Luca Annunziata

Niente tregua per Mr. Facebook

Prima le minacce di morte, poi il naufragio del tanto atteso sistema di advertising sociale. E non che in tribunale vada molto meglio

Roma - Chi di privacy colpisce, di privacy perisce: il tribunale, invocato dalla truppa avvocatesca di Mark "Facebook" Zuckerberg, ha dato ragione al periodico 02138, che la scorsa settimana aveva pubblicato una serie di documenti, ottenuti per caso, inerenti alla causa in corso per attribuire la paternità di Facebook.

Tra le carte figura anche il modulo di iscrizione di Mark ad Harvard, scritto a mano, nonché le pagine del suo diario online, sparito dal web parecchio tempo fa, dopo che Facebook aveva iniziato la sua scalata al successo. Vi sono inoltre un certo numero di dichiarazioni rese da Zuckerberg alle commissioni disciplinari universitarie e durante l'inchiesta giudiziaria che lo vede opposto a ConnectU, la società di ex-studenti di Harvard che lo accusa di avergli rubato l'idea.

Non è un bel periodo per Facebook: prima le polemiche su beacon, poi la retromarcia per tentare di placarle. Le presunte minacce di morte e il ritorno in auge della questione giudiziaria certo non invoglieranno nuovi investitori a gettare i propri soldi dentro il social network: che vale 15 miliardi di dollari, ma solo sulla carta. (L.A.)