Fabio P.: l'ADSL wireless è attiva

Dopo l'interessamento di CLIC.it e di MICSO, l'utente disabile tagliato fuori dal digital divide è finalmente in rete con una connessione broad band di tutto rispetto. E gli altri come lui?

Roma - Qualcuno ricorderà la notevolissima vicenda della divisione digitale che ha colpito per lungo tempo Fabio P. di Cappelle sul Tavo, una vicenda a cui dopo la pubblicazione su Punto Informatico si sono interessati più di un operatore e gestore di rete, che hanno proposto soluzioni alternative per il giovane utente svantaggiato da una importante disabilità fisica. Pochi giorni fa, comunica MICSO, la connessione broad band è stata finalmente attivata.

Sul suo blog Emiliano Bruni, operatore dell'azienda, racconta nei dettagli le giornate dei lavori per portare la connessione nel paesino del pescarese.

"È con grande piacere e con sommo orgoglio - scrive Bruni - che annuncio al mondo che Fabio è attualmente connesso ad INTERNET tramite la WADSL Micso 1280/1280. Possiamo quindi con gioia rallegrarci del fatto che un altro utente (e che utente questa volta!!!) è uscito dall'affosso del digital divide".
L'ottimo esito della vicenda di Fabio P., partita con un appello inviato dallo stesso Fabio e dalla sua associazione a numerosi operatori e ai referenti istituzionali, non risolve evidentemente la più ampia questione della disponibilità di tecnologie assistive e connettività per gli utenti svantaggiati, in particolar modo per coloro che soltanto attraverso l'uso di questi strumenti possono davvero intessere e coltivare relazioni sociali ed interessi personali.

Come noto, l'appello di Fabio ha suscitato la reazione di alcuni operatori ma dalla stanza dei bottoni, laddove si decidono le politiche e gli investimenti in tema di TLC, non sono giunte reazioni di alcun genere. Reazioni evidentemente attese non solo da Fabio e dalla sua associazione, ma anche da chi si trova in certe condizioni e dalle loro famiglie.
36 Commenti alla Notizia Fabio P.: l'ADSL wireless è attiva
Ordina
  • Monopolista, la Telecom non intende fare investimenti, ed il problema è che nessuno intende fare niente non solo per i diversmente abili, quindi l'ardua sentenza ai posteri...sono trascorsi molti anni e sembra che il digital divide in questo paese sia solo una questione economica in barba ai contribuenti che per anni hanno foraggiato telecom...
    non+autenticato
  • Abito in un paese del trentino non raggiunto dall'adsl.. in questi mesi c'è un iniziativa della provincia di trento contro il digital divide tramite internet senza fili.. ma il costo di tale apparecchiatura è di attivazione + 500 euro di antenna ed apparecchiatura + 25/euro mese..
    banda 1 Mb.

    è un indecenza..

    non dico altro..
    non+autenticato
  • Non capisco perchè si debba ricorrere a forme alternitive al cavo: telecom italia si fa pagare ormai da tutti un canone dati anche da chi non usa il telefono; di fatto un monopolio e, in regime di monopolio, il monopolista DEVE garantire a tutti il servizio qualunque esso sia (almeno nei paesi civili...)
    Perchè chi dispone di telefono + adsl paga un canone uguale a chi dispone solo di telefono e non puo' attivare l'adsl? Sarebbe ora che si cominciasse a pensare a una bella class action.
    non+autenticato
  • "È con grande piacere e con sommo orgoglio - scrive Bruni - che annuncio al mondo ..."

    Un minimo di ritegno dai !
    non+autenticato
  • Con sta sparara (dell'annuncio) Bruni s'è messo la coscienza a posto per i prossimi 10.000 anni
    non+autenticato
  • Sono un utente Micso Wadsl 1280/1280 e spero che a Fabio vada meglio di quanto vada a noi in zona civitella del tronto (TE). Infatti il servizio viaggia al di sotto del minimo garantito quasi al 90% dei casi, con un router/antenna (osbridge, dal port forwarding penoso) che non è in grado si gestire un utente che usa la rete non solo per navigare, è quindi quasi impossibile giocare online, usare bene un servizio messenger (msn, yahoo, icq etc...), la connessione si interrompe in media una volta ogni ora e la risposta dei tecnici è stata "non so che dirti". Spero vivamente che le cose migliorino e soprattutto che a Fabio vada a meraviglia.

    Per molti non coperti dal servizio, un anno fa io ed un amico facemmo riempire un modulo di preadesione su sito di Micso, e raggiunti un certo numero (non so quale, credo una 30ina) ci attivarono il servizio, ma non saprei dirvi se ora il numero è aumentato o meno.
    non+autenticato
  • discorso simile nelle Marche con la Sic1, anche se ho notato che ci sono dei ping niente male dai test (65ms non è neanche il record).
    e poi... meglio di nulla!
    non+autenticato
  • il tutto vanificato dalla perdita costante di pacchetti in invio e ricezione, intorno al 50% dei dati inviati e ricevuti sono persiOcchiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Karogna
    > discorso simile nelle Marche con la Sic1, anche
    > se ho notato che ci sono dei ping niente male dai
    > test (65ms non è neanche il
    > record).
    > e poi... meglio di nulla!

    65ms sono l'equivalente di una alice business eth, direi che è un risultato ottimo.Occhiolino
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)