Gaia Bottà

Iran, esprimersi online è lecito

Critiche e osservazioni sarcastiche affollano il blog del presidente Ahmadinejad. Un'isola felice priva di censure?

Teheran - Il presidente dell'Iran si avvicina ai netizen e intreccia dialoghi in rete. Se l'intento di Ahmadinejad era quello di lanciare nella blogosfera messaggi populisti senza che media e oppositori politici potessero interferire, l'obiettivo sembra stia naufragando in un mare di critiche.

Il presidente AhmadinejadSarcasmo e osservazioni mordaci popolano il suo blog, online dallo scorso anno, scampato ad attacchi e ripulito da presunte minacce.

Checché ne dicano i commentatori, Ahmadinejad ospita e accetta di buon grado opinioni, critiche e suggerimenti. Un modo per dimostrare le sue ampie vedute e per far dimenticare alla rete gli innumerevoli precedenti di censura e repressione? (G.B.)