Alfonso Maruccia

Baia dei Pirati, una gaffe imbarazza la polizia

La Bay del P2P vittima di un clamoroso caso di errore cultural-giudiziario da parte delle forze dell'ordine: in mostra accanto ai criminali in una esposizione sul webcrime

Roma - La massiccia operazione legale intrapresa nei confronti dell'inaffondabile Baia del file sharing deve ancora approdare nei tribunali, ma il fuoco di fila da parte delle autorità svedesi è già cominciato. La polizia ha infatti incluso The Pirate Bay in una recente mostra riguardante le tante facce del cybercrimine, mettendo il celebre sito di torrent al fianco di conclamati pedofili e altri protagonisti di attività nefaste condotte online.

Una mossa imprudente, commentano da TorrentFreak, che fa il paio con quella altrettanto precipitosa del raid di quasi due anni fa, sponsorizzato dalle grandi organizzazioni dell'industria multimediale statunitense ma che portò a un nulla di fatto nei confronti dell'attività di condivisione condotta per mezzo dei server di TPB.

La stessa imprudenza ha condotto ora i cybercop svedesi a mettere in mostra la Baia, e il materiale sequestrato in occasione di quel raid, come vessillo di quella presunta pirateria telematica tanto in odio ai soliti noti: IFPI, RIAA, MPA e compagnia bella. Un errore sottolineato con forza da Peter "brokep" Sunde, il frontman di TPB che ribadisce sul proprio weblog come allo stato attuale delle cose la Baia non abbia fatto nulla di illegale, e che le accuse delle multinazionali dei media siano tutte da provare in tribunale.
"Non c'è nessun processo. Nessuna condanna. TPB non ha fatto nulla di male. E nonostante questo, la polizia crede sia lecito mostrare il sito accanto a pedofili conclamati e altri sgradevoli rifiuti della società. E senza nemmeno chiedere prima il permesso a nessuno di quelli coinvolti con il sito", scrive Sunde sul weblog. Brokep ha subito provveduto a contattare i curatori della mostra, che hanno ammesso lo sbaglio rimuovendo di conseguenza tutto il materiale inerente a The Pirate Bay dall'esposizione.

Si è trattato dunque di un incidente di percorso chiuso piuttosto in fretta, ma è l'ennesima dimostrazione del fatto che le acque si fanno sempre più agitate per la libera attività di sharing veicolata dal celebre portale BitTorrent. Come monito per i molti errori fin qui compiuti dalle autorità nei confronti di TPB, Sunde elenca le tante occasioni in cui "ci hanno provato" a mettere in croce il portale, fallendo miseramente - almeno finora - tra filtri antiabusi mal tarati e ministri della giustizia sospettati di inviare ordini illegali alla polizia.

Alfonso Maruccia
37 Commenti alla Notizia Baia dei Pirati, una gaffe imbarazza la polizia
Ordina
  • quanto stronzate leggo.
    la nuda e cruda verità e che scarichiamo materiale protetto da coyright ( e mi ci metto anchio)
    Stop.
  • - Scritto da: JackBahuer
    > quanto stronzate leggo.
    > la nuda e cruda verità e che scarichiamo
    > materiale protetto da coyright ( e mi ci metto
    > anchio)

    Mi aggiungo alla lista, senza nessuna vergogna.

    Tutto questo sta succedendo perche' si e' creata un'industria enorme dietro la vendita di beni impalpabili e duplicabili all'infinito, ma fatta secondo gli stessi principi che regolano l'industria dei beni solidi, dove se effettivamente vendi un oggetto, poi devi usare tempo e materiale per produrne un altro, se no non puoi rivenderlo.

    Questo ovviamente alla lunga non puo' funzionare perche' sara' anche legale vendere un brano musicale online allo stesso prezzo dello stesso brano su CD, cosi' come e' stato legale a suo tempo raddoppiare il prezzo dei CD rispetto al vinile nonostante i CD costino molto meno da produrre e trasportare (e questo molto prima che i CD recorder fossero disponibili al pubblico, quindi la storiella della pirateria non regge.), ma il fatto che una cosa sia legale non implica che sia anche giusta, soprattutto in un regime mondiale di politicanti che fanno le leggi ad uso e consumo dei grandi gruppi industriali e non della totalita' della popolazione come il termine democrazia, sulla bocca di fin troppa gente che non ha i punti per parlarne, dovrebbe far pensare.

