Gaia Bottà

Xbox, class action in vista

L'ha intentata un americano: Microsoft non controlla che l'abbonamento ad Xbox Live venga stipulato da un maggiorenne e il servizio si rinnova senza informare l'utente

Roma - Microsoft "induce a stipulare delle relazioni contrattuali per i servizi Xbox Live in maniera fraudolenta". Questa l'accusa scagliata contro BigM da Francisco Garcia, cittadino dello stato americano della Georgia.

L'uomo, spiega Information Week, lamenta il fatto che nel 2005 Microsoft avesse lasciato che fosse il piccolo Silvario, suo figlio, a sottoscrivere un abbonamento annuale ai servizi Xbox Live. Silvario aveva utilizzato la debit card del padre: tutto era filato liscio fino alla scadenza dell'abbonamento, che pare si sia automaticamente rinnovato per l'anno successivo senza che Francisco Garcia venisse avvertito di nulla.

Ma sulla debit card di Francisco Garcia non c'era una somma sufficiente a coprire le spese per il rinnovo: ha pensato a tutto la banca, che ha sopperito alla mancanza di fondi rivendicando poi da Garcia un pagamento di 35 dollari solo per il servizio prestato.
Microsoft ha già rimborsato Garcia per l'anno di abbonamento indesiderato, ma non ha acconsentito a rifondere l'uomo dei 35 dollari richiesti dalla banca. Un accordo che non ha soddisfatto Francisco Garcia: ora minaccia di intentare una class action.

Chiederà che Microsoft rifonda tutti gli americani che hanno intrattenuto relazioni contrattuali indesiderate per i servizi Xbox Live, e tutti i genitori a cui sono toccati in sorte figli abbastanza svegli da spacciarsi per maggiorenni e da abbonarsi a Xbox Live con le loro carte di credito. (G.B.)
6 Commenti alla Notizia Xbox, class action in vista
Ordina
  • c'è qualche cosa che non torna: la debit card (come puntigliosamente specificato) è in tutto e per tutto la nostra "carta di debito", nota ai più come bancomat (nella lingua volgare). Queste carte (a differenza appunto delle "carte di credito") non dispongono di un proprio plafond di spesa, ma si appoggiano in modo diretto su un conto corrente. Ad ogni singola operazione della debit card (del "bancomatì") corrisponde un movimento di addebito nel conto corrente collegato. L'unico modo per spiegare le rivendicazioni del signor Garcia (...) è che l'addebito del canone annuale abbia mandato in sconfino il suo conto corrente e questo abbia inevitabilmente generato degli interessi debitori (e delle penali collegate) evidentemente indesiderate.

    Il tutto sembra, francamente, pretestuoso.
    Rimane cmq il concetto importante che M$ non dovrebbe permettere l'attivazione di contratti (e forse nemmeno la fruizione degli stessi?!?) a minori non legalmente vincolabili (o non emancipati).
    Potremmo anche obiettare che il genitore è il diretto responsabile delle "gesta" del proprio figlio minore, dopotutto i pargoli svegli possono commettere danni ben più grossi in situazioni più comuni (alza la cornetta e fa partire una numerazione intercontinentale che rimane attiva per minuti, ore...)

    il tutto apparre pretestuoso, nonchè l'inevitabile degenerazione di un sistema, peraltro, valido (la class action è un valido strumento di democrazia).
    non+autenticato
  • Solo un piccolo uomo frustrato e allucinato può intentare un class action per 35 dollari di interesse dovuti alla sua banca.

    Ma ovviamente questo individuo diventerà l'ennesimo eroe americano e che oltretutto riuscirà a racimolare a microsoft qualche migliaio di dollari, vincendo inevitabilmente la causa (il che è con molta probabilità l'unico suo movente).


    //il gregge va spremuto, è un suo diritto
    non+autenticato
  • a dire il vero, gli hanno rinnovato l'abbonamento senza dire nulla...solitamente un rinnovo non è automatico
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Sgabbio

    > a dire il vero, gli hanno rinnovato l'abbonamento
    > senza dire nulla...solitamente un rinnovo non è
    > automatico

    mai visti abbonamenti che non hanno il rinnovo automatico. Richiedono tutti di inviare una disdetta, solitamente entro 30 giorni. La Microsoft è anche più flessibile di altri, in quanto si può disdire anche il giorno prima della scadenza (l'ho fatto io).
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pippo Formaggio
    > - Scritto da: Sgabbio
    > mai visti abbonamenti che non hanno il rinnovo
    > automatico. Richiedono tutti di inviare una
    > disdetta, solitamente entro 30 giorni. La
    > Microsoft è anche più flessibile di altri, in
    > quanto si può disdire anche il giorno prima della
    > scadenza (l'ho fatto
    > io).

    Ciccio stai parlando dell'Ammmmerica non dell'itaglia, non esiste il concetto di abbonamento automaticamente rinnovato da quel che so io... li le associazioni dei consumatori hanno 4 pal.e invece che mezza come da noi!
  • vado un pò OT, ma lo ritengo doveroso di fronte al tipico atteggiamento da italiota medio...

    proprio per COLPA di chi pensa "ma lascio perdere... in fondo son 35$" le più disparate compagnie perseverano in atteggiamenti poco trasparenti che permettono loro e ai loro affiliati "incassi extra" alle spalle di chi per inerzia o mancanza di mezzi non reagisce... 35$ oggi, 35$ domani fanno un bel gruzzoletto alla fine dei giochi.

    (NON SO PERCHE' ma mi vien da pensare a Telecom, che addebita a vita suonerie, impulsi indicatori conteggio, relè e quant'altro se non la si notifica, più volte come da tradizione 187 ovvio, di smettere di farlo... chissà quanti, magari anziani che non usano mai il telefono, pagano ancora il balzello, non dovuto dopo decine di anni di noleggio... e non venitemi a dire che si paga l'assistenza tecnica... sulla suoneria???)

    la somma è esigua, ammettiamolo, ma è una questione di PRINCIPIO: ammettiamo anche che non ci si accolla la responsabilità di fare come quel signore perchè costa TEMPO oltrechè denaro e stress vari...

    se tutti agissimo in quel modo le compagnie potrebbero iniziare a ritenere non più conveniente applicare balzelli e addebiti più o meno discutibili o nascosti per i loro "servizi"... (salvo che le autorità non comminino loro 48000€ di multa su incassi con MOLTI più zeri... vero Sony :->???)

    ...
    non+autenticato