Se la banda larga illumina la periferia

Dove non arrivano le infrastrutture e gli operatori principali si muovono player pių agili: la storia di Alternatyva, un WISP che porta l'accesso veloce ai residenti romani di Nuova Tor Vergata, Tor Pagnotta, Bufalotta. Ecco come

Se la banda larga illumina la periferiaRoma - Quanti sono i quartieri delle grandi città italiane che non sono coperti da ADSL? Centraline vecchie, infrastrutture fatiscenti, diffusione del computer a macchia di leopardo, mancanza di fantasia: sono molte le ragioni che tengono lontani gli operatori, soprattutto i maggiori, da certe aree. Ed è lì che possono fare la differenza gli operatori alternativi. Uno di questi, dal nome emblematico di Alternatyva, attivo ormai da diverso tempo, ha voluto mettersi in contatto con Punto Informatico per raccontare la propria esperienza nelle periferie romane. L'invito a fare lo stesso è naturalmente esteso a tutti gli operatori che operano in queste aree di confine, assediate dal divario digitale.

il quartiere di Nuova Torvergata"Alternatyva - spiegano i responsabili a PI - intraprende degli studi, esegue degli accurati test sul campo e verifica le potenzialità del wireless nell'area interessata dal digital divide". In particolare, l'operatore si costituisce come WISP (Wi-Fi Internet Service Provider) e attiva connessioni wireless. Il problema, com'è facilmente comprensibile per una piccola azienda, è la scarsa visibilità di iniziative di questo tipo. Eppure il meccanismo si mette in moto.

"In poco tempo - continua il provider - grazie ad una struttura snella, e grazie al passaparola dei primi utilizzatori, è possibile espandere di molto i servizi". Nell'intero quartiere di Nuova Tor Vergata, ad esempio, in meno di un anno si è attivata una infrastruttura WDSL.
E non parliamo "solo" della connessione WiFi sui 2,4 GHz ma anche della tecnologia Hiperlan a 5 GHz, "sicuramente più adatta - spiega Alternatyva - alle "abitazioni in condomini di dimensioni medio grande". Allo stesso tempo l'adozione di Hiperlan significa una riduzione dei costi dell'infrastruttura, ottenuta mediante la condivisione dell'antenna di ricezione, divenuta condominiale.
Nei grandi palazzi che spesso disegnano le periferie metropolitane, Hiperlan può fare la differenza. "In più col doppio sistema 2,4 e 5 GHz - specifica il provider - gli utenti navigano da casa e all'aperto con lo stesso tipo di VPN".

Nel quartiere collocato tra le consolari Casilina e Tuscolana e adiacente al Grande Raccordo Anulare, dunque, è disponibile banda larga a prezzi concorrenziali. Parliamo di abbonamenti da 15 euro al mese con connessioni da 4 megabit al secondo ("di picco", specifica l'azienda). Si tratta di flat pensate per l'utenza residenziale ma, ci tiene a sottolineare Alternatyva, "esistono offerte ad hoc per le imprese e le aziende più grandi": in quel caso si parla esplicitamente di banda minima garantita. Lo startup può portar via qualche danaro: se non c'è un'antenna condominiale, il singolo utente deve installare un pannello di ricezione sul balcone o sul tetto e collegare il computer via ethernet: il pannello costa 156 euro (IVA inclusa), somma che può evidentemente essere abbattuta se vi si collega più di un condomino. A questo va aggiunto il costo del tecnico per l'installazione e quello supplementare per un pannello potenziato in caso di difficoltà di ricezione del segnale.

Com'è naturale, una volta coperto il quartiere, il provider è andato ampliando la propria offerta: "Nel tempo abbiamo potenziato la rete di hot spot: a quelli iniziali di Nuova Tor Vergata si sono aggiunti Tor Pagnotta, Vermicino, Bufalotta, Talenti, Guidonia, Montecelio, Tivoli, così da avere un raggio di copertura che comprende il quadrante Ovest Sud e Est di Roma".

