Suggerito il Microsoft-spezzatino

Esperti di rilievo della capitale americana sostengono di aver trovato la soluzione al caso Microsoft. E si torna a parlare di smembramento della corporation del software

Washington (USA) - Sono molto ascoltati i loro pareri nella capitale americana e, questa volta, gli esperti della Progress & Freedom Foundation hanno deciso di "ragionare" su Microsoft della PFF, dicono i suoi esperti, consente da un lato di agevolare la competizione nel mercato dei sistemi operativi e dall'altro ridurrebbe l'attività di monitoraggio delle nuove entità ad un massimo di cinque anni.
Secca la risposta di Microsoft: "è inappropriato e senza senso anche solo considerare di smembrare Microsoft perché sarebbe un danno per il settore, gli sviluppatori e i consumatori. Questa idea radicale non convince se si pensa ai temi al centro di questo caso e al procedimento in corso, ma il problema centrale sta comunque nel fatto che questa idea danneggerebbe l'industria dell'alta tecnologia che è stata il motore dell'attuale prosperità economica".
TAG: microsoft