Dario Bonacina

La Farnesina parla giÓ in VoIP

In anticipo sull'obbligo introdotto dalla Legge Finanziaria, il Ministero degli Esteri comunica la realizzazione del progetto VoIP interno al dicastero

Roma - La Manovra Finanziaria, che la scorsa settimana è passata in prima lettura al Senato, ha introdotto un'imposizione tecnologica nelle comunicazioni in seno alla Pubblica Amministrazione: l'utilizzo di tecnologie VoIP per la razionalizzazione - anche economica - dei sistemi TLC. La manovra non ha ancora carattere definitivo, ma il Ministero degli Esteri dichiara di essere già in pole position.

La Farnesina, in un comunicato stampa, comunica di aver "ultimato le opere infrastrutturali e di sviluppo del sistema di comunicazioni che rendono possibile la trasmissione di voce, dati e immagini via internet, garantendo prestazioni di alta qualità e riduzione dei costi".

La telefonia VoIP, si legge nella nota, è stata infatti attivata per le comunicazioni telefoniche tra gli Uffici del Ministero - interni ed esterni al Palazzo della Farnesina - ed un primo lotto di 15 Rappresentanze diplomatico-consolari. Il servizio sarà esteso progressivamente "a tutte le Sedi all'estero in cui sono presenti le condizioni tecnologiche minime necessarie per l'erogazione del servizio".
"Attualmente - concludono dalla Farnesina - sono incluse le comunicazioni on-net, cioè tra il Ministero e le Sedi presso cui il servizio è attivo. Successivamente sarà valutata, in base alla convenienza economica, la possibilità di estensione anche alle comunicazioni off-net, cioè con ogni altro soggetto non compreso nella Rete Internazionale della Pubblica Amministrazione (RIPA)".

Dario Bonacina