carrier sono articolate e pubblicate in modo da evidenziare solo le condizioni più invitanti per l'utente - UPDATE

(update in calce) - Roma - L'offerta del 3 Skypephone fa discutere: il telefonino di TRE che permette di parlare con Skype sembra rappresentare la goccia che fa traboccare il vaso della sopportazione degli utenti verso un mondo - quello della telefonia mobile - fatto di offerte commerciali articolate e pubblicizzate in modo eterogeneo e spesso non completamente comprensibile.

Tra i molti che hanno descritto l'offerta c'è Federico Cella su Vita Digitale. Fra i commenti, Mister OZ avverte: "Occhi aperti con le note a calce in corpo piccolo grigio chiaro".

Da qui è partita una lunga serie di post dedicata alle clausole contrattuali che gli operatori di telefonia mobile espongono in modalità graficamente meno evidenti rispetto alle condizioni economiche ritenute più interessanti, dove spesso spiccano parole come "gratis", "per sempre" e "senza limiti". Una prassi ormai consueta per gli operatori di telefonia, così come per molte altre organizzazioni.
Francesco Minciotti nel blog I miei silenzi.com racconta le risposte ottenute in una telefonata intercorsa con "il responsabile di gestione dei punti vendita 3" per avere chiarimenti sull'offerta legata allo Skypephone, ritenuta tutt'altro che chiara. Il post, e la conversazione riportata, contengono alcune imprecisioni (sulla gratuità del comodato d'uso con cui viene offerto l'apparecchio e su alcune questioni tecniche relative alla modalità di fruizione di Skype via UMTS), espresse da entrambi gli interlocutori, ma rispecchia la diffidenza che gli utenti-consumatori provano di fronte alle offerte degli operatori di telefonia mobile. Una diffidenza motivata, ad esempio, dalle numerose sanzioni che l'Antitrust ha comminato nei loro confronti, e a cui i blog danno voce, evidenziando la "denuncia" de I miei silenzi.com. Che però ritiene l'offerta truffaldina.

La vicenda ha un notevole impatto in rete, come sottolinea Luca Conti su Pandemia: "cercando su Google Skypephone, ora, al secondo posto appare l'articolo di Francesco Minciotti ed è probabile che presto le prime pagine dei risultati si riempiano dei contributi degli altri blog che hanno rilanciato la notizia. Per minimizzare il danno, pensando seriamente di migliorare il call center, TRE dovrebbe contattare Francesco Minciotti e gli altri blogger che lo hanno ripreso, rispondendo formalmente e con trasparenza ai dubbi e alle inesattezze, il più presto possibile, disinnescando la bomba".

Sulla questione prova a gettare acqua sul fuoco Roberto Dadda, che evidenzia come sul sito dell'offerta di TRE siano indicati costi e modalità dell'offerta e ricorda che "per valutare se un contratto è truffaldino non ci si può certo basare su di una telefonata, ma ci si deve basare sulla offerta e sulle clausole contrattuali". Fermi restando alcuni aspetti fuorvianti: i claim pubblicitari ("Da oggi Skype sul tuo videofonino 3. Chiama gratis dove vuoi e quanto vuoi") e il fatto che - al lancio dell'offerta - sul sito web comparivano solamente le condizioni dell'offerta in comodato d'uso e non in acquisto.

La discussione è, in definitiva, legata ad una generale mancanza di chiarezza delle condizioni commerciali esposte nella pubblicità e nelle presentazioni, in cui esistono spesso - come noto - clausole indicate in modalità molto meno evidenti che descrivono soglie massime di utilizzo, vincoli e costi effettivi di determinati servizi. Sullo sfondo c'è l'esigenza, da parte dei consumatori, di essere messi in grado di conoscere - senza equivoci - tutte le condizioni che un'azienda stabilisce per la vendita di un bene o la fruizione di un servizio.

Enfatizzare le condizioni più allettanti e mettere in secondo piano quelle più vincolanti (con scritte a scorrimento veloce negli spot pubblicitari o con caratteri di dimensioni minuscole sulla stampa e su Internet) di certo non contribuisce alla massima trasparenza. È vero, questo atteggiamento non è un'esclusiva degli operatori mobili, ma è una prassi commerciale comune a molti settori, come quello finanziario e dei prestiti al consumo. Ed è verosimile che il clamore suscitato in rete sia foriero di nuove iniziative volte alla tutela dei consumatori. Del resto esistono precedenti recenti, come l'abolizione dei costi di ricarica, che hanno portato ad una rivoluzione nel mercato della telefonia mobile.

UPDATE
L'imponente reazione del popolo della rete e l'interessamento di PI Telefonia hanno motivato Francesco Minciotti (autore del blog I miei silenzi.com) a tornare sull'argomento 3 - Skypephone con un nuovo post, in cui puntualizza la propria posizione di utente intenzionato non ad esprimersi ad una mera denigrazione dell'offerta di TRE, bensì a sottolineare quello che viene definito "un problema di comunicazione, non di contenuti" e che riguarda le modalità scelte dall'operatore per descrivere all'utenza le condizioni dell'offerta (che sono state pubblicate in questa pagina).