    C'e' un cambio di paradigma in atto, una trasformazione sociale che si portera' dietro necessarimente anche quella economica, sebbene chi e' ancorato ai vecchi metodi di fare soldi, e se vogliamo alla necessita' stessa di fare soldi in ogni momento e modo possibile, cerchera' di fare di tutto per rallentarla con le armi in proprio possesso che sono appunto la manipolazione del potere legislativo.

    Senza contare che attualmente, per gentile non collaborazione di banche, Paypal e case disco-cinematografiche, ammesso che esista la possibilita' di comprare un brano o un album direttamente dal produttore , le commissioni delle banche e credo di Paypal (e' un po' che non li seguo, correggetemi se sbaglio) scoraggiano l'acquisto.

    In sostanza, molte cose dovranno cambiare anche in strutture come le banche. Per esempio, sarebbe stupendo se un network internazionale di banche, anche diverse fra loro, permettesse bonifici internazionali senza commissione per micropagamenti, diciamo sotto i 20€, con un limite ragionevole, per esempio al massimo uno alla settimana. Questo non intaccherebbe i ricavi sul grosso business, ma faciliterebbe mostruosamente cose come gli acquisti del singolo brano o per esempio le donazioni al software OSS.
    E' chiaro che in un regime di capitalismo marcio (marcio perche' marcio, non perche' capitalista) dove si deve monetizzare qualunque cosa, anche a scapito della qualita' del servizio (uno rinuncia ad usare uno strumento bancario perche' non conviene piu') questa e' ancora pura utopia, ma con le giuste pressioni qua e la' si potrebbe anche costringere il mondo finanziario/industriale ad evolversi di pari passo con i figli delle persone che lo nutrono.

    L'alternativa e' la pirateria ad oltranza, anche di cose estremamente economiche come il gioco da 10€ o il singolo brano, perche' oggi e' piu' veloce e pratico spostare il bene dei soldi che servono a pagarlo, ed uno dei motivi della pirateria e' anche quello.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Silvione
    > - Scritto da: JackBahuer
    > > quanto stronzate leggo.
    > > la nuda e cruda verità e che scarichiamo
    > > materiale protetto da coyright ( e mi ci metto
    > > anchio)
    >
    > Mi aggiungo alla lista, senza nessuna vergogna.
    >

    Non mi aggiungo alla lista, in generale non uso il p2p e' troppo lento ed insicuro per i miei gusti.

    > Tutto questo sta succedendo perche' si e' creata
    > un'industria enorme dietro la vendita di beni
    > impalpabili e duplicabili all'infinito, ma fatta
    > secondo gli stessi principi che regolano
    > l'industria dei beni solidi, dove se
    > effettivamente vendi un oggetto, poi devi usare
    > tempo e materiale per produrne un altro, se no
    > non puoi
    > rivenderlo.
    >
    > Questo ovviamente alla lunga non puo' funzionare
    > perche' sara' anche legale vendere un brano
    > musicale online allo stesso prezzo dello stesso
    > brano su CD, cosi' come e' stato legale a suo
    > tempo raddoppiare il prezzo dei CD rispetto al
    > vinile nonostante i CD costino molto meno da
    > produrre e trasportare (e questo molto prima che
    > i CD recorder fossero disponibili al pubblico,
    > quindi la storiella della pirateria non regge.),
    > ma il fatto che una cosa sia legale non implica
    > che sia anche giusta, soprattutto in un regime
    > mondiale di politicanti che fanno le leggi ad uso
    > e consumo dei grandi gruppi industriali e non
    > della totalita' della popolazione come il termine
    > democrazia, sulla bocca di fin troppa gente che
    > non ha i punti per parlarne, dovrebbe far
    > pensare.
    >
    > C'e' un cambio di paradigma in atto, una
    > trasformazione sociale che si portera' dietro
    > necessarimente anche quella economica, sebbene
    > chi e' ancorato ai vecchi metodi di fare soldi, e
    > se vogliamo alla necessita' stessa di fare soldi
    > in ogni momento e modo possibile, cerchera' di
    > fare di tutto per rallentarla con le armi in
    > proprio possesso che sono appunto la
    > manipolazione del potere
    > legislativo.
    >

    Non sono d'accordo, non c'e' alcun cambio di paradigma, poiche' la necessita' per cui viene usato il p2p e si "scarrrricccca" e' fondata principalmente su di una distorsione dei valori e sull'enorme illusione di onnipotenza digitale e non e' invece fondata su di un cambio culturale.

