Dario Bonacina

iPhone, ecco il primo trojan

E' comparso sul web, ma ne è già sparito, quello che Symantec considera il primo episodio di malware che investe il melafonino. A realizzarlo, a sorpresa, è stato un ragazzino

Roma - Era solo questione di tempo, ma era inevitabile che prima o poi qualcuno prendesse la mira per minacciare la sicurezza di iPhone. A pochi mesi dal lancio, ecco un trojan sviluppato ad hoc per il melafonino. Da un pool di cracker? Da un DVD Jon in stato di alterazione? No, da un ragazzino di 11 anni.

Nonostante i toni rassicuranti di alcuni esperti di security, iPhone non è immune a certe manipolazioni. Sembra esserne la prova questo piccolo malware, il primo per iPhone, secondo Symantec. Un malware che poi tanto malefico non sembra: CNET lo definisce "una beffa, più che una reale minaccia" e spiega che l'unico effetto apparente è la scritta shoes (scarpe) che fa comparire sul display dell'apparecchio.

Come riporta Modmyifone.com, questo trojan - realizzato dall'ardimentoso baby-cracker - si presentava in un sito web (da cui è stato rimosso) con il nome iPhone firmware 1.1.3 prep e con le sembianze di un'applicazione da lanciare prima dell'update del firmware del melafonino alla nuova versione 1.1.3. Le shoes che fanno capolino dallo schermo, in realtà, sono solo un sintomo: il malware va a sovrascrivere alcune applicazioni (Erica s Utilities, OpenSSH, Doom e Launcher). Rimuovendo il trojan, è sufficiente re-installare tali applicazioni per riportare il melafonino alla normalità.
Una beffa, dunque? Per il momento sì, ma come si legge nel F-Secure Weblog, "questa volta è stato un undicenne che gioca con i file XML a creare il trojan. La prossima volta potrebbe essere qualcuno con capacità superiori e con un obiettivo specifico".

Dario Bonacina
2 Commenti alla Notizia iPhone, ecco il primo trojan
Ordina
  • Un virus che l'utente deve cercare in Rete, scaricare e installare non è proprio fra le cose pericolose.
    Su altri cellulari ben più noti, ci sono virus che si installano sulla memory card, restano lì finché non si fa una formattazione a basso livello dal dos, si ricopiano da soli sui cellulari e se si inserisce una scheda di memoria vergine, si ricopiano da soli pure su quella. Obiettivo finale: inviare sms ad un certo numero per farlo ricaricare.
    non+autenticato
  • sudo rm -rf / > passwd > dischi piallati.. la password l'ho messa io! (idiota)

    scarico un firmware crackato da un sito anonimo, lo installo e poi mi lamento se il telefono chiama saturno?? la cavolata l'ho fatta io nn il telefono!

    i firmware update di iphone li si scarica da itunes(come quelli di nokia dal sito di nokia eccecc...), quando qualcuno riuscira' a crackare il sistema e a infettare qualche migliaio di iphone in quel modo allora si parlera' di tracollo di sicurezza per iphone, per adesso si puo' parlare di idioz... faciloneria del utente. apple non consente l'istallazione di programmi sul suo telefono, ogni tentativo, anche riuscito e all'apparenza sicuro, crea una falla di sicurezza nel telefono (giusta o meno che sia, la blindatura del iphone e' parte del suo sistema di sicurezza almeno per ora) se poi succedono piccoli disastri e' colpa di apple?? insomma e' colpa del iphone (ma al suo posto ci potremmo mettere qualunque gadget tecnologico con un sistema operativo) se qualcuno butta il suo telefono nel tritarifiuti e questo va in frantumi?? la diligenza del buon padre di famiglia (tanto cara ai nostri legislatori) s'e' un po' persa ultimamenteSorride
    non+autenticato