Luca Annunziata

Olanda, niente Wikipedia al ministero

I dipendenti perdono troppo tempo sull'enciclopedia online. Meglio darci un taglio. Almeno per il momento

Roma - Ai 30mila dipendenti del ministero della Giustizia olandese sarà impedita la navigazione su Wikipedia dal posto di lavoro. La decisione, comunicata da un portavoce del dicastero, segue la pubblicazione di una inchiesta del magazine Intermediar, relativa alle modifiche apportate dai funzionari del ministero alle pagine dell'enciclopedia online.

"Si tratta di una misura temporanea - ha precisato Ivo Hommes, portavoce del ministero - nel frattempo verrà avviata una inchiesta sull'uso (e l'abuso) che i nostri dipendenti fanno di Wikipedia". Secondo Intermediar sarebbero più di 800 le voci modificate dai computer dell'organismo pubblico: nella maggior parte dei casi si tratterebbe di correzioni lecite e giustificate, mentre in alcuni rari casi le modifiche sarebbero invece inopportune o addirittura ingiuriose.

"Se qualcuno modifica la pagina del proprio calciatore preferito durante la pausa pranzo non c'è problema", spiega Hommes: tuttavia il ministero non avrebbe gradito certe frasi "di cattivo gusto", inserite soprattutto nelle voci riguardanti personaggi famosi coinvolti in vicende giudiziarie. Oppure politici, ritrovatisi improvvisamente "scambisti" nella propria descrizione sull'enciclopedia libera.
Oppure peggio: nel caso del regista Theo Van Gogh, ucciso nel 2005, una descrizione poco rispettosa era stata aggiunta al resoconto del suo assassinio.

Risalire agli autori materiali di certe bravate sarà difficile: sebbene su Wikipedia esista una cronologia delle modifiche, che comprende anche l'indirizzo IP dei redattori anonimi, le restrizioni legali imposte ai provider sulla conservazione dei log dovrebbero garantire un fortuito salvacondotto ai vandali del web.

Le modifiche all'enciclopedia, secondo Intermediar non sono state apportate soltanto dai dipendenti del ministero della Giustizia: gli indirizzi IP di molte altre istituzioni olandesi figurano nelle registrazioni, anche se in numero molto minore. Il Ministero è, al momento, l'unico che abbia deciso di prendere iniziative al riguardo. Gli argomenti trattati spaziavano da Gesù Cristo alle pop star, passando per la stregoneria, Paperino e la masturbazione.

Luca Annunziata
6 Commenti alla Notizia Olanda, niente Wikipedia al ministero
Ordina