    Se fosse in atto un vero cambio di paradigma avremmo assisteremmo molto probabilmente a quanto e' gia' successo nel corso del 1968 in Europa e molto probabilmente, le nostre autovetture sarebbero tutte a fuel cell o almeno se ancora con inquinanti motori a combustione interna funzionanti con carburanti rinnovabili, leggi derivati dal mais, dalla colza, ecc...
    Ahhh lo stesso per le fonti d'energia, di giorno andremmo con il fotovoltaico, esisterebbe un'agenzia mondiale per l'energia ed una rete mondiale interconnessa di centrali a fotovoltaico, e pensa un po', poiche' c'e' sempre una faccia del pianeta rivolto verso il sole, le conseguenze sarebbero una brusca diminuzione dell'inquinamento e della dipendenza dei derivati del carbonio: petrolio e gas.

    E' chiaro che nessuno vuole ritrovarsi disoccupato perche' per diffondere la musica o per produrre energia con un minimo di utilizzo di tecnologie gia' presenti servirebbe una persona al posto di centinaia... ...Per cui nessun cambio di paradigma.

    > Senza contare che attualmente, per gentile non
    > collaborazione di banche, Paypal e case
    > disco-cinematografiche, ammesso che esista la
    > possibilita' di comprare un brano o un album
    > direttamente dal produttore , le commissioni
    > delle banche e credo di Paypal (e' un po' che non
    > li seguo, correggetemi se sbaglio) scoraggiano
    > l'acquisto.
    >
    > In sostanza, molte cose dovranno cambiare anche
    > in strutture come le banche. Per esempio, sarebbe
    > stupendo se un network internazionale di banche,
    > anche diverse fra loro, permettesse bonifici
    > internazionali senza commissione per
    > micropagamenti, diciamo sotto i 20€, con un
    > limite ragionevole, per esempio al massimo uno
    > alla settimana. Questo non intaccherebbe i ricavi
    > sul grosso business, ma faciliterebbe
    > mostruosamente cose come gli acquisti del singolo
    > brano o per esempio le donazioni al software
    > OSS.

    Tecnicamente e tecnologicamente e' gia' attualmente possibile avere bonifici internazionali ed immediati per qualsiasi cifra. Ma nuovamente se fosse cosi' hai presente quanti disoccupati in piu' ci sarebbero?

    > E' chiaro che in un regime di capitalismo marcio
    > (marcio perche' marcio, non perche' capitalista)
    > dove si deve monetizzare qualunque cosa, anche a
    > scapito della qualita' del servizio (uno rinuncia
    > ad usare uno strumento bancario perche' non
    > conviene piu') questa e' ancora pura utopia, ma
    > con le giuste pressioni qua e la' si potrebbe
    > anche costringere il mondo
    > finanziario/industriale ad evolversi di pari
    > passo con i figli delle persone che lo
    > nutrono.
    >

    A mio modesto parere stai nuovamente sbagliando perche' questo non e' capitalismo, non corrisponde almeno a quello descritto e teoricizzato da Adam Smith. Il sistema economico e' da tempo che si sta involvendo, ne sono ad esempio le continue "crisi" nonostante l'aumento medio di benessere e ricchezza. In pratica i costi dell'attuale involuzione economica "mangiano" il progresso.

    > L'alternativa e' la pirateria ad oltranza, anche
    > di cose estremamente economiche come il gioco da
    > 10€ o il singolo brano, perche' oggi e' piu'
    > veloce e pratico spostare il bene dei soldi che
    > servono a pagarlo, ed uno dei motivi della
    > pirateria e' anche
    > quello.

    Non ci puo' essere alternativa nell'illecito. Chi compie un reato ha torto, qualsiasi sia la ragione per cui ha compiuto l'illecito, ma non solo, egli offre anche l'opportunita' e la giustificazione a personaggi retrogadi e burocrati di limitare le liberta' individuali e di nascondere meglio i loro "porci" interessi dietro l'apparato normativo del paese il cui legislatore obbedisce prontamente ai loro ordini.

    Se continuate a "piratare", "scarrricccare" e comunque ad infrangere la legge vigente, non fate altro che fornire giustificazioni ad oltranza alla legiferazione di norme decisamente piu' liberticide. Questa che stiamo vivendo e' esattamente la situazione del "cane che si morde la coda".
    Per interrompere il ciclo, e' necessario prima di tutto rientrare nella legalita', assolutamente, non c'e', e non potrebbe comunque esserci, altra strada.

