Alfonso Maruccia

MS: l'antipirateria serve. Eccome

Microsoft snocciola i numeri del Windows Genuine Advantage. E spiega: il mercato nero della pirateria va fermato. Intanto BSA denuncia le PMI americane e va a caccia di risarcimenti milionari

Roma - Windows Vista piratato? Il mercato dei sistemi operativi più diffusi al mondo è davvero in mano a cracker e furbetti? Forse ma, seppur lentamente, qualcosa sta cambiando. ╚ la prospettiva a cui dà voce Microsoft con le ultime stime sui risultati del programma Genuine Software Initiative, sistema anche noto come WGA e pensato per la verifica dei prodotti sfornati da Redmond usati dagli utenti: da Windows a Office il giochino verifica che i software usati non siano craccati.

Secondo Microsoft - che pure non offre dati precisi sulle quantità di software illegale rilevato con il software WGA, la cui installazione è obbligatoria da Windows XP in poi - le vendite dei suoi sistemi operativi sono salite del 20% durante l'ultimo quarto fiscale, a fronte di un aumento di PC venduti del 14-16%.

Quel 6%-4% di scarto sarebbe costituito dai furbi di cui sopra, beccati con il sistema operativo illegale, che per poter scaricare gli aggiornamenti e ottimizzare Windows con fix e patch hanno scelto di installarne una copia legittima, rimpinguando così le casse della società produttrice. Le tante polemiche scaturite intorno a WGA, dal controllo dei dati riservati del sistema dell'utente agli incidenti derivati dall'attivazione da remoto sarebbero dunque valse a qualcosa, a dimostrazione del fatto che le componenti tecnologiche sono avvertite come una soluzione fondamentale per contrastare la pirateria informatica.
I sistemi di blindatura e di verifica, come il WGA, sono un elemento sempre più centrale, infatti, nella lotta al mercato nero, al punto che Business Software Alliance (BSA), il braccio destro dei potentati del software proprietario, ha sempre lamentato l'eccessivo lassismo da parte di taluni membri dell'organizzazione nell'implementare blindature sufficientemente vigorose e invalidanti.

Se ci sono peraltro softwarehouse che ritengono un'eccessiva blindatura una strategia controproducente, BSA non la pensa così. Il gran capo dell'Alliance, Robert Holleyman, vede per questi sistemi un futuro radioso: "La tecnologia è sempre più uno strumento consumer-friendly, che ridurrà il livello di pirateria... e renderà per i consumatori più facile interagire con il prodotto".

Qualche lingua malevola ricorda a Holleyman i molti casi in cui le cose non sono andate lisce come vorrebbero i produttori. Come è accaduto recentemente con la protezione del videogame Bioshock, quella SecuROM che ha trasformato alcuni dei giocatori legittimi del titolo in utenti scontenti alle prese con presunti rootkit, attivazioni rifiutate e limiti ridicoli nell'usabilità.

Ma la tecnologia, come detto, non è l'unico strumento di lotta al software illegale. L'altro cavallo di battaglia di BSA rimane naturalmente la repressione, con le pesanti multe inflitte alle imprese colte col software pirata nel sacco, anzi nei computer. Il pugno di ferro in particolare contro le piccole realtà imprenditoriali statunitensi è un'attività centrale per l'organizzazione, al punto da farle racimolare nel solo 2006 13 milioni di dollari in risarcimenti e accordi extragiudiziali.

Alfonso Maruccia
59 Commenti alla Notizia MS: l'antipirateria serve. Eccome
Ordina
  • Non capisco... blasonate tanto il vostro amatissimo WIN... e vi incazzate se ve lo vogliono far pagare???
    Ormai i bei tempi sono finiti, il monopoilio è UP & Running... adesso manca solo la mossa della pirateria per mettervi tutti in ginocchio...

    Eppure se vi propongono qualcosa di open ci sputate sopra...

    ALLORA PAGATE E MMUTI!
    non+autenticato
  • Basta rifiutare l'installazione...
    Gli aggiornamenti critici li scarica comunque e non puoi installare IE7 (e tanto io uso Firefox).

    Io non l'ho installato, perché visto che la mia copia di Windows è perfettamente legale (tanto era in bundle), e io GIA' gli ho comunicato il codice di attivazione di 25 cifre alfanumeriche (qualche dozzina di miliardi di volte + protetto della mia carta di credito, a cui tengo più del Windows tra l'altro), e hanno GIA' controllato, non vedo perché debbano rompermi le scatole adesso col "WGA".

