Gaia Bottà

Francia, eBay a rischio?

Le sue aste non sfuggono all'occhio delle autorità francesi. Si apre un conflitto: c'è chi parla di possibile arresto dei dirigenti

Parigi - eBay opera senza permesso in Francia, non si attiene alla legge e non assicura alcuna tutela ai propri utenti. Il Conseil des ventes, l'authority francese che si occupa di vigilare sulle aste, ha aperto un contenzioso che secondo gli osservatori potrebbe portare alla chiusura di eBay e persino all'arresto dei suoi dirigenti.

Il caso, che sarà discusso presso l'alta corte di Parigi, ruota intorno ad una legge del 2000: eBay si posizionerebbe sul mercato francese come un banditore d'asta, e come tale dovrebbe vigilare sulle transazioni, garantire trasparenza, verificare che i seller non tentino di vendere prodotti rubati o contraffatti, situazione che ha messo eBay nei guai in numerose occasioni.

A parere del Consiglio, eBay non offrirebbe sufficienti garanzie a coloro che partecipano alle aste: nonostante esistano dei meccanismi di protezione, nonostante alcuni stati abbiano già innescato delle dinamiche per contrastare i venditori che agiscono nel sommerso, i consumatori sarebbero abbandonati ai malintenzionati, e i venditori sfuggirebbero abilmente al fisco. A dimostrarlo, quanto emerso dalla stretta vigilanza dell'Autorità operata su eBay.fr fin dal 2003.
Ma l'Autorità francese sembra non voler agire semplicemente sul fronte della tutela dei consumatori: eBay dovrebbe iscriversi al registro di categoria e dovrebbe sottostare alle regole previste dall'ordinamento statale, senza godere di vantaggi di alcun tipo. "Si tratta di un comportamento che danneggia la concorrenza - ha spiegato a Times Online Christian Giacomotto, a capo dell'authority locale - gli altri banditori devono assicurare trasparenza e garanzie ai loro utenti".

eBay considera però l'accusa "totalmente ingiustificata" e non ritiene di sottrarsi ad alcuna incombenza, dichiarandosi un semplice raccordo tra domanda e offerta, una sede per negoziare in autonomia transazioni rese sicure da un meccanismo di reciproco controllo. "eBay ha inventato un nuovo modo di comprare e vendere che si differenzia dalle aste tradizionali", spiegano dall'azienda, sottolineando come le attività di eBay e le attività degli utenti viaggino su due binari completamente separati e ricordando che i dieci milioni di utenti francesi di eBay non temono frodi e truffe.

"Ma qual è la differenza? - ha replicato Giacobotto a nome del Consiglio - eBay sottrae una commissione al venditore e una commissione all'acquirente. Queste persone non possono dichiararsi prive di responsabilità."

Sarà l'alta corte di Parigi a decidere dello status di eBay e delle sorti della competizione tra e-commerce e commercio tradizionale sulla scena francese. eBay si è già dichiarata pronta a ricorrere in appello, qualora il tribunale decidesse di non darle ragione.

Gaia Bottà
42 Commenti alla Notizia Francia, eBay a rischio?
Ordina
  • Premetto che non sono mai incappato in una fregatura su Ebay e sono uno che compra poco, sono un frequentatore del sito da anni e ho letto di tutto sulla community e visto veramente aste e controversie assurde.
    Che in Ebay ci sia un problema di alto "menefreghismo" nei confronti di venditori imbroglioni è un fatto risaputo e visto che loro ci guadagnano dalle transazioni non possono certo definirsi solo "un semplice raccordo tra domanda e offerta" ...sono ridicoli..
    Secondo me non è affatto giusto che venditori che hanno in asta roba contraffatta o che siano "poco seri" possano vantare titoli come "power seller" o "venditore gold" senza che la piattaforma controlli.
    Certo Ebay deve aver la possibilità di continuare la sua funzione ma che sia ora che stiano un pò più attenti a quello che succede nelle loro transazioni.
    non+autenticato
  • Avrei voluto dire la mia su ebay, ma evidentemente qui su PI non è possibile raccontare le proprie esperienze reali e si viene immediatamente censurati. Bravi continuate così.
  • Magari riprova
    non+autenticato
  • Ma sono fuori?
    E allora tutti quei giornalini tipo porta portese?
    Immagino ci siano anche in Francia riviste che vivono di inserzioni a pagamento.
    Ebay non è altro che la trasposizione elettronica di questa attività!
    Che poi quelli di Ebay siano un pò latitanti sui controlli e che potrebbero fare di più è vero, fanno sicuramente più tuttavia dei controlli che detti giornali fanno sui loro inserzionisti.
  • I giornalini non prendono la percentuale sul venduto, fanno pagare solo l'inserzione, eBay no:
    http://pages.ebay.it/help/sell/fees.html
    non+autenticato
  • - Scritto da: Enjoy with Us
    > Ma sono fuori?
    > E allora tutti quei giornalini tipo porta portese?
    > Immagino ci siano anche in Francia riviste che
    > vivono di inserzioni a
    > pagamento.
    > Ebay non è altro che la trasposizione elettronica
    > di questa
    > attività!
    > Che poi quelli di Ebay siano un pò latitanti sui
    > controlli e che potrebbero fare di più è vero,
    > fanno sicuramente più tuttavia dei controlli che
    > detti giornali fanno sui loro
    > inserzionisti.

