Disponibile OpenOffice 2.3.1

Release di manutenzione. PLIO annuncia due nuovi progetti

Trieste - PLIO ha annunciato la disponibilità di OpenOffice 2.3.1 in lingua italiana, che arriva settantotto giorni e 505mila download dopo la release 2.3. Si tratta di una normale versione di manutenzione - prevista dal piano dei rilasci trimestrali - che risolve alcuni problemi di sicurezza e introduce un installer grafico per Linux. PLIO ne suggerisce l'installazione a tutti gli utenti.

"A parte il ritmo dei download, che hanno superato la soglia di 1.600.000 nel corso del 2007, si tratta di un periodo particolarmente ricco di iniziative per la comunità italiana, che ha lanciato due progetti: il primo per la creazione di un'estensione per la firma digitale dei documenti di OpenOffice.org, compatibile con i requisiti del CNIPA; il secondo per la raccolta e lo sviluppo di modelli in lingua italiana per OpenOffice.org, per gli utilizzi più comuni in Italia", ha fatto sapere PLIO.

"Il 2007 è stato un anno straordinario per OpenOffice.org: parlavamo di successo per la media di 4.270 download della versione 2.2 e siamo stati sorpresi da quella di 6.470 della 2.3, due release importanti ma meno ricche di novità rispetto alla 2.4 e alla 3.0, che arriveranno nei prossimi mesi. Al ritmo attuale, siamo già oltre i 2.300.000 download nell'arco di dodici mesi, per cui è veramente impossibile fare previsioni per il 2008, anche se spero - tra un anno - di poter annunciare un altro traguardo, che solo un anno fa sembrava irreale più che irraggiungibile", ha commentato Italo Vignoli, consigliere dell'Associazione PLIO con delega per il marketing.
OpenOffice 2.3.1 in italiano può essere scaricato da qui. Tutte le altre localizzazioni sono accessibili qui.
8 Commenti alla Notizia Disponibile OpenOffice 2.3.1
Ordina
  • Tra l'altro chi usa distribuzioni di linux raramente si avventura sui siti per aggiornare o installare software, visto che fa tutto il buon pc e che si scarica dagli archivi della distribuzione. Quindi questi numeri non sono significativi per la fascia linara.

    D'accordo, un winaro puo' scaricarsi openoffice e poi non usarlo, per quanto mi riguarda viste le acrobazie che occorrono per una mera ricerca con regular expression su excel la questione di quale mi vada meglio non si pone neanche.
    non+autenticato
  • Guarda, la semplicità e facilità di Linux nel risolvere tutti gli aggiornamenti del sistema è impressionante! Dubito che gli utenti Windows possano capire. Tutto si aggiorna in automatico, in modo impeccabile. Soprattutto, poter installare software senza scaricare un eseguibile, ma aprendo un "gestore" come Synaptic (che provvede da solo a installare e scaricare, dopo che gli diamo l'ok) è fantastico, niente a che vedere rispetto al mondo win!
    non+autenticato
  • oltretutto quanda si parla di cifre (vedi ad esmpio le 20.000 installazioni linuz alla peugeot) cosi schiaccianti i sostenitori a lotranza di winzozz non si fanno vedere ehe he ee

    parla un ex winzozziano
    non+autenticato
  • Vi dico solo che mi stavo impiccando per fare una conversione da doc in pdf via Java: ho installato OpenOffice come servizio, scaricato la libreria JODConverter ed ora faccio tutto in 20 righe di codice! Io in OpenOffice (in ambiente Linux) ho scritto anche la tesi!
  • - Scritto da: Banana Joe
    > Tra l'altro chi usa distribuzioni di linux
    > raramente si avventura sui siti per aggiornare o
    > installare software, visto che fa tutto il buon
    > pc e che si scarica dagli archivi della
    > distribuzione. Quindi questi numeri non sono
    > significativi per la fascia linara.
    >
    >
    > D'accordo, un winaro puo' scaricarsi openoffice e
    > poi non usarlo, per quanto mi riguarda viste le
    > acrobazie che occorrono per una mera ricerca con
    > regular expression su excel la questione di quale
    > mi vada meglio non si pone
    > neanche.

    E poi non contiamo la miriade di CD e DVD delle riviste che ormai periodicamente contengono OOo, chissà quanti lettori lo proveranno, prima o poi.
    E chissà quanti assemblatori ormai useranno OOo, Gimp, etc per cavarsi d'impaccio legalmente invece di piratare quando gli arriva il solito cliente che vuole un sacco di SW gratis sul PC.
    non+autenticato
  • già ormai molte persone sono arrivate quasi alla convinzione che il crack sia diventata una cosa normale...
  • > D'accordo, un winaro puo' scaricarsi openoffice e
    > poi non usarlo, per quanto mi riguarda viste le
    > acrobazie che occorrono per una mera ricerca con
    > regular expression su excel la questione di quale
    > mi vada meglio non si pone
    > neanche.

    Cioè? Puoi fare un esempio concreto di ciò che fai con OO e non puoi fare con Excel?
  • - Scritto da: reXistenZ
    > > D'accordo, un winaro puo' scaricarsi openoffice
    > e
    > > poi non usarlo, per quanto mi riguarda viste le
    > > acrobazie che occorrono per una mera ricerca con
    > > regular expression su excel la questione di
    > quale
    > > mi vada meglio non si pone
    > > neanche.
    >
    > Cioè? Puoi fare un esempio concreto di ciò che
    > fai con OO e non puoi fare con
    > Excel?

    Prendere il CD e lanciarlo dalla finestra sapendo che non sto lanciando centinaia di euri Rotola dal ridere
    non+autenticato