    Ciauz
  • >
    > Non ci puo' essere alternativa nell'illecito. Chi
    > compie un reato ha torto, qualsiasi sia la
    > ragione per cui ha compiuto l'illecito, ma non


    Grande falsità. Chi sbaglia ha torto. Chi commette reato infrange la legge.

    > solo, egli offre anche l'opportunita' e la
    > giustificazione a personaggi retrogadi e
    > burocrati di limitare le liberta' individuali e
    > di nascondere meglio i loro "porci" interessi
    > dietro l'apparato normativo del paese il cui
    > legislatore obbedisce prontamente ai loro
    > ordini.


    Non ti si segue.

    >
    > Se continuate a "piratare", "scarrricccare" e
    > comunque ad infrangere la legge vigente, non fate
    > altro che fornire giustificazioni ad oltranza
    > alla legiferazione di norme decisamente piu'
    > liberticide. Questa che stiamo vivendo e'
    > esattamente la situazione del "cane che si morde
    > la
    > coda".


    Niente può'giustificare una legge liberticida. Scaricare non è rubare. E' talmente ovvio! Ma la distorsione illogica del mercato non risparmia nessuno. Il tuo non guadagno, artista, non è mai conseguenza del mio avere gratis anche la tua opera, ma del fatto che ti dedichi ad attività che non devono necessariamente essere pagate. Piùttosto si dovrebbe incentivare l'arte al di fuori del mercato, magari arte non duplicabile e di qualità


    > Per interrompere il ciclo, e' necessario prima di
    > tutto rientrare nella legalita', assolutamente,
    > non c'e', e non potrebbe comunque esserci, altra
    > strada.
    >
    > Ciauz

    la legalità è una parola vuota nel contesto che descrivi
    non+autenticato
  • Dov'è finita la mia risposta?
    Provo a farti un sunto.
    Sono daccordo con te tue idee anche se leggermente utopiche male non fanno. Mi và benissimo che i singoli brano siano venduti a 1,99€ e 5€ per l'album( se sbaglio correggetemi ma nn si superano i 10€)cmq. nel marsma del P2P dobbiamo metterci: oltre ai già citati MP3 anche i games i software e tutto il lerciume del pornografico. I prezzi dei games sono davvero esorbitanti. mettiti nei panni di un amatore di games..e fatti due conticini. Certo le Software House non ci vengono incontro , anzi. Stesso discorso per software e compagnai bella. ( se tutto fosse OpenSource) vera utopia la mia ma sognare non costa nulla.
    Pero' di una cosa sono sicuro. prima o poi questa gigantesca macchina del P2P sarà costretta a chiudere. Le Major sono sempre più incazzate.( persone sempre più multate) insomma i presagi ci sono tutti. (vedi Napster)
    Inoltre ho notato un massiccio controllo da parte dei:
    C.C (carabinieri) , Sony, At&T Global Network,Sony e Sony Italia S.P.A più svariati enti Governativi-Militari e Comunali.
    e sinceramente pensare di essere spiato da "questa gente" 1po' mi inquieta.
  • - Scritto da: JackBahuer
    > quanto stronzate leggo.
    > la nuda e cruda verità e che scarichiamo
    > materiale protetto da coyright ( e mi ci metto
    > anchio)
    >
    > Stop.

    Stop cosa?
    Evidentemente ti sembra anche giusto non aver diritto alla copia privata. Tanto per fare un esempio di diritti negati in nome del copyrigth.

    Difendere il copyrigth = OK
    Difendere il copyrigth a spese anche degli onesti non mi sta bene.
    Non mi va di comprare un DVD originale e vedermi togliere diritti e avere mille problemi (vedi alcune protezioni problematiche) e costi (i costi delle protezioni li pago quando compre un DVD originale... sia hw/sw).

