Il papÓ di Mandriva porta OpenOffice su Web

Ulteo, l'azienda fondata da Gael Duval dopo la sua dipartita da Mandriva, ha iniziato il beta testing pubblico di una versione online di OpenOffice orientata alla collaborazione e alla condivisione dei documenti

Parigi - Per utilizzare OpenOffice non è più necessario scaricare un file da un centinaio di megabyte ed installarlo nel proprio sistema: basta un browser web e pochi clic del mouse. A renderlo possibile è Ulteo, un'azienda co-fondata da Gael Duval - creatore della celebre distribuzione Mandrake Linux (ora nota come Mandriva) - il cui progetto è quello di realizzare un ecosistema di software open source accessibili da un qualunque browser web.

Tra i componenti chiave della futura piattaforma di applicazioni online di Duval, chiamata Ulteo Online Desktop, vi è proprio OpenOffice. Gli utenti possono utilizzare la famosa suite per l'ufficio open source direttamente dal web e avvalersi dei servizi per la condivisione dei documenti e il lavoro di gruppo forniti da Ulteo: tali servizi consentono a più persone di scambiarsi inviti di collaborazione via email e lavorare contemporaneamente sugli stessi documenti.

"Ulteo è davvero orgogliosa di fornire OpenOffice 2.3 alla comunità in una nuova, utile ed eccitante modalità di usufruizione", ha dichiarato Thierry Koehrlen, CEO di Ulteo. "Dal momento che la versione online è ancora più semplice e immediata da utilizzare, siamo convinti di poter contribuire a diffondere OpenOffice fra un numero di utenti ancora più vasto".

Ulteo Online Desktop



Va sottolineato che la versione di OpenOffice messa online da Ulteo non è un web service, ma un server VNC accessibile mediante una applet Java open source. La connessione tra client e server è protetta mediante il protocollo SSH.

La prima beta pubblica di OpenOffice 2.3 online è disponibile qui in inglese, ma presto sarà disponibile anche in altre lingue (nel momento in cui si scrive il sito in italiano appare ancora incompleto). Per partecipare al beta testing è necessario effettuare una registrazione gratuita e attendere, via email, l'autorizzazione di Ulteo. L'account al servizio dà anche accesso ad 1 GB di spazio d'archiviazione dove è possibile salvare o uploadare i propri documenti. Attualmente il servizio è compatibile con i browser Firefox 1.5+, Internet Explorer 6/7 e Safari dotati di plug-in Java Runtime Environement 1.4 o superiore.

Ulteo non ha detto quale sarà la propria fonte di guadagno. ╚ probabile che il servizio verrà finanziato attraverso l'introduzione di caratteristiche a pagamento e, eventualmente, banner pubblicitari.

Per il futuro l'azienda conta di aggiungere alla propria suite Ulteo Online Desktop altre applicazioni per la produttività open source, tra le quali una dedicata al data management.
72 Commenti alla Notizia Il papÓ di Mandriva porta OpenOffice su Web
Ordina
  • ho letto tutte le rispose e mi è sembrato di stare all asilo viste le scaramuccie... vabbè lasciamo stare...

    premetto che devo ancora provare e testare "con mano"
    cmq a mio avviso questo servizio è inutile come già detto da altri utenti, la sicurezza chi la garantisce? cioè è un server chissàdove gestito da chissàcchi... non vedo un utilizzo pratico/utile almeno nel mio ambito lavorativo e nella mia vita quotidiana...

    ciao
    Onef
    non+autenticato
  • Ma no, dai, puoi fare il tuo bilancio familiare con questo fantastico strumento, non ti preoccupare se il server e' ospitato in casa di Visco, ha promesso che non sbircera' nessuno dei documenti degli utenti!
    non+autenticato
  • - Scritto da: La redazione con i cont
    > Ma no, dai, puoi fare il tuo bilancio familiare
    > con questo fantastico strumento, non ti
    > preoccupare se il server e' ospitato in casa di
    > Visco, ha promesso che non sbircera' nessuno dei
    > documenti degli
    > utenti!
    ci vuole tanto a capire che è una demo?