    E inoltre, il WGA ha delle clausole assurde, per cui NO, non lo "firmo"
    non+autenticato
  • - Scritto da: Stefano Zapata
    > Basta rifiutare l'installazione...
    > Gli aggiornamenti critici li scarica comunque e
    > non puoi installare IE7 (e tanto io uso
    > Firefox).

    Ora anche IE7 è senza WGA... considerando che nessuno lo prendeva (ergo: passavano a firefox, opera o altro), penso proprio che siano stati obbligati a toglierlo...

    Io comunque uso GNU/Linux da tanto tempo senza rimpianti.

    Quando qualcuno mi invia un file .doc (aka: documento word) o .xls (aka: documento ms excel) che vedo male, gli dico semplicemente: "Adattati ad uno standard vero". Punto.

    Mi rendo conto che alcune società possano essere obbligate a "supportare" quel formato, ma io non mi legherei mai ad un formato dal quale non so come tirare fuori le cose (ergo: quando posso uso file semplici ascii, html o formati xml-similari come svg e altri, per documenti e immagini). Garantisce interoperabilità tra programmi (sono standard) e molte volte anche meno spreco di spazio, oltre che al fatto che posso usare un qualsiasi programmino (anche "autoprodotto") per leggere il contenuto del file.

    Enrico
    non+autenticato
  • - Scritto da: Enrico
    > Io comunque uso GNU/Linux da tanto tempo senza
    > rimpianti.
    >
    > Quando qualcuno mi invia un file .doc (aka:
    > documento word) o .xls (aka: documento ms excel)
    > che vedo male, gli dico semplicemente: "Adattati
    > ad uno standard vero".
    > Punto.

    Si... voglio proprio vedere se ti mandano un contratto o il testo di un accordo da esaminare e firmare entro il giorno dopo che gli dici.
    Continua a giocare...
  • anche io ci lavoro con il pc e le office solutionsssssss

    i contratti sono quasi tutti in pdf, inoltre quando uno mi manda un "contratto" od un'offerta in doc ed io la apro con open office riesco tranquillamente a leggere tutto.

    di Office l'unica cosa insostituibile è Outlook+Exchange.

    Le parti superiori alla controparte Open sono le “chicche” (chessò il tasto “mantieni solo testo” o “applica formattazione di destinazione” del copia/incolla) e l’interfaccia di Office 2007 (dopo che ci si è fatta l’abitudine secondo me è ottima).

    In ogni caso si può lavorare con Open Office senza avere problemi di compatibilità gravi o che precludano il lavoro, sono pochi i documenti con le macro che non si riescono a convertire ora che c’è il convertitore, prima erano l’ultimo ostacolo

    Ecco di certo non si risponde “adattati ad uno standard”, altrimenti ci sarebbe da litigare con tutti, io ho dei clienti che non hanno adobe reader installato sui loro pc e devo mandare i documenti in formato jpeg così se li stampano ci scrivono gli appunti a mano e poi me li faxano indietro…..
    non+autenticato
  • - Scritto da: hakuna matata
    > anche io ci lavoro con il pc e le office
    > solutionsssssss
    >
    > i contratti sono quasi tutti in pdf, inoltre
    > quando uno mi manda un "contratto" od un'offerta
    > in doc ed io la apro con open office riesco
    > tranquillamente a leggere
    > tutto.
    >
    > di Office l'unica cosa insostituibile è
    > Outlook+Exchange.
    >
    > Le parti superiori alla controparte Open sono le
    > “chicche” (chessò il tasto
    > “mantieni solo testo” o
    > “applica formattazione di
    > destinazione” del copia/incolla) e
    > l’interfaccia di Office 2007 (dopo che ci
    > si è fatta l’abitudine secondo me è
    > ottima).
    >
    > In ogni caso si può lavorare con Open Office
    > senza avere problemi di compatibilità gravi o che
    > precludano il lavoro, sono pochi i documenti con
    > le macro che non si riescono a convertire ora che
    > c’è il convertitore, prima erano
    > l’ultimo
    > ostacolo
    >
    > Ecco di certo non si risponde “adattati ad
    > uno standard”, altrimenti ci sarebbe da
    > litigare con tutti, io ho dei clienti che non
    > hanno adobe reader installato sui loro pc e devo
    > mandare i documenti in formato jpeg così se li
    > stampano ci scrivono gli appunti a mano e poi me
    > li faxano
    > indietro…..


