Luca Annunziata

Ma quale cyborg? Il futuro Ŕ negli ologrammi

Dal 3D al multitouch: come cambierÓ la user experience di chi interagisce con la tecnologia

Roma - Ologrammi che si materializzano nel bel mezzo di una stazione o sul tetto di un palazzo. Oppure nel salotto di casa, mentre si gioca con la console. Forse il futuro delle interfacce sarà tridimensionale come per gli schermi avveniristici Cheoptics360 di Vizoo? Oppure sarà multitouch? Continueremo ad utilizzare schermi di dimensioni simili a quelli attuali, o molto più ampi come i mega schermi di Perceptive Pixel?

Un esempio degli ologrammi VizooAl momento nessuno è in grado di dare una risposta a queste domande. Molte aziende hanno proposto le proprie idee su come debbano essere progettati i desktop del futuro. Alla metafora della scrivania, si sostituisce quella della stanza, e c'è chi invece punta all'interazione gestuale con la macchina.

Quel che è certo è che queste nuove interfacce saranno sempre più spesso inserite in oggetti di uso quotidiano. Surface, di Microsoft, è un esempio concreto: ma iPod Touch e iPhone, che sfruttano lo stesso principio, sono già sul mercato. E hanno cambiato la percezione di come sia possibile interagire con la tecnologia.
Di seguito, per chi non l'avesse ancora visto, un video su una recente sfilata del marchio Diesel, impreziosita dalla presenza di ologrammi lungo tutta la passerella. La sfida è distinguere tra indossatori, mannequin e i loro colleghi digitali.



Luca Annunziata
15 Commenti alla Notizia Ma quale cyborg? Il futuro Ŕ negli ologrammi
Ordina
  • D'ho ragione all'articolo dicendo si in un futuro non troppo lontano (5 massimo 10 anni) gli ologrammi saranno di pubblico dominio. per quanto riguarda i cyborg... Gli studi per protesi cybernetiche sono pienamente d'accordo ma so già che gli scienziati non si fermeranno all' idea di protesi e cominceranno a costruire cyborg da telefilm ( es. Terminator)!
    Dicono che la prossima evoluzione dell'uomo sarà una macchina pensante... teoria non da escludere considerando le menti in circolo ma sono convinto di una cosa... Chi gioca con il fuoco morirà bruciato, con questo voglio dire che se non si da un leggero ritegno alla ricerca della perfezione, onnipotenza o qualsiasi cosa sia dell'uomo finiremo con il farci veramente tanto male! A buon intenditore poche parole....
    non+autenticato
  • posso garantire che gli ologrammi 3d di vizoo sono molto belli io personalmente sono riuscito ad avere lo stesso risultato utilizzando materiali simili.

    secondo me ci vorranno ancora diversi anni per avere un ologramma nell aria senza utilizzare rifrazioni eccetera eccerera...
    non+autenticato
  • Sono l'unico a pensare al pericolo derivante da un uso improprio di questa tecnologia? saremo sempre in grado di distinguere la realtà dalla finzione?
    L'universo è olografico?
    non+autenticato
  • Se una tecnologia del genere esistesse in forma facilmente trasportabile, verrebbe senza dubbio utilizzata a fini militari,
    Ma chi dice che questa applicazione non possa GI┴ essere una
    derivazione di applicazioni militari preesistenti?
    La norma insegna che di solito è così!
    Alla faccia della distopia...
  • Mi piace questo tentativo di PI di inserire articoli sulle ultime novità. Sarebbe da estendere e approfondire... è più comodo leggere questo genere di notizie in italiano, lasciando l'approfondimento alle fonti primigenie in inglese (purtroppo)...

    Bella idea, continuate così.
    non+autenticato
  • posso dire la mia?

    stupefacenti i primi minuti, ma alla fine .. che noia!...

    diventa un ulteriore effetto speciale, da dimenticare per far posto a quelli del prossimo anno o salto tecnologico...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nome e Cognome
    > posso dire la mia?
    >
    > stupefacenti i primi minuti, ma alla fine .. che
    > noia!...

    e allora beccati su youtube quelli di Kate Moss all'Alexander McQueen Fashion Show.
    se non lo trovi bellissimo allora mi sa che il tuo livello di "stupibilità" è troppo alto.

    anche quello della virgin è carino...

    > diventa un ulteriore effetto speciale, da
    > dimenticare per far posto a quelli del prossimo
    > anno o salto
    > tecnologico...

    mah, secondo me le tecnologie olografiche sono ancora da sviluppare anche solo al 1%, altro che passare ad altro (basta pensare a come finisce il vid di kate moss per pensare solo all'infinità di effetti/filtri utilizzabili runtime... questea tecnologia potrebbe anche far rinascere il teatro)
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)