Dario D'Elia

Chi fragga di pių guadagna di pių

Non hanno ancora individuato un modello di business preciso, ma č certo che la frontiera del gioco d'azzardo č negli shooter multiplayer online

Roma - Se il gioco d'azzardo è considerato un fenomeno pericoloso, cosa si dirà domani dei videogiochi online che consentono di guadagnare sul numero di frag realizzati? La domanda potrebbe far sorridere, eppure la prospettiva di far soldi con l'annientamento - virtuale s'intende - degli altri, piace e convince. Certo, il modello di business da utilizzare non è ancora chiaro, ma gli ultimi 12 mesi hanno dimostrato che il progetto commerciale è a dir poco interessante.

Sui 18 server anglosassoni di Tournament.com migliaia di utenti si sono sfidati e chi ne è uscito vincitore ha messo da parte anche un cospicuo gruzzolo di denaro. Ovviamente si è trattato di un primo esperimento, capace di rispettare le norme anglosassoni sul gioco d'azzardo online (Gambling Act 2005) ma non di rispondere adeguatamente all'abilità dei cheater - ovvero i giocatori che si affidano a trucchetti. Tanto più che il servizio, dal 19 novembre, risulta sospeso. "Abbiamo fatto un passo indietro per dare un'occhiata alla nostra attività e abbiamo deciso di cambiare direzione. Non possiamo garantire quando il servizio sarà riattivato", si legge sulla luttuosa pagina web della piattaforma.

Il Guardian parla già di "videogamer pagati per uccidere". Ma le uniche certezze, in verità, sembrano essere solo due: gli hardcore gamer non amano avere a che fare gli uni con gli altri; appena diventi bravino ti accusano di barare.
"Ci avrebbero impiegato più di un mese prima di individuare un cheater, che nel frattempo avrebbe potuto sottrarre agli altri un sacco di soldi", ha dichiarato un giocatore semi-professionista che dopo mesi di gioco ha deciso di annullare il suo abbonamento.
Il pericolo dei software-cheat esiste ed è ben conosciuto negli ambienti multiplayer. Certo è che su piattaforme dove è possibile vincere o perdere denaro sui frag messi a segno, la questione diventa nettamente più delicata. Per questo motivo la piattaforma Kwari ha sviluppato in proprio il suo shooter online, invece che "ospitare" giochi di successo sviluppati da software house blasonate.

Inoltre pare aver strategicamente cambiato "target" rivolgendosi ai cosiddetti "casual gamer" - quelli insomma che saltabeccano dai pokerini ai giochi di puzzle online. Basse quindi le puntate consentite e annullati praticamente i rischi da cheat. Non trattandosi di un gioco disponibile sul mercato dovrebbe essere più difficile realizzare un software specifico per truffare gli altri.

Se Kwari o Tournament.com riuscissero a cogliere nel segno, in pochi attimi si potrebbero materializzare le sagome dei colossi del settore. "EA e gli altri inizierebbero a fare lo stesso ma con budget più grandi, ridisegnando le frontiere del gaming online", conclude il Guardian. Difficile dargli torto.

Dario d'elia
18 Commenti alla Notizia Chi fragga di pių guadagna di pių
Ordina
  • Mentre leggo la notizia stò giocando a Poker On-Line!!!!:|:sIn lacrime
    Qualcuno ha informazioni specifiche sulla diffusione di questi trucchetti sulle piattaforme più comuni come Everest Poker, Titan Poker ecc.....

    Ringrazio Anticipatamente
  • Ottimo diventerò ricco!A bocca aperta
    non+autenticato
  • E' gia' qualche anno che parlano di eSports, era ora inizassero competizioni di questo tipo Occhiolino D'altronde non ci sono le gare di ciclismo della domenica per i dilettanti? In questo modo sara' come avere la FIFA che ti organizza il torneo di calcetto Sorride E sicuramente il professionismo diventera' piu' comune di quanto lo e' oggi.
    Happy frag!
    non+autenticato
  • la terra e' distrutta e ogni essere umano e' chiamato a raccolta per dare il suo contributo
    -
    tu che lavoro fai?
    "ho fatto il contadino per 7 anni"
    bene, coltiverai i raccolti per i sopravvissuti

    tu che lavoro fai?
    "ho fatto il cacciatore per tutta la vita
    bene, caccerai la selvaggina per i sopravvissuti

    tu che lavoro fai?
    "ho fraggato per 12.5 anni"
    (((OAngioletto))
    non+autenticato
  • Hai proprio ragione...
    ho paura della direzione in cui sta andando questo mondo
    non+autenticato
  • - Scritto da: muzio scevola
    > la terra e' distrutta e ogni essere umano e'
    > chiamato a raccolta per dare il suo
    > contributo
    CUT
    > tu che lavoro fai?
    > "ho fraggato per 12.5 anni"
    > (((OAngioletto))

    dubito fortemente che questa categoria riesca a sopravvivere in caso di olocausto

    solo il fatto che gli manchi la corrente elettrica o internet si autoeliminerebbe da solo
    non+autenticato
  • sti qua hanno fatto un torneo con giro di soldi dentro senza controllare che i partecipanti usassero cheats? ma perche le persone che non sanno fare niente cercano di fare? e' come se a ciclismo non controllassero chi fa uso di doping
    non+autenticato
  • I cheater non son così facili da sgamare.
    non+autenticato
  • se nel ciclismo ti inventano un doping nuovo ogni settimana, è difficile:

    1. sapere che esiste
    2. creare un test che lo identifichi

    cya
    non+autenticato
  • - Scritto da: bah
    > sti qua hanno fatto un torneo con giro di soldi
    > dentro senza controllare che i partecipanti
    > usassero cheats? ma perche le persone che non
    > sanno fare niente cercano di fare?