    ma soprattuto, a fronte di qualche piccolo problema, l'investimento per software open source è UNA FRAZIONE di quello occorrente per le soluzioni chiuse e blasonate.....
    e ora forza con il fronte degli esperti che fanno assistenza a protestare che con il software opensource non ci fai nulla perché non c'è l'esperto esterno che te costa 100 euri all'ora.....
    non+autenticato
  • - Scritto da: hakuna matata
    > anche io ci lavoro con il pc e le office
    > solutionsssssss
    >
    > i contratti sono quasi tutti in pdf, inoltre
    > quando uno mi manda un "contratto" od un'offerta
    > in doc ed io la apro con open office riesco
    > tranquillamente a leggere
    > tutto.
    >
    > di Office l'unica cosa insostituibile è
    > Outlook+Exchange.
    >


    E VBA ?!?!?!? DelusoDelusoDeluso
    non+autenticato
  • Intanto il messaggio dice "potrebbe non essere in regola", lascia il dubbio insomma e non accusa nessuno.
    Puo' essere una piccolezza, ma quando hai 80pc e' possibile che qualche licenza salti o dia rogne.

    In quel caso si telefona alla microsoft attraverso il numero verde e si procede allo sblocco.

    Basta avere il certificato di autenticita' a portata di mano e va tutto a posto.

    Il fatto che tu sia passato a Ubuntu e' solo cosa buona e giusta, ma denigrare il WGA per questo motivo e' sbagliato.

    Il fatto che ogni tanto una licenza originale appaia contraffatta e' perche' qualcun altro s'e' registrato la propria copia contraffatta di windows col TUO seriale.

    Se telefoni e comunichi il tuo seriale seguito dal codice di controllo che e' riportato sul certificato permetterai a M$ di individuare tutte le altre copie contraffatte (o la maggior parte di esse) e segarle via dall'upgrade.

    Tutto sommato il WGA e' il male minore.
    Il male peggiore sono milioni di PC privi di sistema operativo aggiornato e quindi vulnerabili ad attacchi di ogni genere.

    Pensaci un po' su e vedrai che ho ragione.

    GT
  • - Scritto da: Guybrush
    > Intanto il messaggio dice "potrebbe non essere in
    > regola", lascia il dubbio insomma e non accusa
    > nessuno.
    > Puo' essere una piccolezza, ma quando hai 80pc e'
    > possibile che qualche licenza salti o dia
    > rogne.

    magari è anche possibile... ma visto che le licenze sono pagate con soldi buoni (che non saltano e non danno rogne) NON dovrebbe succedere, neanche se di pc ne hai 8 o 800

    > In quel caso si telefona alla microsoft
    > attraverso il numero verde e si procede allo
    > sblocco.

    e il tempo perso? chi lo paga? micro$oft???

    [...]
    > Il fatto che tu sia passato a Ubuntu e' solo cosa
    > buona e giusta, ma denigrare il WGA per questo
    > motivo e'
    > sbagliato.

    ubuntu non c'entra... ma non per questo denigrare il WGA è sbagliato

    > Il fatto che ogni tanto una licenza originale
    > appaia contraffatta e' perche' qualcun altro s'e'
    > registrato la propria copia contraffatta di
    > windows col TUO
    > seriale.

    e quindi? perché mai questo dovrebbe diventare un mio problema?
    al più resta un problema per micro$oft, che non si capisce perché lo debba scaricare sugli utenti che hanno pagato la licenza...

    > Se telefoni e comunichi il tuo seriale seguito
    > dal codice di controllo che e' riportato sul
    > certificato permetterai a M$ di individuare tutte
    > le altre copie contraffatte (o la maggior parte
    > di esse) e segarle via
    > dall'upgrade.

    ripeto: questo è un problema di micro$oft
    non vedo perché mai chi ha pagato la licenza debba fare il lavoro di altri... pagando pure per farlo (il tempo della telefonata costa!!!)

    > Tutto sommato il WGA e' il male minore.

    forse per te è così

    > Il male peggiore sono milioni di PC privi di
    > sistema operativo aggiornato e quindi vulnerabili
    > ad attacchi di ogni
    > genere.

    magari perché il sistema operativo che usano è pieno zeppo di falle? magari perché questo conviene a chi lo produce e a tutti quelli che vendono antivirus & affini? magari perché conveniva lasciare che ci fossero in giro milioni di installazioni pirata così da poter monopolizzare di fatto il mercato?