L'aggiornamento scritto da Minciotti, che contiene inoltre alcune risposte ai dubbi inizialmente posti su alcune clausole dell'offerta, è reperibile a questo indirizzo.

Dario Bonacina
59 Commenti alla Notizia TRE e Skypephone, polemiche in rete
Ordina
  • Questa settimana è scoppiato il caso dello Skype Phone e 3 per un ragazzo con tanta buona volontà e un po’ troppa fretta a tirare conclusioni.E preso dall’attenzione e dal momento si è trovato invischiato in cose un po’ più grandi di lui e delle sue conoscenze.
    Io uso Skype sul telefonino da quando quando è arrivato per Windows Mobile ora uso un Symbian con X-Series e 3 per le chiamate e la chat con Fring il tutto in una piccola slitta. La qualità è molto buona certo non cristallina, come un MP3, ma per quel prezzo mi va benissimo ed è meglio di molte chiamate Skype verso linea fissa. Quando è uscita l’offerta di 3 mi sono informato come sempre non sono sul sito di 3 ma anche da alcuni siti specializzati, che hanno partecipato alla conferenza, e hanno sempre detto 10 ore di chiamate in uscita e 10 ore di chiamare in entrata, per un totale di venti, citando V.Novari alla conferenza. Per quanto riguarda il contratto non so ma a me sembra normale. Chi compra spende 99 euro ed è finita lì si fa la sua ricarica da 5 euro e va avanti. Chi fa un contratto stipula un accordo, e il mio papà mi ha sempre insegnato a leggere tutte le clausule, e devo dire che non è difficile da capire, è un contratto e parla il legalese come tutti. La cosa che mi ha molto fatto pensare è che è stato utilizzato da alcuni siti e forum come scudo e hanno riportato le tue osservazioni imprecise e forti forse volutamente.
    Visto che poi si è informato meglio hai dovuto “modificare” delle affermazioni.

    Io per tagliare la testa al toro mi sono letto anche la recensione sullo Skypephone di Bernhard Warner e lui ha un po’ di esperienza ne ha.
    Grazie e PS ho pubblicato questo post anche si silenze
    non+autenticato
  • Premesso che sono daccordo sul fatto che TRE, almeno per le nostre esigenze sia imbattibile e che sia l'unica che ti offra dei servizi congrui con l'uso che ne può fare un professionista ma anche loro hanno il vizio di prendere per i fondelli le persone da un lato mentre gli danno la carota dall'altro..

    Bisogna considerare che data la loro situazione finanziaria è più importante acquisire clienti che non fare utili..

    Aggiungerei una precisazione sullo Skypephone e sull’offerta alla luce del Codice Civile..

    La prestazione promessa ovvero 10 ore di chiamate è irrealizzabile in quanto non consentita dalla autonomia del telefono ergo dato che il gestore lo sa in anticipo si tratta di un raggiro nè più e nè meno come affittare un posto macchina sulla Luna e pertanto questo contratto è annullabile in qualunque momento visto che l’utente lo sottoscrive proprio per approfittare di questa possibilità che in realtà non esiste.. TRE sa poi benissimo che la maggior parte delle persone che sottoscriveranno lo Skypephone ci giocherà il primo giorno e poi lo userà come un normale cellulare rimanendo però vincolato per trenta mesi e diventando un altro scalpo da appendere fuori dalla porta dei loro padroni cinesi e delle banche..
    non+autenticato
  • Sapete perchè non è possibile acquistare on-line lo skypephone (99 euro) sul sito della 3, ma c'è solamente la formula del comodato d'uso?
    non+autenticato
  • ovvio!!! avresti il diritto di recesso entro 30 giorni... mica sono gnucchi.. sono furbini
    non+autenticato
  • "gratis"
    Traduzione: a forfait, prima paghi e poi effettivamente non paghi più (fino al mese prossimo)

    "per sempre"
    Traduzione: finché paghi il forfait, e comunque finché noi non cambiamo le condizioni contrattuali

    "senza limiti"
    Traduzione: nei limiti riportati in grigio-chiaro-su-sfondo -bianco-in-minuscolo per 3 secondi nello spot (sempre illeggibili pure col fermo immagine), o in fondo a 3 paginate sul sito, o declamate in stile "disco avanti veloce 4x" alla radio
    Funz
    12979
  • mi pare quelli della 3 sono cinesi
    sapete già come la pensano dalle mie parti
    non+autenticato
  • - Scritto da: nordest
    > mi pare quelli della 3 sono cinesi
    > sapete già come la pensano dalle mie parti

    quale non e' cinense o non ha parti cinesi ?
    Angioletto
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 16 discussioni)