    Esistono gli anticheat e sicuramente saranno obbligatori per questo tipo di torneo. Però quelli che fanno nuovi cheat sono sempre attivi.
    Calcola che un sacco di gente accusa di cheating gente che sta giocando regolarmente. Questo accade nelle partite normali online, figuriamoci in un torneo dove ci sono dei soldi in palio.
    non+autenticato
  • tournament.com prevedeva l'installazione del loro client, che faceva anche da anticheat. Non l'ho provato perche' richeideva xpsp2, quindi non ti so dire quanto fosse affidabile
    non+autenticato
  • un modo di prevenire cheat e' l'esecuzione dei vari comandi e la gestione delle variabili come armatura, salute e bonus vari da lato server invece che client.. un fps è di natura molto veloce nelle partite, non si sta a pensare "ora gli sparo questo poi faccio quest'altro e poi quest'altro ancora.." si corre, si punta e si sparaSorride penso che un'attento controllo dei log delle varie sessioni di gioco possa individuare alcuni dei piu smaliziati giocatori.. ci puo' tuttavia essere ancora il problema di cheat che modificano il sistema di collisioni tra utente e ambiente circostante, ma non credo che sia COSI' irrisolvibile.. certo e' che non mi fiderei maie poi mai di un torneo via internet di un gioco simil unreal con in palio soldi veri, cheat o non cheat! (so nubbo, lo soCon la lingua fuori )
    non+autenticato
  • io invece si, basterebbe che ti facesseroa ccettare che se usi cheat paghi il megamultone, in fondo è truffa....


    a quanto ho capito io infatti uno si compra l'accesso mensile diciamo, a 10 eur /mese e se fai + di tot frag ti danno 10eur, + di tot 25eur etc. etc.

    non mi sembra male, altro che modello di business poco chiaro.....su 1.000 utenti tu ditta dovrai ripagare l'abboammento al max a 10 di questi e gli altri 990 pagano l'abbonamento pieno e non vincono niente, inoltre di questi 10 a cui devi dar eosldi magari 1 accetta di aessere pagato in mesi gratuiti e tu ditta non hai costo....

    ma vuoi mettere quanti si iscriverebbero solo perchè si PUO vincere qualcosa?

    cmq per i cheat l'unica è creare un gioco da 0 e farlo blindatissimo con controlli lato server ed analisi dei log.

    il problema è che se crei un gioco da 0 magari fai una ciofeca di gioco....
    non+autenticato
  • > il problema è che se crei un gioco da 0 magari
    > fai una ciofeca di
    > gioco....

    a dire la verità ci sono giochi di cui è stato aperto il codice. Io gioco ancora a quake1 online... c'è un sacco di gente che gioca ancora e ormai sono tutti pro.... è un bell'allenamento
    non+autenticato
  • Ma i cheat di cui parli sono quelli delle partite in single player e in genere fanno parte del client. Se uno usasse un cheat sulla salute in rete lo sgamerebbero in 3 secondi.
    Quelli dei giochi multiplayer riguardano più che altro la possibilità di vedere i giocatori attraverso le pareti, tolgono il rinculo dalle armi, eliminano i cespugli e i rami, la nebbia ecc... E non è così semplice da risolvere come problema, i cheat sono in continua evoluzione.
    non+autenticato
  • - Scritto da: sdfgdsfg
    > Ma i cheat di cui parli sono quelli delle partite
    > in single player e in genere fanno parte del
    > client. Se uno usasse un cheat sulla salute in
    > rete lo sgamerebbero in 3
    > secondi.
    > Quelli dei giochi multiplayer riguardano più che
    > altro la possibilità di vedere i giocatori
    > attraverso le pareti, tolgono il rinculo dalle
    > armi, eliminano i cespugli e i rami, la nebbia
    > ecc... E non è così semplice da risolvere come
    > problema, i cheat sono in continua
    > evoluzione.


    ...per non parlare di quelli che aumentano l'aim del gamer. Sono applicazioni esterne che, se eseguite, senza intervenire su alcun file del gioco possono aiutarti ad eseguire dei trick di movimento, aiutarti ad indirizzare i colpi, pur mantenendo quel margine di errore che è caratteristico di un'azione "umana". Purtroppo questi sono i più subdoli, in quanto è difficoltoso capire se qualcuno stia cittando o no, nonostante tu possa essere li a guardarlo. Il livello di skill dell'aimbot è altamente personalizzabile, quindi chi ne fa uso oculatamente per non destare sospetti, è difficilmente sgambile.
    non+autenticato
  • Sottoscrivo, ho smesso di giocare ad Wolfenstein EnemyTerritory dopo quasi un anno perchè ormai chiunque usava cheat, i server Italiani sono in assoluto i piu impestati di lamer che senza trucchi non riescono a far granchè.
    Il cheat è la fine del gioco stesso.