    > Pensaci un po' su e vedrai che ho ragione.

    pensaci... forse le cose non sono proprio come dici tu...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Guybrush
    > Intanto il messaggio dice "potrebbe non essere in
    > regola", lascia il dubbio insomma e non accusa
    > nessuno.
    > Puo' essere una piccolezza, ma quando hai 80pc e'
    > possibile che qualche licenza salti o dia
    > rogne.
    >
    > In quel caso si telefona alla microsoft
    > attraverso il numero verde e si procede allo
    > sblocco.
    >
    > Basta avere il certificato di autenticita' a
    > portata di mano e va tutto a
    > posto.
    >
    > Il fatto che tu sia passato a Ubuntu e' solo cosa
    > buona e giusta, ma denigrare il WGA per questo
    > motivo e'
    > sbagliato.
    >
    > Il fatto che ogni tanto una licenza originale
    > appaia contraffatta e' perche' qualcun altro s'e'
    > registrato la propria copia contraffatta di
    > windows col TUO
    > seriale.
    >
    > Se telefoni e comunichi il tuo seriale seguito
    > dal codice di controllo che e' riportato sul
    > certificato permetterai a M$ di individuare tutte
    > le altre copie contraffatte (o la maggior parte
    > di esse) e segarle via
    > dall'upgrade.
    >
    > Tutto sommato il WGA e' il male minore.
    > Il male peggiore sono milioni di PC privi di
    > sistema operativo aggiornato e quindi vulnerabili
    > ad attacchi di ogni
    > genere.
    >
    > Pensaci un po' su e vedrai che ho ragione.
    >
    > GT

    ma te sei fuori, ma chi me lo fa fare di :

    1) ricevere un messaggio di copia forse non in regola

    2) TELEFONARE alla Microsoft col certificato in mano

    3) sbloccare la faccenda

    Ma a te sembra NORMALE che si debba fare ciò ? anche solo a livello potenziale... ma te stai scherzando.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Guybrush
    > Intanto il messaggio dice "potrebbe non essere in
    > regola", lascia il dubbio insomma e non accusa
    > nessuno.
    > Puo' essere una piccolezza, ma quando hai 80pc e'
    > possibile che qualche licenza salti o dia
    > rogne.
    >
    > In quel caso si telefona alla microsoft
    > attraverso il numero verde e si procede allo
    > sblocco.
    >
    > Basta avere il certificato di autenticita' a
    > portata di mano e va tutto a
    > posto.

    Mah, per fortuna a me non ha mai dato problemi, ma quando ho letto sul blog di Ed Bott (che è uno degli autori di "Windows XP Inside Out", ed. Microsoft Press, mica un fanatico anti-Windows) che i problemi con falsi positivi sono reali e molto fastidiosi da risolvere, mi sono ben guardato dal reinstallare WGA al momento dell'upgrade del PC e conseguente reinstallazione del sistema per pulizia.

    Quello che è obbligatorio MI PARE che non sia WGA, ma lo "strumento di verifica dell'originalità della copia di Windozz". Qual è la differenza? Mumble mumble, ricordo che quando come un pescione ho installato WGA, mi aveva presentato la solita spataffiata di EULA da accettare per procedere. WGA ha dei processi che vanno in background e fanno un po' quello che vogliono, e ti possono colpire in qualsiasi momento con un falso positivo. L'altro CREDO che effettui il controllo solo al momento del download degli aggiornamenti che lo richiedono e poi lasci in pace il tuo PC.
    non+autenticato
  • Serve a tutti quelli che come me, e i miei amici, dopo aver ricevuto il messaggio "questa copia di XP non è genuina", NONOSTANTE LO FOSSE, hanno preso tutti i loro cd di windows e li hanno fatti a pezzi a martellate.

    Dopodichè ci siamo tutti trasformati in soddisfattissimi utenti Ubuntu.

    Tutto questo senza spendere un centesimoOcchiolino. Nè ora nè mai.
    non+autenticato
  • - Scritto da: anonimo
    > Serve a tutti quelli che come me, e i miei amici,
    > dopo aver ricevuto il messaggio "questa copia di
    > XP non è genuina", NONOSTANTE LO FOSSE, hanno
    > preso tutti i loro cd di windows e li hanno fatti
    > a pezzi a
    > martellate.
    >
    > Dopodichè ci siamo tutti trasformati in
    > soddisfattissimi utenti
    > Ubuntu.
    >
    > Tutto questo senza spendere un centesimoOcchiolino. Nè
    > ora nè
    > mai.


    io lo stesso, ho un desktop 3 volte meglio di aero e ce faccio tutto quello che fo con winzzozz (giochi compresi) senza patemi e con una perfomance generale sicuramente migliore....
    non+autenticato
  • > io lo stesso, ho un desktop 3 volte meglio di
    > aero e ce faccio tutto quello che fo con winzzozz
    > (giochi compresi) senza patemi e con una
    > perfomance generale sicuramente
    > migliore....