    il vero uso di questo strumento è aziendale. 1 server, 12 pc cessosi e non con nessun file salvato sopra (niente accesso internet quindi niente stronzate a giro per i pc, backup di una sola macchina, ecc.)
    non+autenticato
  • - Scritto da: Onef
    > ho letto tutte le rispose e mi è sembrato di
    > stare all asilo viste le scaramuccie... vabbè
    > lasciamo
    > stare...
    >
    > premetto che devo ancora provare e testare "con
    > mano"
    > [...] la sicurezza chi la
    > garantisce? cioè è un server chissàdove gestito
    > da chissàcchi... non vedo un utilizzo
    > pratico/utile almeno nel mio ambito lavorativo e
    > nella mia vita
    > quotidiana...

    Il tuo discorso vale anche per il servizio "Google Documents" e per tutta la posta elettronica [a meno che tu non abbia un mail server].
    L'utilita' invece e' - a mio avviso - la facile condivisione di documenti ed il tunnel SSH [crittografia a 128 bit] che mi fa sentire piuttosto a mio agio.

    L'internet non e' un luogo dove nascondersi, non lo e' mai stato e lo sara' sempre meno, come profetizzato decine d'anni fa.

    Ora sull'internet sono disponibili dei servizi, alcuni gratuiti, altri a pagamento. Tutto qui. Nessuno punta un fucile in testa dicendo "usa il mio servizio", pero' Google e' comodo anche se si comporta come il maiale [nel senso che non butta niente, tracciando un profilo piu' che nitido di ogni utenza].

    E' chiaro che in un servizio del genere io non metterei mai le mie analisi del sangue, ma documenti che possono essere letti da tutti si', anzi: mi semplificherebbe di gran lunga il lavoro.
  • I server non rispondono. Che abbiano avuto troppo successo?
    FDG
    10946
  • mapperfavore...dopo il fallimento di mandriva, DOPO i goffi tentativi di acquisire massa critica acqustando distro a destra e a manca, adesso l'ultimo dei ceo informatici cerca di sbarcare il lunario con un sistema che di innovativo non ha proprio nulla.

    Che tristezza, linux in ambiro business ha PROPRIO FALLITO.

    Meglio farsi crescere la barba e andare in giro in infradito come stallmann, e' l'unico modo per elemosinare qualcosa nel m,ondo opensource.
    non+autenticato
  • se lo dici tu...

    cmq complimenti, iniziativa decisamente interessante io la userei molto volentieri, e così i miei colleghi, visto che google docs è abbastanza limitato, certo poi google se la comprerà ma questo è un altro discorso...
    non+autenticato
  • Aparte il fatto che il tipo di prima ha sparato un mucchio di stupidaggini sull'open source. non e' vero che non si puo' fare business con linux, bisogna solo avere maggiori conoscenze e ignorare logiche di sviluppo predatorie o nemiche dei popoli.

    > cmq complimenti, iniziativa decisamente
    > interessante io la userei molto volentieri, e
    > così i miei colleghi,

    Pero' nessuno mi puo' offrire garanzie sulla reale protezione dei dati. Io volgio avere la liberta' di conoscere in che posto sono backuppati e chi ha accesso a cosa. Non basta una connessioncina ssh per proteggermi. volgio truecrypt nei device di storage, la cui chiave d'accesso la conosco solo io.

    Queste non sono questioni d poco, ne e' in gioco la nostra liberta'. La gente e' stufa di farsi prendere in giro.

    > visto che google docs è
    > abbastanza limitato, certo poi google se la
    > comprerà ma questo è un altro discorso...

    nmon centre nulla. google docs e' nettamente piu' monco di questo sofware e la sua logica e' molto piu' raffinata. google e' 100% ajax, mentre questo office qui e' solo una sessione di vnc. nmiente innovazione, ma solo facciata.

