Zoppicano i siti delle Olimpiadi

Suscita attenzione il mancato passaggio di consegne web da Atene a Pechino

Roma - C'era una volta il sito di Atene 2004, l'ultimo sito ufficiale dei Giochi Olimpici, il sito che avrebbe dovuto passare il testimone a quello di Pechino 2008. Un sito che però nei fatti non c'è più: gli organizzatori dei Giochi avevano dimenticato di rinnovare il dominio e quindi, almeno per il momento, quello spazio web è sparito dalla rete.

Recuperato il dominio in zona cesarini, sul sito Athens2004.com in queste ore si sta cercando di porre rimedio: spariti tutti i dati contenuti dal sito olimpico, viene proposto un unico link che porta allo spazio ufficiale dei giochi di Pechino sul dominio beijing2008.cn/. Athens2004.com è gestito da Marianne Chappuis dell'International Olympic Committee, il che fa sperare che possa tornare a pubblicare col tempo il database, le immagini e le notizie che avevano caratterizzato il grande evento sportivo.

Quanto accaduto suscita polemiche in particolare in Grecia dove per un mancato rinnovo il sito che avrebbe dovuto essere dedicato al semestre di presidenza europeo, eu2003.gr/, rischia di sfuggire al Governo.
Secondo l'associazione degli utenti internet greci "in un momento in cui Google sta spendendo tantissimo per conservare qualsiasi tipo di informazione noi abbiamo permesso che il contenuto di questi siti andasse perduto. È una vergogna". Non è detta però l'ultima parola, c'è chi ancora spera in Chappuis.
2 Commenti alla Notizia Zoppicano i siti delle Olimpiadi
Ordina
  • Tutto sta a vedere se oltre a essersi dimenticati il dominio non si fossero anche dimenticati di pagare chi doveva manutenere i server e fare i backup dei dati. Sai, tenere accese queste macchine per anni dopo la conclusione dell'evento costa, e non è chiaro in che modo si ripaghi.
    Il libro o il dvd dei risultati alla fine è la cosa migliore: lo paga il cliente a cui interessa e lui se lo conserva. Per l'organizzatore non ci sono più spese.
    non+autenticato
  • Ma i backup sta gente non li fa? Lavoravo in un posto dove eravamo in tre a gestire il tutto, i "server" erano dei PC normali (non dei server con hd ridondanti etc) e non lavoravamo certo secondo standard di qualità stile NASA eppure anche in caso di "bomba atomica su Roma" (dove risiedeva il server principale) eravamo in grado di ripristinare tutto tranne gli ultimi 10 minuti (alla peggio) nel giro di un' ora!
    Boh a me sembra di sognare...
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 16 gennaio 2008 12.41
    -----------------------------------------------------------