    Mi spieghi come diavolo fai a far funzionare anche i giochi su Ubuntu?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Davide
    > Mi spieghi come diavolo fai a far funzionare
    > anche i giochi su
    > Ubuntu?

    Forse usa Cedega.
    non+autenticato
  • No al momento uso WINE, a cedega ci penserò quando mi servira un gico che non riesco a far girare con WINE
    non+autenticato
  • - Scritto da: anonimo
    >
    > Dopodichè ci siamo tutti trasformati in
    > soddisfattissimi utenti
    > Ubuntu.
    > Tutto questo senza spendere un centesimoOcchiolino. Nè
    > ora nè mai.

    Beh, se le ore perse per farlo funzionare (vedesi modem isdn interno) mica sono gratis....
    non+autenticato
  • Purtroppo AMEN sul modem ISDN hai ragione, io non ho problemi con nulla, ma proprio nulla tranne che con il modem ISDN...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ragno
    > Purtroppo AMEN sul modem ISDN hai ragione, io non
    > ho problemi con nulla, ma proprio nulla tranne
    > che con il modem
    > ISDN...

    Sai com'è... i problemi su Win sono talmente frequenti che non li considerano neanche piu problemi, ma routine!
    Quando sparano a zero solo xche incapaci e schiavi... mi fanno SOLO ed esclusivamente ridere.... e anche pena!
    non+autenticato
  • Oppure magari microsoft non si è accorta (o si?) che forse sempre più utenti passano alle soluzioni open source.
    Io da un anno ormai nella mia attività uso Ubuntu Fan Linux e software open source per la gestione dalla A alla Z e NON SENTO minimanete la mancanza di Windows e Vista e affini....
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ragno
    > Oppure magari microsoft non si è accorta (o si?)
    > che forse sempre più utenti passano alle
    > soluzioni open
    > source.
    > Io da un anno ormai nella mia attività uso Ubuntu
    > Fan Linux e software open source per la gestione
    > dalla A alla Z e NON SENTO minimanete la mancanza
    > di Windows e Vista e
    > affini....

    infatti, su tecnocino c'è un bell'articolo sull'asus Eee... che monta linux .... eh eh
    e ne stanno vendendo a tonnellate
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ragno
    > Io da un anno ormai nella mia attività uso Ubuntu
    > Fan Linux e software open source per la gestione
    > dalla A alla Z e NON SENTO minimanete la mancanza
    > di Windows e Vista e affini....

    Un bel ECCHISSENEFREGA, no eh?
    non+autenticato
  • - Scritto da: AMEN
    > - Scritto da: Ragno
    > > Io da un anno ormai nella mia attività uso
    > Ubuntu
    > > Fan Linux e software open source per la gestione
    > > dalla A alla Z e NON SENTO minimanete la
    > mancanza
    > > di Windows e Vista e affini....
    >
    > Un bel ECCHISSENEFREGA, no eh?

    Ma anche NO. Anzi, magari ci interesserebbe avere qualche info in più sul software utilizzato...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Stringa
    > - Scritto da: AMEN
    > > - Scritto da: Ragno
    > > > Io da un anno ormai nella mia attività uso
    > > Ubuntu
    > > > Fan Linux e software open source per la gestione
    > > > dalla A alla Z e NON SENTO minimanete la
    > > mancanza
    > > > di Windows e Vista e affini....
    > >
    > > Un bel ECCHISSENEFREGA, no eh?
    >
    > Ma anche NO. Anzi, magari ci interesserebbe avere
    > qualche info in più sul software
    > utilizzato...

    per AMEN.... se non ti fregava non avresti speso 5 parole per dirmelo (eh ehe eh) bastava passare oltreSorride

    Per Stringa

    Per soddisfare il tuo interesse mi sembra molto utile indirizzarti qui : http://2befree.wordpress.com/2007/04/22/open-sourc.../

    dove si parla in maniera approfondita di software per la gestione di imprese piccole grandi pubbliche e private.
    All'interno altri link con applicativi utili.
    Spero che questo possa essere utile a chiunque abbia attività commerciali e intenda NON soggiacere a politiche più o meno opinabili e costose da parte di blasonate multinazionali IT.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)