Fate fuori l'equo (s)compenso, grazie

Il superbollo su dispositivi e supporti torna al centro grazie ad un emendamento di Maurizio Acerbo (PRC) che traccia una via d'uscita dall'incubo. Previste flebo di fondi pubblici per la SIAE, per evitare che ci rimanga

Roma - Cancellare tout court equo compenso e SIAE è il sogno non tanto segretamente coltivato da molti ma, tentando di cercare l'inevitabile via del compromesso, nelle scorse ore Maurizio Acerbo, deputato di Rifondazione, ha proposto una via di mezzo: un suo emendamento chiede la cancellazione dell'equo compenso e una formula di compensazione per la SIAE.

L'idea è che abolendo l'equo compenso, il superbollo statale sui supporti vergini e i dispositivi di memorizzazione, si possa ottenere un rilancio dell'industria dei supporti. Un tempo fiorente, come ben sanno i lettori di Punto Informatico, è oggi un settore industriale che in Italia è stato fatto a pezzi proprio da quel prelievo forzoso: sparando verso l'alto i prezzi, la tassa ha indotto i consumatori a rivolgersi a produttori e distributori esteri. Non solo: ha anche agevolato le attività disoneste di produttori e negozianti disposti ad aggirare l'equo compenso, ossia ad agire illegalmente pur di offrire CD, DVD e altri materiali registrabili a prezzi d'occasione.

Contro tutto questo si scaglia l'emendamento che, come accennato, prevede anche che alla SIAE sia garantito comunque un gettito da 73 milioni di euro, una somma simile a quella che la Società degli Autori e degli Editori rastrella ogni anno dai dispositivi e dai supporti tassati.
Il nuovo meccanismo introdotto nella proposta si basa proprio sull'idea che, abolendo il superbollo, calino i prezzi e, di conseguenza, aumentino le vendite. Il maggior gettito dell'IVA delle vendite "derivante dall'eventuale incremento", dunque, verrebbe destinato alla SIAE. Qualora la somma non arrivasse a 73 milioni di euro, la Società verrebbe comunque compensata per l'importo mancante.

L'emendamento è peraltro "soft", nel senso che prevede un periodo di sperimentazione per verificare che l'abolizione del superbollo significhi effettivamente un ritorno all'acquisto da parte di quegli italiani che ormai da anni sono usi rivolgersi a distributori internazionali per i propri acquisti.

Nella Relazione Tecnica che accompagna l'emendamento, Acerbo ricorda come l'introduzione dell'equo compenso abbia comportato proprio il fiorire delle attività illegali: "Secondo i dati dei produttori si è passati da un volume di vendite legali di 266 milioni di euro per cd e dvd registrabili nel 2003 a soli 101 milioni nel 2006. E, quindi, un calo del gettito dell'IVA pari al 20%, cioè: (165*20)/100 = 33 milioni di euro".

Da qui, dunque, l'idea che l'IVA in una situazione nuova possa riportare all'Erario quei 33 milioni di euro, più tutto ciò che può derivare dal ritorno nella legalità del mercato oggi illegale. "Dal 2003 ad oggi - scrive Acerbo - la domanda complessiva di supporti registrabili è sicuramente aumentata per l'effetto della massiccia diffusione di apparecchi per la registrazione che equipaggiano ormai tutti i computer nonché dei videoregistratori digitali, ma si è rivolta in prevalenza al mercato illegale".

Di seguito il testo integrale dell'emendamento:
EMENDAMENTO 2.032 ACERBO

Dopo l'art.2 è inserito il seguente:

Art. 2-bis (Norme a favore dell'industria dei supporti di memorizzazione)