    Peccato non aver potuto leggere i sorgenti. Di sicuro avrei   fatto una decisione migliore e piu' approfondita.

    cmq trovo pessima l'idea di scegliere open office, quando esistono soluzioni molto piu' innovative come koffice.

    inoltre non riesco proprio a capire come mai non abbiano preso i sorgenti di neooffice che sono in java per creare un applet. Ne avremmo guadagnato in stabiliuta' e srabbe stata una operazione piu' onesta.
    non+autenticato
  • - Scritto da: mes.id

    > Aparte il fatto che il tipo di prima ha sparato
    > un mucchio di stupidaggini...

    Basta dire è un troll.
    FDG
    10946
  • > cmq trovo pessima l'idea di scegliere open
    > office, quando esistono soluzioni molto piu'
    > innovative come
    > koffice.

    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    > inoltre non riesco proprio a capire come mai non
    > abbiano preso i sorgenti di neooffice che sono in
    > java per creare un applet. Ne avremmo guadagnato
    > in stabiliuta' e srabbe stata una operazione piu'
    > onesta.

    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    un programma così complesso in java!!!!!????!!!!!

    java e' fallito, lo dimostra la lentezza con cui si avvia qualunque applet. minimo 10 secondi di blocco di explorer e poi a stento si vede la finestra di caricamento.

    l'unico troll sei tu
    non+autenticato
  • non avevo capito che è in VNC... allora davvero niente di innovatvo e molto meno utile... continuerò ad usare google docs per scrivere documenti a più mani...
    non+autenticato
  • Mandriva fallita? Non mi pare! Fan Linux
  • - Scritto da: LeoLinux
    > Mandriva fallita? Non mi pare! Fan Linux

    ubuntu e superPClinuxOS l'hanno letteralmente distrutta.

    Piu' facili e piu' gratuite. L'open source vince sempre, anche contro le multinazionali.
    non+autenticato
  • perchè mandriva non è open source???
    ma che discorsi fai???
    non+autenticato
  • - Scritto da: kralin
    > perchè mandriva non è open source???
    > ma che discorsi fai???

    e' stata la prima distro a inoculare codice proprietario dentro se stessa. e' stata la prima a usare i driver nvidia nonche' a fornire acrobat reader di default.
    Questo non e' andato giu' a molti uteni che si sono sentiti traditi e hanno scelto altre distro.

    gli errori di mandriva hanno garantito il successo di ubuntu.
    non+autenticato
  • bah forse stai sbagliando, non so se la diffusione maggiore di ubuntu e pclinuxos(deruvata da mandriva) dia per la pre presenza di software closed. mi pare che ora anche ubuntu 7,10 abbia aperto a driver e software closed. basta un click per installarlo.
    Mandriva l ho provata anche nell ultima versione, e la trovo più pesante e lenta di ubuntu gusty, per sempio.
    Anyi, purtroppo,aggiungo, l utente medio che si avvicina al mondo linux,non sa la differenza fra open o closed, ma cerca di avere su una qualsiasi distribuzione GNU-Linux le stesse cose che ha su finestre.
    Se offri un prodotto valido, puoi gareggiare,altrimenti rimani indietro.
    non+autenticato
  • In effetti sembra proprio di aprire una sessione grafica con un server remoto... il ché mi lascia molte molte molte perplessità.
    Se andate su "apri file", potete navigare il filesystem del server! E leggere svariati file di configurazione nella cartella /etc ad esempio... per pura curiosità, la versione usata è debian testing/unstable, ad esempio. O in /proc potete vedere che il processore è un via 2GHz. Oppure che l'uptime del server è: 142348.79 59744.66 (cioè 39h),
    Spero che sia un IMMENSO chroot...

    Per il tizio che diceva che sarebbe più utile installarsi tutto ciò sui propri server piuttosto che appoggiarsi su un servizio esterno... ma E possibile!!!
    La pagina che ti si apre quando fai login è generata da questa applet:
    "SSHVncApplet-0.2.9.4-3-signed.jar" (guarda il codice sorgente della pagina)
    Ovvero, una applet per una connessione VNC via ssh...! Chiunque può creare un servizio come quello di ulteo sui propri server aziendaliOcchiolino
  • Per maggiori info sull'applet usata da Ulteo:
    http://sourceforge.net/projects/sshtools/

    Figata!
  • - Scritto da: mythsmith
    > Per maggiori info sull'applet usata da Ulteo:
    > http://sourceforge.net/projects/sshtools/
    >
    > Figata!

