Gaia Bottà

Sauditi online? Vedette antiterrorismo

Si istruirà la popolazione a vigilare e a segnalare i propri sospetti riguardo alle attività terroristiche che si ordiscono sul web. L'intelligence saudita istituirà un sito dedicato

Riad - Il monitoraggio della rete? Una questione di interesse pubblico, da affrontare con la collaborazione attiva della società civile. L'invito alla mobilitazione giunge dall'Arabia Saudita: il principe Muqrin bin Abdul-Aziz, a capo dell'intelligence locale, ha chiamato a raccolta tutta la popolazione per combattere i cyberterroristi che si annidano in rete.

"Vogliamo insegnare ai cittadini a monitorare quanto avviene su Internet - ha spiegato Muqrin bin Abdul-Aziz, anticipando i contenuti di una conferenza che si terrà nei prossimi giorni - le mamme e i papà dovranno fare attenzione ai loro figli". A parere del principe, in rete si intessono le trame delle frange radicali e terroriste dell'Islam, in rete si reclutano giovani militanti con una massiccia e insidiosa propaganda.

Questo il motivo che ha spinto le autorità locali a studiare l'istituzione un sito web che ospiterà segnalazioni e delazioni dei cittadini: in maniera anonima potranno allertare il controspionaggio saudita, postando i loro sospetti riguardo ad attività terroristiche in corso sul web. (G.B.)
1 Commenti alla Notizia Sauditi online? Vedette antiterrorismo
Ordina