Luca Annunziata

Il cuore della Baia è open

The Pirate Bay cambia il motore dei suoi tracker. Il nuovo è più veloce, più semplice e più anonimo

Roma - La Baia dei Pirati ha lasciato Hypercube, tracker sviluppato da Anakata (uno dei fondatori di TPB), passando invece a Opentracker. Una scelta dettata dalla migliore efficienza di quest'ultimo, sia sotto il profilo delle prestazioni che per quanto attiene l'anonimato di seeder e leecher. Opentracker supporta inoltre le connessioni UDP.

"È più veloce di Hypercube ed utilizza meno risorse" ha spiegato TiAMO, uno degli admin di TPB a Torrentfreak: ragioni sufficienti per avviare un test del software lo scorso 22 novembre, e decidere in poche settimane di far migrare l'intera rete della Baia, composta da 33 server, verso l'ultima versione disponibile di Opentracker.

In passato, Opentracker era stato oggetto di una serie di sospetti di connivenza con le major cinematografiche e la di loro paladina MediaDefender: voci dissipate dagli stessi autori del tracker. Tra le peculiarità di Opentracker c'è la totale assenza di qualsiasi log degli IP degli utilizzatori. Il codice dell'applicativo è distribuito con licenza open.
Con il passaggio di The Pirate Bay ad Opentracker, ora i primi due tracker del mondo utilizzano entrambi lo stesso software. Oltre 9 milioni di utenti utilizzano un tracker Opentracker, scambiandosi più di 1 milione di file.
25 Commenti alla Notizia Il cuore della Baia è open
Ordina
  • Ottime le varie iniziative della Baia, ma quello che mi sono sempre chiesto è: "chi li finanzia?".

    Voglio dire, la banda costa, i server costano, l'energia per tenerli in piedi costa.
    Da dove prendono i soldi i gestori della Baia?
    Non fatemi credere che tutto funziona vendendo magliette sul sito.

    Nicola
  • allora, mi è sembrato di capire che il tuo problema sia legato ai server. In un intervista mi è sembrato di capire che i gestori della Baia non sappiano nemmeno dove siano tutti i loro server.
    Comunque per costruire dei server, ci vuole solo un fondo iniziale, per manenerli e per la banda si affidano soprattutto alla vendita di gadget, la pubblicità sui loro siti (come fanno la maggior parte dei siti) e solo questo basterebbe per far quadrare il bilancio, ma in più non so se si possono fare anche delle donazioni e quetso gli frutta anche un po...
  • Invece la cosa strana è proprio questa... sul sito non sono presenti pulsanti per la donazione (o quanto meno non sono a vista d'occhio... io non ne ho trovati).

    L'unica cosa che ho visto è un piccolissimo link "Shop", in basso alla pagina, che porta ad un sito di vendita dei gadget col marchio della Baia.

    Ma la Baia ha dei tracker da mantenere, dei server web (compresi quelli di bayimg, esosi di banda e spazio), una struttura organizzativa e legale...

    Il movimento che gira intorno alla Baia è di alcuni milioni di utenti... secondo me pochissimi hanno speso qualcosa per aiutare la Baia... non arrivano soldi veri da là.

    Resta sempre la domanda: da chi sono finanziati?

    Nicola
  • 10 Milioni di utenti online con un po di publicità fai soldi in poco tempo...
    Certo la banda costa parecchio..ma sembra che questo basti.
    non+autenticato
  • In passato, Opentracker era stato oggetto di una serie di sospetti di connivenza con le major cinematografiche e la di loro paladina MediaDefender: voci dissipate dagli stessi autori del tracker.

    Mmmmh...
    Ci sarà da fidarsi?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Tsukishiro Yukito
    > In passato, Opentracker era stato oggetto di
    > una serie di sospetti di connivenza con le major
    > cinematografiche e la di loro paladina
    > MediaDefender: voci dissipate dagli stessi autori
    > del
    > tracker.

    >
    > Mmmmh...
    > Ci sarà da fidarsi?

    Se non sbaglio il server è open source...

