Gaia Bottà

Phishing, carcere per tre

Operavano in Italia ai danni degli utenti di Poste Italiane. Le forze dell'ordine li avevano pescati nei mesi scorsi

Milano - Sei anni, cinque anni e quattro mesi, due anni e dieci mesi di carcere. Questa la nuova tornata di condanne per i colpevoli di associazione a delinquere finalizzata alla truffa informatica a mezzo phishing, indagati nell'ambito dell'operazione Phish & Chip coordinata dalla Guardia di Finanza e da una squadra di Polizia Giudiziaria.

I tre condannati operavano tra Italia e Romania ai vertici di un'organizzazione che, come ben sanno i lettori di Punto Informatico, si era specializzata in truffe online, in particolare ai danni degli utenti di Poste Italiane. Spacciandosi per rappresentanti dell'azienda, chiedevano via email di compilare dei form con generalità, utenze e password e prosciugavano i conti dei correntisti che abboccavano.

Le tre condanne assegnate dal giudice Piero Gamacchio seguono di pochi giorni il patteggiamento del cracker a capo della seconda organizzazione emersa nel corso dell'operazione Phish & Chip. Altri 22 imputati sono in attesa del processo: accusati di gestire i conti correnti di servizio sui quali fluiva il denaro raccolto dalle due gang, verranno giudicati a partire probabilmente da febbraio. (G.B.)
9 Commenti alla Notizia Phishing, carcere per tre
Ordina
  • ...per chi truffa col phishing e 7 anni a chi uccide una suora. Mah!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Elat
    > ...per chi truffa col phishing e 7 anni a chi
    > uccide una suora.
    > Mah!!

    Nel senso che è poco per omicidio o troppo per phishing?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Chazer
    > - Scritto da: Elat
    > > ...per chi truffa col phishing e 7 anni a chi
    > > uccide una suora.
    > > Mah!!
    >
    > Nel senso che è poco per omicidio o troppo per
    > phishing?

    troppi per phishing...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nome e cognome
    > - Scritto da: Chazer
    > > - Scritto da: Elat
    > > > ...per chi truffa col phishing e 7 anni a chi
    > > > uccide una suora.
    > > > Mah!!
    > >
    > > Nel senso che è poco per omicidio o troppo per
    > > phishing?
    >
    > troppi per phishing...

    Ma per favore...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Elat
    > ...per chi truffa col phishing e 7 anni a chi
    > uccide una suora.
    > Mah!!

    Sono pochi per entrambi.
    non+autenticato
  • Fargli sputare i soldi fino all'ultimo cent ( piu' naturalmente una penale per ripagare gli stipendi delle forze dell'ordine e gli investigatori che hanno partecipato alla ricerca ).

    Il carcere non serve.
    Togliamogli tutto ( se a loro non risulta nulla, togliamogli ogni fonte di reddito, ogni euro presente nella famiglia....), in modo da metterli sotto ad un ponte.

    Questa gente, ha capito, che "purtroppo" in Italia, soggiornare in galera e' un lusso che porta solo benefici e i soldi "rubati", restano al sicuro perche' nessuno se ne occupa di recuperarli.

    Inoltre, se si e' galeotti si ha una serie di benefits (quando si esce) del tipo :

    - Lavoro comunale/statale ( sappiamo tutti QUANTO si lavora e QUANTO e' protetto )
    - Diritto alla casa gratis ( o un bonus sulla graduatoria di attesa )
    - Diritto a far studiare i figli ( con un bonus sulla graduatoria di attesa )
    ...

    Potrei continuare, ma non avendo fatto altre richieste in giro, non oso neanche immaginare.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mi scoccio di loggare

    > Il carcere non serve.
    > Togliamogli tutto ( se a loro non risulta nulla,
    > togliamogli ogni fonte di reddito, ogni euro
    > presente nella famiglia....), in modo da metterli
    > sotto ad un
    > ponte.

    Se gli togli tutto non avrebberò cmq più niente da perdere e ricomincierebbero a delinquere anche in modo peggiore. Tenerli in carcere a vita costa a noi contribuenti, io proporrei lavori forzati a vita. Se non c'è niente da costruire possono riempire a mano lo stretto di Messina. Cosi imparano a truffare la povera gente, in genere alle poste hanno i conti giovani con poche possibilità economiche ed anziani.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 11 dicembre 2007 13.49
    -----------------------------------------------------------
  • Io suggerirei per chiunque abbia rubato/truffato la reclusione ALMENO fino a quanto previsto dalla legge, prolungata fino a quando il soggetto non avrà restituito ai legittimi proprietari tutti i soldi compresi gli interessi legali. Quindi se in sei anni riesce anche a restituire tutto, rimane dentro sei anni, altrimenti... ad libitum, fino a debito estinto.
    non+autenticato
  • ...se tutti la pensassero come te, avremmo gia risolto un mucchio di problemi.ottimo.
    non+autenticato