Pedoweb, un arresto nel Lazio

E' in corso un'operazione contro la diffusione di pornografia infantile su Internet coordinata dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria

Roma - Una nuova azione giudiziaria contro la diffusione di immagini di pornografia infantile su Internet è in corso in queste ore e si snoda in varie regioni italiane. Fino a questo momento ha condotto, hanno spiegato gli uomini della Polizia Postale, all'arresto di un utente laziale e al sequestro di sei siti web.

L'operazione, coordinata dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria, ha portato all'esecuzione di 28 provvedimenti di perquisizione che hanno avuto luogo nel Lazio, appunto, ma anche nella stessa Calabria, in Veneto, Trentino Alto Adige, Lombardia, Liguria, Toscana, Emilia Romagna e Sardegna. Nell'abitazione dell'utente arrestato sono stati trovati materiali pedopornografici.

Da quanto emerge sono fino a questo momento 15 le persone indagate, 6 delle quali con precedenti di condanne per reati a sfondo sessuale.
L'operazione si inquadra in una più ampia azione internazionale che vede coinvolte anche le polizie di diversi altri paesi, come gli Stati Uniti, il Belgio, la Germania e il Portogallo.
8 Commenti alla Notizia Pedoweb, un arresto nel Lazio
Ordina
  • Personalmente ritengo vi sia poco da commentare.
    Come Cittadino Italiano credo che esista ancora la libertà di esprimere la propria opinione, se pure avvolte non condivisa.
    Ho sempre sperato di non perdere questo diritto, questo fino a pochi giorni fa, quando ho costatare che al Papa è stato negato il diritto alla parola, in un Paese con alle spalle una storia Democratica che nulla aveva da invidiare alle più grandi Democrazie…! VERGOGNA null’altro mi viene da dire.
    Sono contento di non avere studiato tanto, ma quegli Studenti e quei Professori che hanno condiviso tale sopruso, penso che lo studio gli sia servito a poco.

    A dimenticavo cosa ho da commentare su gli arresti avvenuti, complimenti Ragazzi,se pure avvolte siete delusi continuate così.
    Parlo delle Forze Dell’Ordine, a cui facendo gli auguri gli chiedo di sopportare,e continuare a proteggere il Cittadino onesto, applicando le Leggi fatte dal Parlamento, senza giudicarle o chiedersi se esse sono o no giuste, perchè questa è la Democrazia.
    Supplicandoli di non lasciarci soli, separati, come attualmente tanti di Noi ci sentiamo oggi.
    Vorrei ancora sperare che a difendere l’onesta avremmo sempre Loro.

    Prima o poi pure il Popolo smetta di dare un colore, all’onestà, alla dignità, al diritto alla parola; altrimenti è inutile ipocrita ricordarsi dei Caduti per la liberta, o di quelli che pure in libertà per proteggere Noi, donano la vita pure oggi per difendere il diritto lasciando, gioventù, I Loro Cari, senza chiedersi il perché.

    Truzzi Claudio
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 17 gennaio 2008 15.06
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: claudio45
    > Personalmente ritengo vi sia poco da commentare.
    > Come Cittadino Italiano credo che esista ancora
    > la libertà di esprimere la propria opinione, se
    > pure avvolte non
    > condivisa.

    "A volte", prego. Scrivere ripetutamente "avvolte" e' un insulto alla lingua italiana.

    > A dimenticavo cosa ho da commentare su gli
    > arresti avvenuti, complimenti Ragazzi,se pure
    > avvolte siete delusi continuate
    > così.
    > Parlo delle Forze Dell’Ordine, a cui facendo gli
    > auguri gli chiedo di sopportare,e continuare a
    > proteggere il Cittadino onesto, applicando le
    > Leggi fatte dal Parlamento, senza giudicarle o
    > chiedersi se esse sono o no giuste, perchè questa
    > è la Democrazia

    Eh certo, la democrazia e' applicare le leggi senza chiedersi se siano giuste o meno... come no.
    non+autenticato
  • Si Lei ha ragione non avevo notato, spero di non averla offeso, non sono un genio in italiano, sa ha cominciato a lavorare che avevo appena 13 Anni quel po’ che ho imparato viene dalla strada e dalla vita.
    Non conosco la Sua età ma penso che faccia parte di quelle che la Democrazia la dividono a secondo delle propria ideologia, personalmente la lascio libero di pensare come meglio crede rispettando il suo parere sul mio tremendo errore, ma le consiglio per il futuro, di guardarsi attorno, vi sono cose molto peggiori di un insulto come il mio alla Lingua Italiana.
    In ogni caso grazie di avermi almeno degnato di una risposta.
    Dimenticavo non ho guardato i punti e le virgole le metta lei al punto giusto.
  • Il Papa non andava là a "parlare". Non era un dibattito con un contraddittorio o gente che poteva fare le domande. Andava a fare un discorso inaugurale e che quindi dovrebbe rappresentare il pensiero dell'Università. E ovviamente l'Università nella sua quasi interezza ha detto di no in quanto è una persona che nega i principi fondamentali della scienza e della cultura, sostenendo dei "dogmi" (è così. Abbiamo ragione noi punto e basta. Se non sei d'accordo sei un eretico)
    Dopo che era stata preparata una manifestazione di protesta, LUI SI E' RITIRATO.
    HA DECISO LUI DI SOTTRARSI AL CONFRONTO. E poi ha accusato gli altri di censura! Falsissimo.
    Ovviamente i media di regime hanno intervistato Ruini & Co. Nessuno che abbia chiesto agli studenti perchè protestavano. Guardatevi il servizio della BBC per una versione obiettiva della storia.
    Che schifo.
    Meno male me ne sono andato e non gli do più l'8 per mille o devo pagargli le tasse per la loro ICI.
    Perplesso
    non+autenticato
  • - Scritto da: Joliet Jake
    > Il Papa non andava là a "parlare". Non era un
    > dibattito con un contraddittorio o gente che
    > poteva fare le domande. Andava a fare un discorso
    > inaugurale e che quindi dovrebbe rappresentare il
    > pensiero dell'Università. E ovviamente
    > l'Università nella sua quasi interezza ha detto
    > di no in quanto è una persona che nega i principi
    > fondamentali della scienza e della cultura,
    > sostenendo dei "dogmi" (è così. Abbiamo ragione
    > noi punto e basta. Se non sei d'accordo sei un
    > eretico)
    > Dopo che era stata preparata una manifestazione
    > di protesta, LUI SI E'
    > RITIRATO.
    > HA DECISO LUI DI SOTTRARSI AL CONFRONTO. E poi ha
    > accusato gli altri di censura!
    > Falsissimo.
    > Ovviamente i media di regime hanno intervistato
    > Ruini & Co. Nessuno che abbia chiesto agli
    > studenti perchè protestavano. Guardatevi il
    > servizio della BBC per una versione obiettiva
    > della
    > storia.
    > Che schifo.
    > Meno male me ne sono andato e non gli do più l'8
    > per mille o devo pagargli le tasse per la loro
    > ICI.
    > Perplesso
    ---------------------------------------------------------------
    un lincketto?
  • Non credo di avere dato alcun giudizio, se non quello del diritto di ciascuno di Noi al sacrosanto diritto di parlare liberamente.
    Sono una persona semplice, oggi con grossi problemi.