    Figata un applet?
    E poi dicono che i fanboy sono gli utenti mac...
    non+autenticato
  • > Figata un applet?
    > E poi dicono che i fanboy sono gli utenti mac...

    Beh almeno ho riconosciuto che la figata non è la finestrella grafichella, ma la tecnologia sottostante che gli da funzionalità. E che in questo caso è opensource quindi reimplementabile da chiunque per i propri scopi.

    Per te invece la figata sono le finestrelle grafichelle suppongo...
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 12 dicembre 2007 10.38
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: mythsmith
    > > Figata un applet?
    > > E poi dicono che i fanboy sono gli utenti mac...

    > Beh almeno ho riconosciuto che la figata non è la
    > finestrella grafichella, ma la tecnologia
    > sottostante che gli da funzionalità. E che in
    > questo caso è opensource quindi reimplementabile
    > da chiunque per i propri scopi.

    > Per te invece la figata sono le finestrelle
    > grafichelle suppongo...

    Secondo me manco quello : e' cosi' deluso e distrutto dalla vita che non c'e' piu' niente che gli fa dire : "figata"... E' bello entusiasmarsi per nienteA bocca apertaA bocca apertaA bocca aperta
    krane
    22544
  • > Secondo me manco quello : e' cosi' deluso e
    > distrutto dalla vita che non c'e' piu' niente che
    > gli fa dire : "figata"... E' bello entusiasmarsi
    > per nienteA bocca apertaA bocca aperta
    >A bocca aperta

    A parte che io non ti ho offeso e neanche l'ho buttata sul personale.
    Se mi spieghi che cosa ha di innovativo un applet posso anche cambiare idea.
    I casi sono due:
    o sei molto giovane e non sai perchè gli applet non li vuole più nessuno
    o sei uno dei tanti che proietta le proprie frustazioni sugli altri
    non+autenticato
  • - Scritto da: next
    > > Secondo me manco quello : e' cosi' deluso e
    > > distrutto dalla vita che non c'e' piu' niente
    > > che gli fa dire : "figata"... E' bello
    > > entusiasmarsi per nienteA bocca apertaA bocca apertaA bocca aperta

    > A parte che io non ti ho offeso e neanche l'ho
    > buttata sul personale.
    > Se mi spieghi che cosa ha di innovativo un applet
    > posso anche cambiare idea.
    > I casi sono due: o sei molto giovane e non sai
    > perchè gli applet non li vuole più nessuno o sei
    > uno dei tanti che proietta le proprie frustazioni
    > sugli altri

    Sono un programmatore e il codice fatto bene, leggero e che fa cose utili mi affascina...
    krane
    22544
  • > Sono un programmatore e il codice fatto bene,
    > leggero e che fa cose utili mi
    > affascina...

    Applet leggero???
    Ok dai..
    non+autenticato
  • - Scritto da: next
    > > Sono un programmatore e il codice fatto bene,
    > > leggero e che fa cose utili mi
    > > affascina...

    > Applet leggero???
    > Ok dai..

    Ma come lo faresti tu un sistema per far startare un'applicazione we ? In assembler ?

    Tutti dicono che va benissimo ed e' veloce, tu l'hai provato ?
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane
    > - Scritto da: next
    > > > Sono un programmatore e il codice fatto bene,
    > > > leggero e che fa cose utili mi
    > > > affascina...
    >
    > > Applet leggero???
    > > Ok dai..
    >
    > Ma come lo faresti tu un sistema per far startare
    > un'applicazione we ? In assembler
    > ?

    "far startare un'applicazione we" non mi è chiaro cosa vuol dire.

    > Tutti dicono che va benissimo ed e' veloce, tu
    > l'hai provato
    > ?

