markvp

Persino i casinò saranno 2.0

Le dinamiche e i macchinari dei casinò sono rimasti gli stessi per decenni. Nell'era del Web 2.0, anche loro si rinnovano: video ad alta definizione, audio dolby digital, joystick, ricchi premi e cotillon

Roma - La famosa slot machine, icona dei casinò di tutto il mondo, sta affrontando la svolta epocale. Insieme a lei, tutta la sostanza e il relativo indotto dei casinò sta diventando 2.0, a partire dagli USA.

La storia ricorda che l'invenzione veniva alla luce più di un secolo fa, dalla mente di Charles Fey. Era il 1890 e le macchine richiedevano ai player soltanto soldi e la capacità di tirare una leva o pigiare un pulsante. Ora la nuova classe di slot machine, concepita per attrarre i giocatori più giovani cresciuti con i videogiochi, si prepara a chiedere al giocatore qualcosa di più: gli skill.

"Capacità? E quali?", si domanderebbe qualsiasi habitué. Le risposte sono molte: coordinazione tra occhio e mano, capacità di utilizzare un joystick, saper giocare in squadra e anche online tra un casinò e l'altro e altre attitudini che verranno richieste con il progredire di questa fase evolutiva.
I più giovani avranno certamente già capito e, probabilmente, per loro ci potremmo fermare. Per... gli altri, il New York Times si intrattiene su questa novità: "I giovani vengono in città per andare alle feste", dice al quotidiano George Maloof Jr., presidente della catena Palms Casino Resort, una struttura di Las Vegas concepita per gli under 40. "Bevono, vanno ai night club, nei club after-hours, a giocare a biliardo e altri scenari serali e notturni simili, ma i casinò difficilmente rientrano nel loro elenco di destinazioni".
Ma il gioco d'azzardo è ancora un business molto forte: è la slot machine che genera i tre quarti del fatturato prodotto dai casinò americani, pari a circa 60 miliardi di dollari. Dunque, l'industria chiede di andare oltre.

Così, per attrarre la clientela più giovane, le nuove macchine hanno schermi piatti, immagini vividissime ad alta risoluzione, come quelle dei videogiochi più moderni, suono surround digitale e nuovi modi di interagire con le macchine e tra le macchine. Una delle più apprezzate è la slot machine il cui "tema" è tratto dal film "Top Gun".

I joystick sono dietro l'angolo, secondo quanto riferiscono i costruttori. Non solo, gli specialisti del settore prevedono che nei prossimi anni i casinò investiranno in reti di comunicazioni, per miscelare tra loro la scommessa vera e propria e la competizione faccia a faccia o gruppo a gruppo, sulla falsariga di videogiochi come World of Warcraft.

"Non possiamo costruire una slot machine pensando solo alla signora 55enne che viene al casinò poche volte al mese", dice Rob Bone, marketing director di WMS Gaming. "Abbiamo bisogno di attirare nuovi segmenti di giocatori, o moriremo". Un'altra testimonianza: "I più giovani, dopo anni di attività solitarie sui Gameboy, in televisione e sui PC, vogliono interazione umana", dice Joseph S. Weinert, analista del gruppo di consulenza Spectrum Gaming Group. "Per questo i tavoli da gioco godono di tanta popolarità".

Il riscontro non si è fatto attendere. "I giochi che richiedono determinate capacità mi attraggono", dice Bryan Colin, 24 anni, habitué del casinò, che sostiene di non sedersi praticamente mai a una slot machine tradizionale o di farlo solo per 20 minuti, quando è "ubriaco e annoiato". Preferisce giocare a poker o a blackjack, oltre a descriversi come un fan dei videogiochi. "Non appena la novità saranno disponibili, le proverò senz'altro", ha detto.

Non resta che attendere lo sviluppo degli eventi: con la rete sempre più presente nella quotidianità e con la possibilità di sviluppare giochi interattivi che interagiscano direttamente con i casinò "veri", senz'altro ne vedremo delle belle.

Marco Valerio Principato
1 Commenti alla Notizia Persino i casinò saranno 2.0
Ordina