Dario Bonacina

Anche Atlantia nella telefonia mobile?

La holding di Autostrade SpA sembra sempre pių vicina ad un accordo con Wind. Ma č interessata anche alle torri dell'Arancia e di TRE

Roma - Il 2007 è un anno di grande fermento nel mondo della telefonia mobile italiana: tutti gli operatori titolari di network sono pronti a stringere accordi con aziende desiderose di affacciarsi sul mercato in veste di operatori alternativi. Wind ha appena ufficializzato una partnership con Auchan, contemporaneamente alla nascita di PosteMobile, e sembrerebbe pronta a fare il bis con Atlantia.

La notizia sta circolando negli ambienti finanziari. Un'indiscrezione che, peraltro, non è una novità: ad inizio novembre già si parlava delle potenziali partnership all'orizzonte di Wind e di una trattativa in corso tra l'operatore e la società Autostrade SpA (società ora controllata dalla holding Atlantia) per un progetto legato a servizi da proporre agli utenti Telepass Premium.

Atlantia (in cordata con Sirti e il fondo di private equity Clessidra) è inoltre fra i soggetti interessati all'acquisizione di una quota di maggioranza di Eiffel Tower Company, società appositamente costituita da Wind e TRE in cui sono confluite le 18mila torri di trasmissione dei due operatori, ora messe in vendita attraverso una gara la cui conclusione dovrebbe avvenire nei primi giorni del 2008. Le mani di Atlantia sulle torri potrebbero rappresentare un interessante intreccio del business mobile dell'azienda con quello di Wind.
Dario Bonacina