Gaia Bottà

Google testimone di omicidio

La macchina di Google Street View si aggirava per le strade di Melbourne il giorno dell'assassinio di una donna: BigG è chiamata a collaborare con le forze dell'ordine australiane

Melbourne - Il cadavere di una donna impacchettato in buste di plastica è stato rinvenuto nel giardino di una casa vuota di Springvale, sobborghi di Melbourne. Nessun indizio, nessun testimone. Se non, forse, le immagini scattate da Google, raccolte per la mappatura delle strade australiane per arricchire il servizio Street View.

La macchina di Google avvistata in AustraliaIl livello di dettaglio della fotografie a 360 gradi di Google Street View era stato considerato un entusiasmante passatempo e una minaccia alla privacy, tanto che da più fronti è stata richiesto l'oscuramento delle targhe delle automobili e dei volti immortalati. Non era mai successo che venisse inquadrato come potenziale testimone chiave in un caso di omicidio.

"Google Earth si aggirava con un van in quest'area durante la scorsa settimana" - ha spiegato il detective della squadra omicidi locale Jeff Maher. BigG, proprio nei giorni in cui potrebbe essere avvenuto l'omicidio, aveva sguinzagliato le proprie Gmobile attrezzate del necessario per immortalare ad altezza d'uomo vicoli e panorami della terra dei canguri da aggiungere alle città esplorabili con il servizio Street View.
Springvale, qui è stato rinvenuto il cadavere"Google ha scattato delle foto durante la scorsa settimana - ha annunciato il detective a The Daily Telegraph - è una nuova tecnologia e forse potremmo trarne qualche cosa." Il pattugliamento fotografico delle strade operato da Google potrebbe infatti rivelarsi determinante: le cam di BigG potrebbero aver catturato l'immagine del colpevole, riconoscibile dal fardello nel quale era avvolto il cadavere.

Le immagini scattate da Google potrebbero essere utilizzate come quelle raccolte dalle telecamere a circuito chiuso: se la pista degli investigatori dovesse dare dei frutti Street View potrebbe essere chiamata a testimoniare in tribunale. Ma non è il primo caso in cui BigG si è dimostrato un valido collaboratore della giustizia: le fotografie satellitari di Google Earth erano state impugnate nell'ambito di un processo per omicidio a carico di un marine e nel corso delle indagini per ricostruire la dinamica dell'assassinio di una giovane turista morta in Thailandia.

Gaia Bottà
4 Commenti alla Notizia Google testimone di omicidio
Ordina
  • che che vi frega! è figo da vedere! anche se c'è la tua faccia nn è ke a qualcuno frega nulla.. come se c'è la tua targa.... è com se esco di strada e mi passi accanto o vedo la tua macchina...
    non+autenticato
  • Ecco la scusa!
    Ora possono registrarci giorno e notte. Ma una volta ogni 10 anni in Australia sarà utile per risolvere un omicidio...
    Quindi la perdita della nostra libertà è perfettamente giustificabile.
    Perplesso
    non+autenticato
  • - Scritto da: Homer S.
    > Ecco la scusa!
    > Ora possono registrarci giorno e notte. Ma una
    > volta ogni 10 anni in Australia sarà utile per
    > risolvere un
    > omicidio...
    > Quindi la perdita della nostra libertà è
    > perfettamente
    > giustificabile.
    > Perplesso

    assolutamente vero, poi hanno chiesto il permesso all'assassino per essere ripreso, gli hanno fatto firmare la liberatoria?
    La vittima ha fatto altrettanto.
    Denunciamo subito google, ha violato i diritti di riservatezza dei lavoratori.
  • - Scritto da: pippo75
    > - Scritto da: Homer S.
    > > Ecco la scusa!
    > > Ora possono registrarci giorno e notte. Ma una
    > > volta ogni 10 anni in Australia sarà utile per
    > > risolvere un
    > > omicidio...
    > > Quindi la perdita della nostra libertà è
    > > perfettamente
    > > giustificabile.
    > > Perplesso
    >
    > assolutamente vero, poi hanno chiesto il permesso
    > all'assassino per essere ripreso, gli hanno fatto
    > firmare la
    > liberatoria?
    > La vittima ha fatto altrettanto.
    > Denunciamo subito google, ha violato i diritti di
    > riservatezza dei
    > lavoratori.

    Sono perfettamente d'accordo!!!
    Meglio un assassino libero che un innocente in galera!!
    non+autenticato