1.Anche al fine di rilanciare l'industria della produzione dei supporti di memorizzazione, per gli anni 2008, 2009 e 2010 è sospeso, in via sperimentale, il compenso di cui agli articoli 71-septies e 71-opties della legge 22 aprile 1941, n.633.
2.Il maggiore gettito dell'IVA derivante dall'eventuale incremento, per gli effetti del comma 1, delle vendite dei supporti e dispositivi di memorizzazione oggetto dell'equo compenso di cui agli articoli 71-septies e 71 opties della legge 22 aprile 1941, n.633 è destinato alla Società Italiana Autori ed Editori.
3.Nel caso in cui non si verifichi l'ipotesi di cui al comma 2, ovvero il maggiore gettito sia inferiore a 73 milioni di euro, alla Società Italiana Autori ed Editori è assicurata una compensazione, in aggiunta all'introito di cui al comma 2, fino al raggiungimento di 73 milioni di euro complessivi.
4.Rimangono fermi i criteri di ripartizione, tra gli aventi diritto, del compenso.
5.Il Ministro delle Attività produttive riferisce annualmente al Parlamento riguardo l'andamento del mercato dei supporti e dispositivi di memorizzazione in relazione all'applicazione del presente articolo.

e, di conseguenza, alla Tabella A, voce "Ministero dell'Economia e delle Finanze" apportare le seguenti modifiche:

2008: -73.000
2009: -73.000
2010: -73.000
47 Commenti alla Notizia Fate fuori l'equo (s)compenso, grazie
Ordina
  • E si, ma perchè, perchè e per quale dannatissimo motivo dovremmo garantire 73 milioni di euro agli autori o peggio alle major musicali ?

    Certo, sono daccordo, la perdita per il comparto produttivo è stata dannatamente grande, solo a Varese oltre trecento famiglie sono rimaste senza lavoro !

    E' si, cari miei, l'equo compenso deve essere immediatamente abolito se si vuole salvare quel poco che rimane da salvare del comparto produzione e lavorazione italiano di CD / DVD !

    Ma per quale dannatissimo motivo dobbiamo regalare ogni anno 73 milioni di euro a questi signori ? Se gli autori sono bravi, vendono, e guadagnano, e già vi assicuro che guadagnano a sufficienza (non certo le mille euro al maese), e se sono delle schiappe si arrangino, come fanno tutti !

    Ci mancherebbe che ogni volta che un comparto non funziona lo stato debba regalare soldoni e chiedere sacrifici a chi già ne fa abbastanza.

    Luciano
    non+autenticato
  • Dovunque li cerchi nel ....semicerchio di Montecitorio non trovi altro che loschi personaggi pronti a venderci.
  • Cioè passare da un furto ad un altro?
    Sono o non sono soldi che vengono indebitamente sottratti ai cittadini (acquirenti)? Adesso i soldi delle tasse (non quelle sui supporti) li vogliono scialacquare anche per queste c....avolate? Ma siamo matti?
    non+autenticato
  • poverine... stanno fallendo... E ALLORA?? DEVONO MORIRE!!!
    Io se lavoro male rimango senza lavoro! Perchè loro no?

    ma tornando sulla questione...
    Prima Raffaella Carrà & C. che rubano soldi a chi masterizza le proprie foto digitali
    Poi lo Stato che ruba soldi a ci non usa supporti digitali!
    E tutto prchè la SIAE piange e strilla!

    Ma lo sapete che in una causa bene impostata la SIAE non è neanche in grado di gaantire la paternità dell'opera?? Tsé!!
  • Come da topec, ma la siae non e' privata? allora mi domando, se e' privata come mai lo stato gli deve 73 milioni di euro?
    Altra domanda, perche' lo stato foraggia una societa' privata con il pizzo sui supporti?

    A mio avviso la siae andrebbe eliminata come andrebbe rivista la legge sul diritto d'autore, che deve rimanere appunto un diritto dell'autore e non dell'editore, solo che fa comodo mantenerla cosi' i soci amministratori si beccano fior fior di quattrini a uffa anche quando suonano musica da discoteca
    la puntata di report sulla ripartizione del pizzo e' stato molto istruttiva

    cancellare il pizzo rivedere la legge sul diritto d'autore e cancellare la siae

    Un'ultima cosa, proprio qui lessi che la siae era in attivo, a che gli servono 73 milioni di euro? e perche' glieli deve dare lo stato?
    DuDe
    896
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | Successiva
(pagina 1/5 - 21 discussioni)