    Ma guarda che se io compro o vendo qualcosa da un annuncio su porta portese mica devo dare una percentuale al giornale...che stai dicendo???
    non+autenticato
  • Si però l'annuncio in genere sui giornali è ben più costoso, Ebay con la percentuale (piuttosto contenuta poi) sul prezzo di vendita non fa altro che compensare una tariffa di inserzione estremamente bassa (possono bastare per una tariffa base anche solo 10 centesimi!).
    O forse preferireste un innalzamento generalizzato delle tariffe di inserzione, che inevitabilmente porterebbe fuori mercato gli oggetti di poco valore o di difficile vendita?
  • Mai provato secondamano ?
    non+autenticato
  • ...che qualcuno se ne accorgesse...
    Ebay dice di non entrare nelle transazioni tra acquirenti e venditori ma poi, in realtà, pretende la percentuale sul venduto, ti impedisce di scegliere alcuni mezzi di pagamento e, quando possibile, obbliga il venditore ad iscriversi a paypal... Il tutto, però, strafregandosene di quel che succede lavandosene per bene le mani... Comoda la vita eh?
  • già... hanno trovato il business... pensa anche al fatto che in tutti questi anni non sono stati contrastati da alcuna legge di nessun paese!
    non+autenticato
  • - Scritto da: HotEngine
    > ...che qualcuno se ne accorgesse...
    > Ebay dice di non entrare nelle transazioni tra
    > acquirenti e venditori ma poi, in realtà,
    > pretende la percentuale sul venduto, ti impedisce
    > di scegliere alcuni mezzi di pagamento e, quando
    > possibile, obbliga il venditore ad iscriversi a
    > paypal... Il tutto, però, strafregandosene di
    > quel che succede lavandosene per bene le mani...
    > Comoda la vita
    > eh?


    Il problema di Ebay che se ne frega di quello che succede nelle sue transazioni è un patto che tutti gli utenti del mondo conoscono..
    Da tempo avrebbero dovuto intervenire..naturalmente questi provvedimenti non vengono mai presi in italia..ci mancherebbe vero?
    E noi critichiamo tanto i francesi..
    non+autenticato
  • Non ci si poteva aspettare altro da un popolo di arroganti come quello.
    Ci ho lavorato e spero di non lavorarci per il resto della mia vita, e tutti gli italiani e non che ci hanno lavorato pensano la medesima cosa.
    Per quanto riguarda la cosa di ebay
    bene togliessero il sito francese anzi meglio disabilitassero tutti gli user francesi. Possiamo fare per fortuna a meno di loro.
    Non hanno mai concluso nulla, e l'unico che ha fatto qualcosa era corso (italiano)
    non+autenticato
  • Sottoscrivo in pieno il concetto.
    Arroganti e presuntuosi!

    - Scritto da: franzosi del caz
    > Non ci si poteva aspettare altro da un popolo di
    > arroganti come
    > quello.
    non+autenticato
  • Appartieni ad una razza inferiore, di qui la tua rabbia. Ti faccio notare che gli italiani sono stati qualcuno fino a quando erano governati da non-italiani. Dal 1861 in poi solo abusivismo, corruzione e stupidità.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Frusk
    > Appartieni ad una razza inferiore, di qui la tua
    > rabbia. Ti faccio notare che gli italiani sono
    > stati qualcuno fino a quando erano governati da
    > non-italiani. Dal 1861 in poi solo abusivismo,
    > corruzione e
    > stupidità.

    Dal 1920 abbiamo esportato la democrazia italiana in americaA bocca aperta

    Ancora oggi la più fiorente del mondo!
    non+autenticato
  • Assolutamente no; sono come noi e nostri alleati con gli stessi nostri problemi di altri paesi europei, solo che anche loro hanno problemi con i loro politici come noi li abbiamo con i nostri........
  • Trattengono una percentuale sul venduto verissimo!
    Ma avete visto cosa chiedono i mercatini dell'usato?
    Loro trattengono il 50% del prezzo di vendita!
  • - Scritto da: fr3d
    > Assolutamente no; sono come noi e nostri alleati
    > con gli stessi nostri problemi di altri paesi
    > europei, solo che anche loro hanno problemi con i
    > loro politici come noi li abbiamo con i
    > nostri........


    Bravo ...solo che loro quando c'è un problema cercano di fare qualcosa...noi invece trasferiamo i magistrati..
    non+autenticato
  • - Scritto da: daniel
    > - Scritto da: fr3d
    > > Assolutamente no; sono come noi e nostri alleati
    > > con gli stessi nostri problemi di altri paesi
    > > europei, solo che anche loro hanno problemi con
    > i
    > > loro politici come noi li abbiamo con i
    > > nostri........
    >
    >
    > Bravo ...solo che loro quando c'è un problema
    > cercano di fare qualcosa...noi invece trasferiamo
    > i
    > magistrati..

    Appunto, anche noi facciamo qualcosa, l'hai appena scritto! Con la lingua fuoriAngioletto
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)