Come gestire fiscalmente un computer

Continua il cammino di Punto Informatico e dello Studio Lopes alla scoperta degli adempimenti fiscali di un'iniziativa multimediale

Pochi giorni or sono, sulle pagine di questo giornale è apparsa una notizia nella quale si afferma che mediamente un personal computer dopo tre anni ha raggiunto il limite ultimo di utilizzo; personalmente credo che arrivare ai due anni sia già fin troppo e, penso anche che chiunque utilizzi professionalmente un pc non abbia un idea diversa dalla mia.

Quello stesso articolo continuava dicendo che la presunta vita futura di un personal computer sarà sempre più bassa, ora chiunque abbia un?attività in proprio, e non solo, si sarà trovato senz?altro almeno un volta di fronte al problema di avere un personal computer obsoleto comprato magari non più di un paio di anni prima, accantonato in qualche sgabuzzino o cantina.

Quando questo computer è stato acquistato per lo svolgimento di una qualche attività all?interno di una qualsiasi azienda sarà stato ovviamente fatturato, cioè sarà entrato a far parte delle immobilizzazioni aziendali, sarà stato registrato sul registro dei beni ammortizzabili e, quindi, una parte del costo originale sarà stato ?aggiunto? ai costi aziendali sotto forma di ammortamento.
TAG: