Luca Annunziata

Gemania, iPhone di nuovo bloccato

Un tribunale capovolge l'ingiunzione che costringeva T-Mobile a vendere il melafonino senza vincoli. Quello di Apple è sempre più un ecosistema chiuso

Roma - Un tribunale tedesco ha dato ragione a T-Mobile: iPhone in Germania sarà venduto solo bloccato. Annullata l'istanza che appena due settimane fa aveva costretto l'operatore teutonico a mettere a disposizione dei consumatori un telefonino made in Cupertino senza vincoli di sorta. "Siamo soddisfatti di come è andata a finire", ha commentato il portavoce di T-Mobile Rene Bresken.

Il caso era nato dopo che la divisione tedesca di Vodafone si era appellata ad un giudice di Amburgo, per obbligare T-Mobile a vendere l'iPhone senza vincoli contrattuali: un punto di vista condiviso dal giudice, che aveva costretto T-Mobile a mettere in vendita melafonini liberi. Non che l'offerta fosse invitante: occorrevano 999 euro per portarsi a casa un iPhone sbloccato, quasi tre volte il prezzo ufficiale abbinato al contratto biennale obbligatorio fissato a 399 euro.

Ora in Germania iPhone tornerà "in gabbia": solo in Francia è ancora possibile acquistare un melafonino senza vincoli, al modico prezzo di 649 euro. Nel resto dei paesi dove iPhone è in vendita, una breve lista che comprende Regno Unito e Stati Uniti, per acquistarlo occorre sottoscrivere abbonamenti biennali con l'operatore designato.
T-Mobile ha fatto sapere che, comunque, sbloccherà automaticamente e gratuitamente l'iPhone di tutti i suoi clienti al termine dei due anni di contratto. (L.A.)