La storia recente dell'operatore col pallino del wireless lo vede impegnarsi sempre di più nei paesini dell'entroterra romano e laziale. "I piccoli comuni - spiega Alternatyva - sono particolarmente sensibili al digital divide: spesso non costituiscono un buon mercato per gli operatori nazionali di telefonia. Richiedono investimenti troppo alti nelle centrali a fronte di pochi nuclei familiari presenti". Fattori che si mescolano ad una orografia spesso complessa, un territorio apparentemente ostile alla connettività tradizionale.
"Alternatyva - dichiara il provider a Punto Informatico - nell'ultimo anno è risultata vincitrice di diversi bandi indetti dalle Comunità montane del Lazio per sanare questo deficit tecnologico".

un territorio difficileTra i risultati, l'attivazione della rete sui Monti Lepini e sui Monti Ernici (qui nella foto da MontiErnici.it), portando la banda larga in comuni dove vivono poche centinaia di abitanti. E non finisce qui, evidentemente. "Il favore riscontrato in queste piccole località di provincia - racconta Alternatyva - ha spinto le amministrazioni a sfruttare l'occasione, a diventare esse stesse utilizzatrici della Banda Larga sia per la connessione ad Internet che per progetti importanti quali la video sorveglianza, il controllo remoto degli accessi a zone a traffico limitato e l'istituzione di servizi di pubblica utilità legati al turismo, risorsa importante di questi luoghi".
60 Commenti alla Notizia Se la banda larga illumina la periferia
Ordina
  • vorrei sapere se il servizio è possibile anche a pisa in toscana graxie
  • Ragazzi sono oramai 3 gg che navigo con questo provider.
    Che dire?
    Sono semplicemente entusiasta.
    Sia i download che gli upload sono a cannone pensate che sono passato dai 56 kb a 3000 4000 Kb da speedtest:
    http://www.speedtest.net/result/214176461.png


    Grande ragazziiiii continuate cosi.

    Grazie per il regalo di natale alternatYva.
  • Sono piuttosto ignorante nel campo della trasmissione via etere quindi mi scuso con voi anticipatamente per le domande:

    - come siamo messi in termini di sicurezza dei dati?
    - è vero che chiunque, con buoni programmi e poca morale, può succhiarti la banda larga WiFi anche sostando tranquillamente in auto davanti a casa tua?
    - è vero che possono addirittura navigare (con la possibilità di entrare in siti fuorilegge) utilizzando a distanza il tuo pc (o comunque apparendo in rete come se fossi tu ad esserti collegato)?

    Personalmenete ho letto il contratto della società che fornisce il servizio dalle mie parti e mi ha inquietato. Dal punto di vista legale, per quanto riguarda la trasmissione dei dati, non si assumono alcuna responsabilità .
    Immagino che sia la stessa cosa per una normale linea ADSL, ma trovo sensibilmente differente la possibilità che un hacker si introduca nel mio pc per guardare il mio album di famiglia, piuttosto che per usare la connessione in internet a mio discapito.
    non+autenticato
  • nel caso degli WISP (Wireless Internet Service Provider) il collegamento via radio avviene tra il loro apparato e quello che hai in casa ed il tuo pc è connesso via cavo di rete all'antenna che hai sul tetto. Ciò significa che nessuno può collegarsi tramite il tuo computer.
    Le cose cambiano se installi un access point in casa che se non è ben protetto potrebbe offrire il fianco agli attacchi di cui parli.

    saluti
    non+autenticato
  • Sono circa due anni che lotto per avere, nella mia frazione in provincia di modena, un'adsl almeno decente con alice di telecom.
    Fino a qualche mese fa raggiungevo circa gli 1,4 Mbit nonostante continuassi a pagare per la 4 mega.
    Adesso che è stato effettuato il passaggio automatico alla 7 mega il disastro, non ho cali di linea ma non passa i 600 Kbit/s in download e i 400 in upload...ho fatto migliaia di telefonate al centro assistenza e, a parte qualke piccolo rimborso non ho risolto niente.
    Il servizio è veramente scandaloso, oltre che le centraliniste non sanno assolutamente niente in ambito tecnico e se gli si chiede di parlare con qualcuno di piu esperto o si offendono o dicono che non hanno interni da passarmi.
    Sto aspettando con ansia una soluzione wireless di fastweb (essendo il mio problema i cavi da casa mi alla centrale, cambiare provider non avrebbe senso e i problemi sarebbero gli stessi).
    Qualcuno di voi ha avuto gli stessi problemi?avete risolto in qualke maniera??
    non+autenticato
  • Quando hai l'adsl che ti si allinea sensibilmente al di sotto di quanto descritto contrattualmente, ti effettuano il downgrade di linea/contratto
  • Non solo a Roma ma anche nel Salento, in provincia di Lecce, c'è una simile società che fornisce connettività con prezzi veramente concorrenziali. Per i curiosi http://www.wicity.it
    Salute a tutti
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 13 discussioni)