    Enrico
  • - Scritto da: Enrico204
    > - Scritto da: Tsukishiro Yukito
    > > In passato, Opentracker era stato oggetto di
    > > una serie di sospetti di connivenza con le major
    > > cinematografiche e la di loro paladina
    > > MediaDefender: voci dissipate dagli stessi
    > autori
    > > del
    > > tracker.

    > >
    > > Mmmmh...
    > > Ci sarà da fidarsi?
    >
    > Se non sbaglio il server è open source...

    Significa automaticamente che c'è da fidarsi?
    Io non avrei mai le capacità per smanacciarci dentro e capire come stanno veramente le cose... per questo chiedo dettagli ai più esperti...
    non+autenticato
  • Quelli di ThePirateBay non sono proprio gli ultimi arrivati e sprovveduti... lo avranno ben guardato il codice del tracker!Occhiolino

    E poi se ti fidavi prima che usavano un tracker privato (e quindi poteva benissimo passare dati a chi vuole senza che tu lo sappia), dovresti fidarti anche di più ora che invece puoi andare a vedere effettivamente come lavora se ne hai voglia e capacitàOcchiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: magic3
    > Quelli di ThePirateBay non sono proprio gli
    > ultimi arrivati e sprovveduti... lo avranno ben
    > guardato il codice del tracker!
    >Occhiolino

    e chi ti assicura che il binario sia effettivamente derivato compilando quei sorgenti !?
    non+autenticato
  • > e chi ti assicura che il binario sia
    > effettivamente derivato compilando quei sorgenti
    > !?

    Fai l'md5 del binario poi compili i sorgenti tu e fai l'md5 del binario che ci salta fuori... se sono uguali sono i suoi sorgenti
  • veramente se lo compili sulla tua macchina non è per nulla detto che il binario sia uguale... per esempio se l' originale è compilato su un core duo e a casa hai un athlon 64...
    In altre parole l' unico modo che hai per essere sicuro che un dato binario corrisponda sicuramente ai sorgenti è compilartelo da te! Il binario che ti dà un' altro non hai mai modo di sapere da cosa è stato prodotto, ti devi fidare di chi lo ha compilato
  • - Scritto da: pentolino
    > veramente se lo compili sulla tua macchina non è
    > per nulla detto che il binario sia uguale... per
    > esempio se l' originale è compilato su un core
    > duo e a casa hai un athlon 64...

    Si puo' forzare la compilazione come si vuole se vuoi solo controllare la correttezza dell'md5.

    > In altre parole l' unico modo che hai per essere
    > sicuro che un dato binario corrisponda
    > sicuramente ai sorgenti è compilartelo da te! Il
    > binario che ti dà un' altro non hai mai modo di
    > sapere da cosa è stato prodotto, ti devi fidare
    > di chi lo ha compilato
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane
    >
    > Si puo' forzare la compilazione come si vuole se
    > vuoi solo controllare la correttezza
    > dell'md5.
    >
    vero, però fare l' md5 sul binario ha senso solo se ti fidi della fonte
  • - Scritto da: pentolino
    > - Scritto da: krane

    > > Si puo' forzare la compilazione come si vuole se
    > > vuoi solo controllare la correttezza
    > > dell'md5.

    > vero, però fare l' md5 sul binario ha senso solo
    > se ti fidi della fonte

    Non hai capito: se io installo abbastanza librerie sul mio linux posso compilare i sorgenti per varie architettute e per vari SO, a quel punto controllo se i binari compilati da altri (ad es la baia) coincide con quelli compilati da me, il che vuol dire che i sorgenti non hanno subito modifiche da parte loro.
    non+autenticato
  • a parte la scortesia del "non hai capito"...
    credo che fare la compilazione con tutte le possibili librerie/SO/architetture e confrontare i rispettivi md5 sia abbastanza tedioso come lavoro, quindi il fatto che ti venga un md5 diverso non è necessariamente sintomo di frode.
    Poi io non arrivo a questi livelli di paranoia ma nel caso mi fiderei solo dell' md5 del sorgente, tutto qui