Fisco online, tutti contenti

I dati delle Finanze parlano di una vera e propria rivoluzione introdotta dal fisco telematico. E se il Ministero è soddisfatto lo sono anche i contribuenti. O no?

Roma - Aumenta e soddisfa l'Agenzia delle Entrate l'impatto del "fisco telematico", quell'insieme di servizi online pensati per rendere più agevole non solo il dialogo tra autorità tributarie e contribuente ma anche per semplificare le procedure burocratiche per i pagamenti, il calcolo delle aliquote, la gestione dei contratti e via dicendo.

L'Agenzia - che opera in stretta partnership con il Ministero delle Finanze - in una nota ha fatto sapere che il numero di contestazioni è sceso dai 4,3 milioni di due anni fa agli attuali 1,7 milioni e ci sarebbero tutti gli spazi per una ulteriore contrazione, proprio grazie ai benefici dell'interfaccia telematica, compresa la possibilità di utilizzare questo sistema per chiedere chiarimenti ai commercialisti.

Questa strategia, denominata "Zero Carta", ha portato allo scambio via internet tra contribuenti ed autorità fiscali di 530mila documenti, 370mila dei quali sono dichiarazioni dei redditi. Aumentano anche le registrazioni online degli affitti (23mila) e dei contratti di acquisto dei beni immobili (14mila).
Intorno alle polemiche su Unico 2002 e all'interrogazione del senatore verde Cortiana sull'esclusione dei sistemi open source tra quelli abilitati ad utilizzare il software per la presentazione via internet della dichiarazione dei redditi, dall'Agenzia non sono arrivati commenti, se non una specificazione che "uno degli ostacoli è rappresentato dalla necessità di scaricare il programma via internet. Ora invece abbiamo lanciato UnicoWeb che consente la compilazione in diretta, senza altre complicazioni".
TAG: italia
6 Commenti alla Notizia Fisco online, tutti contenti
Ordina