Sistemi Emotivi in mostra a Firenze

Le emozioni e la loro percezione. L'arte si incrocia con la rete e la tecnologia

Firenze - Si terrà dal 30 novembre 2007 fino al 3 febbraio 2008, presso il centro culturale Palazzo Strozzi nel capoluogo toscano, la mostra intitolata Sistemi Emotivi - artisti contemporanei tra emozione e ragione, curata da curato da Franziska Nori, project director del CCCS e da Martin Steinhoff, fenomenologo e studioso del tema. La mostra si sviluppa su 850 metri quadrati e ben 11 sale, e riunisce i lavori di altrettanti artisti che raccontano "differenti approcci al tema delle emozioni".

Tra le opere in mostra spicca Mechanics of Emotions di Maurice Benayoun, che "grazie ad un software da lui programmato incrocia dati riferiti ad aree geografiche (città, paesi e continenti) con termini che definiscono stati emotivi in tempo reale". Emotional Mapping di Christian Nold, che attraverso uno strumento da lui sviluppato "rileva la tensione cutanea e la sudorazione" di un cospicuo numero di persone, collegando i dati ad sistema di rilevamento GPS: il risultato è una mappa Google Earth, con percorsi e sentimenti di tutti i partecipanti al workshop, che ritrae fiorentini a spasso per Firenze.

Nomadic Time di Andrea Ferrara, alias Ongakuaw, che "prevede la connessione di un individuo a una macchina che ne rileva le onde cerebrali. La performer, collegata alla macchina e chiusa in una gabbia come una cavia, assisterà alla proiezione di una videosequenza di 257 singole immagini di un albero sulla riva del fiume Arno, fotografato dall'artista nel corso dell'anno". Subjectivisation of Repetition di Yves Netzhammer, "un'animazione digitale in cui l'artista fa muovere in un'ambientazione fatta di forme e colori primari, ma immediatamente riconducibile alla realtà, degli ominidi incredibilmente malinconici ed estremamente umani nonostante l'astrazione delle loro forme corporee".

La mostra è aperta dal martedì alla domenica, dalle 11:00 alle 20:30. Tutte le informazioni sul sito dell'evento.