Luca Annunziata

iTunes č una prigione

Il capo di Universal parla del rapporto tra le major e Apple. E di come le grandi sorelle si preparano all'avvento del regno della musica digitale

Roma - "Eravamo felici che qualcuno vendesse online. Il problema è che quel qualcuno è diventato un specie di carceriere". Doug Morris, megadirettore galattico di Universal Music Group, la pensa così a proposito dell'accordo stipulato con Apple per vendere la musica su iTunes Store.

"Abbiamo fatto un sacco di soldi - prosegue - non volevamo rinunciarci: ma improvvisamente era come ci avessero legato con delle manette dorate". Una ipotesi neppure troppo remota, tanto che già nel 2003 veniva paventata sulle pagine di Punto Informatico.

Lo scopo di Universal, così come quello di ogni altra casa discografica, è quello di distribuire la musica guadagnandoci. Per questo ad ogni passaggio di mano deve corrispondere un passaggio di denaro. Iniziare a preparare l'uscita da iTunes Store, accordarsi con Microsoft per le royalty su Zune, dar vita a Total Music e alla sua flat sull'intero catalogo della azienda. Tutte conferme dell'intenzione di combattere lo strapotere di Apple sul mercato.
La mela oggi detiene il 22 per cento del valore globale del mercato discografico USA: "Se dovesse raggiungere il 40 o il 50 per cento, sarebbe un ostacolo troppo grande per chiunque volesse provare ad entrare nel business", spiega James McQuivey di Forrester Research. Universal vuole difendere la propria fetta della grande torta della discografia e la priorità è massimizzare sul breve termine. D'altra parte, al diritto d'autore sono rimasti pochi anni di vita. O no? (L.A.)
7 Commenti alla Notizia iTunes č una prigione
Ordina