    Tutti chi?
    Io l'ho provato prima e a mio avviso è penoso.
    non+autenticato
  • - Scritto da: next
    > - Scritto da: krane
    > > - Scritto da: next
    > > > > Sono un programmatore e il codice fatto
    > bene,
    > > > > leggero e che fa cose utili mi
    > > > > affascina...

    > > > Applet leggero???
    > > > Ok dai..

    > > Ma come lo faresti tu un sistema per far
    > startare
    > > un'applicazione we ? In assembler
    > > ?

    > "far startare un'applicazione we" non mi è chiaro
    > cosa vuol
    > dire.

    Opps... Manca una B... Ci arrivi o vuoi comprare una vocale ?

    > > Tutti dicono che va benissimo ed e' veloce, tu
    > > l'hai provato ?

    > Tutti chi?
    > Io l'ho provato prima e a mio avviso è penoso.

    In questo tread mi e' sembrato piuttosto apprezzato, personalmente non l'ho ancora provato.
    non+autenticato
  • Non porta solo Ooo, ulteo e' una piattaforma online che simula un installazione in locale di un sistema operativo.
    Ti crei l'account. fai il login.

    ti imposti quali programmi (openoffice e' solo uno) usi
    importi i tuoi segnalibri e i tuoi contatti email o altro.

    fai l'upload dei documenti che ti serve siano accessibili anche da altri computer, quando magari non sei a casa.

    E ti ritrovi un desktop come se fossi al tuo computer ma utilizzabile da qualsiasi computer in giro per il pianeta.
    non+autenticato
  • Che va benissimmo, e infatti a me piace molto.
    Ma. Quanta gente c'è nel mondo che ha bisogno (necessità reale, intendo) di accedere ai propri documenti mentre è in giro, ed è senza il proprio portatile ?
    Non il professionista, che se lo porta appresso, e comunque sarebbe vincolato da precise policy aziendali nella maggior parte dei casi.
    Non l'utente casalingo, che non è certo così smart da spostare tutti i suoi documenti online e usare OOo via web.
    Chi resta ? noi smanettoni ? Bene, ma certo non siamo la massa critica; quindi tornando al piano del nostro amico francese, dove starà il guadagno ? Ricordo che Mandrake quasi fallì per mancanza di supporto commerciale (leggi grano) ....
    A me piace moltissimo il concetto, sto testando sia Google Docs che Zoho, e testerò pure Ulteo, ma non riesco a trovare la motivazione principe per spostarmi sul web.
  • Beh, forse e' piu' utile come sistema di visrtualizzazione del desktop per reti aziendali, dici che puo' funzionare?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Beh, forse e' piu' utile come sistema di
    > visrtualizzazione del desktop per reti aziendali,
    > dici che puo'
    > funzionare?

    per reti aziendali potrebbe ancora andare bene, ma per programmi via WEB, che Dio ci scampi da cose simili.

    50 anni fa non c'erano situazioni simili, un computer grosso centrale e tanti terminali che si attaccavano a lui.
    Poi hanno scoperto che distribuire le risorse permetteva di distribuire meglio il carico e sono nati i terminali "inteligenti".
  • - Scritto da: sdicandia

    > Ricordo che Mandrake quasi fallì per mancanza
    > di supporto commerciale (leggi grano)
    > ....

    Ricordi male. Intanto Mandrake non è fallita ma fu sottoposta, in parole povere, ad amministrazione controllata. Ne è uscita. Poi, originariamente Mandrake era un'azienda sana. I suoi problemi iniziarono quando furono fatti investimenti consistenti alla leggera senza alcuna certezza di ritorno. Era il periodo della bolla della new economy.
    FDG
    10946
  • Effettivamente c'è da dire che se uno vuole utilizzare i prorpi files in giro un portable apps qualunque ed i files su una pennetta usb che ormai te le tirano dietro svolgono il loro lavoro senz'altro meglio! Dunque per me rimane sensato solo nel caso della condivisione di un lavoro, ma a quel punto se occorre tanto vale metterlo nel server aziendale con accesso via vpn...
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)