I ThinkPad di Lenovo ora con SUSE Linux

Il produttore sta per lanciare la sua famiglia di ThinkPad con Linux pre-installato. I primi modelli, attesi in questi giorni, si rivolgeranno soprattutto ai professionisti

Pechino - Seguendo l'esempio di Dell, questa settimana Lenovo introdurrà nella sua celebre linea di portatili ThinkPad alcuni modelli con Linux pre-installato. A differenza della propria rivale americana, che ha scelto come distribuzione Ubuntu, Lenovo ha rinnovato la propria fiducia in SUSE Linux Enterprise Desktop (SLED) 10 di Novell.

Nel 2006 Lenovo aveva saggiato il terreno introducendo una versione Linux-based nella propria workstation mobile ThinkPad T60p, ma è solo lo scorso agosto che l'azienda ha annunciato l'intenzione di ampliare la propria gamma di portatili con Linux: una promessa che il produttore cinese sembra ora pronto a mantenere.

DeskTopLinux.com riporta che i primi modelli consumer di ThinkPad con SLED 10 pre-installata saranno il T61 e l'R61, entrambi basati sui processori Core 2 Duo di Intel e dotati - nella versione con Linux - di uno schermo da 14 pollici WXGA. Il sito afferma che il prezzo base di entrambi i sistemi sarà di 949 dollari, che nel caso del T61 è di circa 20 dollari inferiore a quello del modello con Windows Vista Home Premium.
Da sottolineare come il servizio di supporto relativo al sistema operativo verrà fornito direttamente da Lenovo, mentre gli aggiornamenti al software - specifici per i ThinkPad - saranno distribuiti da Novell.

Il prossimo mese Lenovo conta di estendere la propria famiglia di notebook Linux-based con nuovi modelli di ThinkPad basati sui giovani processori Penryn di Intel.

"Non è mai semplice acquistare un PC con Linux, installarlo all'interno di un ambiente di lavoro preesistente e fare in modo che funzioni armoniosamente con gli altri componenti", ha spiegato Michael Applebaum, dirigente del Desktop Linux Marketing di Novell.
195 Commenti alla Notizia I ThinkPad di Lenovo ora con SUSE Linux
Ordina
  • ma saranno venduti anche in Italia ?
    non+autenticato
  • fonti attendibili dicono che e' pronto Amiga OS5 per IBM/Lenovo Thinkpad.
    non+autenticato
  • I miei contatti certi invece dicono che sarà pronto il nuovo ZX Spectrum con processore dual duo da 45nm entro la fine di febbraio
    non+autenticato
  • MI TI CO. Supporterà i Microdrive da 2 TB con interfaccia ZX Advanced? No, perchè aspetto con impazienza 3D Ant Attack Ultimate.
    non+autenticato
  • magari fosse vero...
    non+autenticato
  • Finalmente Apple avrà tutto il tempo per recuperare il terreno perduto siccome il nuovo winschifo non uscirà prima del 2010.
    Anche Linux farà la sua parte.

    Non ci sono speranze che winschifo torni ad essere protagonista, il passato è passato.
    non+autenticato
  • Il mio Troll radar mi segnala una trollata di dimensioni considerevoli....

    Si parla di Pc, Linux e Windows....Che c'entra il Mac?
    Ah scusa, è sempre il miglior agromento per trollare un po' su PI.

    Buona fortuna
    non+autenticato
  • questa è la realtà dei fatti, ora che sia Suse, che costi 20$ in meno è un altra storia, resta il fatto che anche lenovo si è avvicinata a linux come promesso precedentemente (vedi vecchie news).

    poi ricordo che 20$ per pc quando i pc sono molti la differenza c'è, non ragioniamo sempre da singoli utenti.

    quale altro produttore deve ancora fare il passo?
    Hp la vedo un po indietreggiante...
    Asus lo ha fatto con l'eeePc
    Everex ha adottato gOS

    per non parlare del settore UMPC
    http://punto-informatico.it/p.aspx?i=2156724

    O di quello dei cellulari con
    motomagx di motorola
    android di google
    open moko...

    non sarà l'anno di linux ma questo anno si avvicina sempre di piu...
    non+autenticato
  • >
    > quale altro produttore deve ancora fare il passo?
    > Hp la vedo un po indietreggiante...
    > Asus lo ha fatto con l'eeePc
    > Everex ha adottato gOS
    >

    A conferma di quanto detto sopra Everex ha installato linux SOLO sul modello di pc in assoluto a prezzo più basso. Quando il prezzo sale tutti i produttori hardware privilegiano Windows. Che diavolo dovrebbe farsene un utente medio di un pc con un processore dual-core e 2 giga di ram? Semplice,farci girare Windows Vista per il quale serve un pc Vista-ready,costerà un pò di più ma vuole mettere Signora? Lei ha il nuovissimo Vista ed in questo modo suo nipotino sarà più contento!
  • - Scritto da: fabioamd87