    Per Anni ho cercato di comprendere cosa non andasse nel Nostro Paese, a modo mio e con molte difficoltà sono riuscito appena a farmi ascoltare, di li ho compreso una cosa, le mie lettere (con errori di Italiano inclusi) andavano ad arricchire della mia modesta cultura, i vari cestini del pattume dei Ministeri.
    Altri sono serviti a fare programmi, altri per propagande TV a sfondo Politico.

    Deluso del risultato ottenuto, mi sono dato alla Poesia, cercando di immaginare, il nostro futuro, tutte le mie previsioni si sono avverate, e per essere sincero molto in peggio in realtà.

    Perché questa mia introduzione, semplice penso che sia venuto il momento di fare qualcosa, di comprendere che ognuno di Noi abbiamo dei compiti precisi, ognuno con il proprio credo le proprie ideologie senza dubbio da (difendere) senza mai dimenticarsi ricordando che solo il voto che diamo forma la maggioranza, che la si condivida o no, la maggioranza determina le Leggi che vanno rispettate per volere del Popolo, che le si condividono, o no, ma io sono di un idea, mai e a nessuno togliere la parola, ( chi le parla è un divorziato e per la chiesa non ha diritto alla comunione) per un solo motivo amo la mia libertà di poter esprimere la mia idea.

    Non so chi ha scritto queste parole, ma le condivido pienamente.
    Non condivido la Tua idea, ma perché tu possa esprimerla, sono pronto a donare la mia vita.

    Ho una certa età, a conti fatti avrò ancora da vivere 8 anni spero serenamente, altri quattro o cinque come un vecchietto da circonvallazione, se mi va bene eviterò la carrozzina, e un letto da ospedale, il tutto come un numero da poca conto.
    Ma ho un sogno nel cuore, vedere nuovamente il Nostro Paese unito, di fatto, dal Nord al Sud, e lasciarlo come lo ricordo nella mia mente di adolescente sereno.

    Se in quello che ho scritto in precedenza vi era una sola parola a favore o a sfavore di una ideologia chiedo scusa, non era sicuramente nelle mie intenzioni.
    In ogni caso chissà che non vogliamo la stessa cosa, ma la cerchiamo in modi differenti.

    Claudio
  • 1) la genesi dei dogmi non sono esattamente così, bensì sono fondo di accurati e lunghi studi

    2) le università in Italia, così come la cultura, si è diffusa anticamente per mezzo della Chiesa romana, e anzi, la stessa Uni in questione era stata fondata da un papa, quindi l'intervento ci stava benissimo

    3) Ratinger è un uomo di cultura, di saggezza, che veniva a parlare come tale, sulla pena di morte poi, che è un tema che mi sembra doveroso trattare anche con qualcuno che rappresenti il lato spirituale della questione

    4) l'informazione è uno schifo, sulla Repubblica, oltre a millantare le parole del papa usando pezzi di discorsi precedenti a piaciemento, i media sono riusciti ovviamente a dare forza a quella minoranza di poveretti che prima si sono lamentati e poi sono riusciti anche a negare tutto (vedi porta a porta) per pararsi il culo, QUESTA E' UNA VERGOGNA
    per non parlare di tutti quei ragazzi pro-discorso che hanno manifestato e non sono neanche stati minimamente citati.

    non paghi più l'8x1000? ma chi se ne frega scusa?
    pensi che avere dei valori costi l'8x1000?
    non+autenticato
  • Ecco il discorso del papa:
    http://www.rainews24.rai.it/ran24/rainews24_2007/t...

    Punti salienti:
    scienza=tristezza
    positivismo=sbagliato
    ribadire ogni 2 minuti che l'università l'hanno fondata i papi e che all'inizio si insegnava teologia (poi se ne sono accorti e l'hanno tolta)
    san Tommaso citato ogni 20 righe (guardatevi cosa ha combinato costui)
    la ragione non è il criterio ultimo (ah no?) e senza fede non è nulla

    Insomma, un bel ritorno al medioevo. Tanto siamo nel 2008, millennio più o millennio meno chi vuoi che se ne accorga?
    non+autenticato