Gizmodo scomunicato dal CES

L'organizzazione non ha gradito una boutade dei collaboratori del celebre gadget site

Roma - Si è conclusa la fiera dell'elettronica di Las Vegas, si è chiusa con una nota dal sapore acido: gli organizzatori del CES, quelli della Consumer Electronics Association, hanno deciso di mettere al bando un collaboratore di Gizmodo, uno dei più celebri blog statunitensi dedicati ai gadget.

Il motivo? A leggere Webware, l'Associazione ha affermato che dipendenti Gizmodo hanno "agito inappropriatamente" al CES, in particolare uno di loro, che ha "interferito con le operazioni degli stand di numerose aziende, causando danni ad almeno un evento dedicato alla stampa. Il collaboratore di Gizmodo ha violato i termini delle credenziali giornalistiche e causato problemi. È stato identificato e non gli sarà consentito di partecipare a futuri eventi CES. Ulteriori azioni contro Gizmodo e Gawker Media (che possiede il sito, ndr.) sono possibili".

A quanto pare il collaboratore Gizmodo si sarebbe divertito a spegnere televisori a destra e a manca, in uno "scherzo" raccontato qui proprio da Gizmodo con tanto di video. In quella sede il sito accenna, peraltro, a delle scuse per le imprese dei suoi collaboratori. Il principale "indiziato", Brian Lam, intanto, si difende su ValleyWag.
TAG: gizmodo, ces
8 Commenti alla Notizia Gizmodo scomunicato dal CES
Ordina