    > non sarà l'anno di linux ma questo anno si
    > avvicina sempre di
    > piu...


    ripeto.. questo e' l'anno del topo
    non+autenticato
  • mi sto sbellicando dalle risa, bella battuta
    non+autenticato
  • - Scritto da: calndario_c inese
    > ripeto.. questo e' l'anno del topo

    e del touch pad?
    non+autenticato
  • Ho la sensazione che si sia un pò inceppato il meccanismo harware nuovo/software nuovo:moltissime persone non sono più disposte a spendere un migliaio di euro per avere un nuovo scintillante PC col quale faranno esattamente ciò che facevano con il vecchio; credo sia questo il VERO motivo per il quale ha suscitato tanto interesse un prodotto come l'Asus EEE Pc ossia la possibilità di acquistare un PC nuovo ad un prezzo molto inferiore al passato. Non è un fatto casuale che l'Asus EE Pc sia fornito con Linux preinstallato:in un contesto del genere il margine di guadagno del produttore si riduce drasticamente al punto da lasciare poco spazio per i costi delle licenze del produttore di software. Ma quando vai su prodotti da 1000-2000 euro i costi delle licenze sono insignificanti ed incidono pochissimo sul prezzo finale.
    In quest'ultimo caso è chiaro che i produttori di hardware faranno di tutto per rinchiudere Linux in una nicchia riservata a "4 gatti",hanno tutto l'interesse a farlo se vogliono continuare a vendere. Gli interessi dei produttori di harware e dei produttori di software coincidono nel rendere il ciclo di vita dei PC il più breve possibile,linux non incontra queste logiche e per questo la sua diffusione rimane limitata. E considerate anche che la maggior parte delle persone utilizza e considera il PC come un elettrodomestico: schiaccia dei tasti per fare delle cose e se ne fotte bellamente di sapere come funziona.Per queste persone (la grandissima maggioranza!) il problema di quale SO scegliere non si pone poichè è il produttore di hardware che lo sceglie per loro.
  • - Scritto da: emmecci4867
    > Non è un fatto
    > casuale che l'Asus EE Pc sia fornito con Linux
    > preinstallato:in un contesto del genere il
    > margine di guadagno del produttore si riduce
    > drasticamente al punto da lasciare poco spazio
    > per i costi delle licenze del produttore di
    > software.

    Ed è per questo che entro breve si moltiplicheranno apparecchi come palmari e smartphone equipaggiati con software libero. Le royalties dei produttori di software sono l'ostacolo più alto per abbassare i prezzi.

    > la maggior parte delle
    > persone utilizza e considera il PC come un
    > elettrodomestico: schiaccia dei tasti per fare
    > delle cose e se ne fotte bellamente di sapere
    > come funziona.Per queste persone (la grandissima
    > maggioranza!) il problema di quale SO scegliere
    > non si pone poichè è il produttore di hardware
    > che lo sceglie per loro.

    Ma per lo stesso motivo aumenta la richiesta di PC a basso costo. Se i produttori vogliono continuare a vendere, non possono perdere il 'treno' dei PC low cost. Questo vuol dire concorrenza sulla qualità al prezzo minore. Di conseguenza lo spazio per il free software s'allarga a dismisura.
    Wall Mart, negli USA, ha dimostrato quanto sia vincente questa mossa. Asus ha 'inventato' l'EEEPC, ed altri produttori stanno per replicare con prodotti dello stesso tipo. In tutti i casi, senza eccezione, il SO scelto è GNU/Linux.
    non+autenticato
  • Beh se non altro M$ non ha scuse, prima aveva la gran faccia tosta di dire che chi compra un PC con Linux al market lo fa solo per risparmiare e andarci a mettere sopra un Windows pirata.

    Oggi col WGA può tranquillamente proteggersi da questo comportamento se mai c'è stato realmente, e non andare a rompere le balle ai produttori che vogliono fornire l'alternativa.

    Mi piange il cuore quando penso a BeOS e OS/2, se ai tempi M$ non avesse ricattato e taglieggiato i produttori, oggi saremmo con ottime alternative e sistemi operativi molto più moderni e performanti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Lillo
    > Oggi col WGA può tranquillamente proteggersi da
    > questo comportamento se mai c'è stato realmente

    C'è stato, ma è stato tollerato per convenienza: più utenti, anche illeciti, rappresenta(va)no maggior controllo del mercato software.

    C'è da aggiungere che col SP1, il controllo WGA viene disattivato: sarà possibile usare Vista anche non registrato (compariranno soltanto fastidiosi avvisi, al ritmo di uno all'ora). Vien naturale pontificare sul perché...

    > Mi piange il cuore quando penso a BeOS e OS/2

    L'ho avuto, anche se per poco, un disco OS/2. Ai tempi di Win 3.11, un altro pianeta.
    non+autenticato
  • Infatti, e la riprova è il successo dei PC ultraeconomici di Everex.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 18 discussioni)