    Difendiamo pure il copyrigth, ma cerchiamo di evitare di farlo pagare agli onesti...
    non+autenticato
  • Io non scarico per fare qualcosa di bello, scarico perchè vivo in un posto dimenticato dall'industria musicale. Io giuro, ero contrario persino all'mp3, mi faceva schifo pensare che alcune frequenze del suono potessero venir tagliate via, ma quando sono andato con una lista di 10 cd in 5 negozi diversi della mia città, senza trovarne nemmeno uno, la soluzione all'ignoranza perpetua era il download. E poi scusa, io sinceramente non li ho tutti sti soldi per comprare un cd quando ne voglio ascoltare uno. Voglio vedere quanti statali possono permettersi di comprarsi in una settimana due o tre cd e qualche dvd... I soldi non li caga nessuno, tantomeno io che ho 18 anni e campo sui miei. Se ci sono perbenisti che si oppongono al p2p, allora che paghino loro mia sete di ascoltare nuovi gruppi.
  • - Scritto da: franz1789
    > Io non scarico per fare qualcosa di bello,
    > scarico perchè vivo in un posto dimenticato
    > dall'industria musicale. Io giuro, ero contrario
    > persino all'mp3, mi faceva schifo pensare che
    > alcune frequenze del suono potessero venir
    > tagliate via, ma quando sono andato con una lista
    > di 10 cd in 5 negozi diversi della mia città,
    > senza trovarne nemmeno uno, la soluzione
    > all'ignoranza perpetua era il download. E poi
    > scusa, io sinceramente non li ho tutti sti soldi
    > per comprare un cd quando ne voglio ascoltare
    > uno. Voglio vedere quanti statali possono
    > permettersi di comprarsi in una settimana due o
    > tre cd e qualche dvd... I soldi non li caga
    > nessuno, tantomeno io che ho 18 anni e campo sui
    > miei. Se ci sono perbenisti che si oppongono al
    > p2p, allora che paghino loro mia sete di
    > ascoltare nuovi
    > gruppi.


    Caro amico, la sottile linea che separa te da mè( che lavoro) direi che è misera...paradossalmente stai meglio te. (fidati)
    Per il resto non posso che quotarti.

    Stesso quote anche per il Silvione
    Un plauso per le tue idee..anche se utopiche.
  • E quindi, almeno teoricamente, il Potere siamo noi.
    La Costituzione italiana prevede la possibilità di proporre referendum abrogativi e leggi di iniziativa popolare.

    Se c'è riuscito Grillo, non sarà difficile per il popolo del P2P legalizzare la copia privata e abrogare la Legge Urbani...
    O magari imporne una che limiti la durata dei diritti d'autore a tempi equi (vi pare giusto che si debba pagare Marina Berlusconi per studiare d'Annunzio?), che limiti i guadagni ottenibili da una sola opera ("Imagine" non ha ancora incassato abbastanza? Non può diventare patrimonio dell'Umanità?)

    Insomma, basta organizzarsi.
    Ma per farlo bisogna superare l'individualismo. E finchè saremo tanti piccoli piratini che tentano di essere più furbi l'uno dell'altro, saranno sempre le minoranza compatte ad essere i più forti.

    Occhiolino
    non+autenticato
  • Teoricamente e' come dici tu, ma in un mondo dove il vile danaro compra tutto, l'unica cosa da fare e' ribellarsi alla vecchia maniera, con forconi e fiaccole e fare tanti bei falo' dove porre a testa in giu' tutte quelle persone corrotte che hanno il di dietro piu' pulito della propria faccia.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mi scoccio di loggare
    > Teoricamente e' come dici tu, ma in un mondo dove
    > il vile danaro compra tutto, l'unica cosa da fare
    > e' ribellarsi alla vecchia maniera,

    NO abbiamo gli strumenti, bisogna votare un partito che sostenga le nostre idee (tipo partito pirata)

    > con forconi e
    > fiaccole e fare tanti bei falo'

    per fare la fine dei no global e passare dalla parte del torto

    > dove porre a testa in giu'

    ne abbiamo appeso uno a testa in giu' ... non gli e' caduta una lira dalle tasche ma non per questo era un buon governante

    > tutte quelle persone corrotte che
    > hanno il di dietro piu' pulito della propria
    > faccia.

    anche Mitterand e Kohl hanno avuto problemi di corruzione pero' hanno governato bene.

    altrove il dilemma e':
    1) meglio onesto e incapace o disonesto ma capace ?

    in Italia invece abbiamo solo disonesti incapaci !!!
    per come sono le cose ora mi accontenterei di trovare qualcuno capace ...

    ciao
    non+autenticato
  • Quelle persone corrotte hanno un intero esercito a proteggerle, che non si farà scrupoli a farti esplodere la testa con una raffica di pistola mitragliatrice.

    Sono intoccabili.
    non+autenticato
  • Che ne dite se vi diamo mastella, bondi, guadagno, caruso e fassino in cambio di sti pirati se vi danno tanto fastidio? A noi gente di un certo spessore farebbe comodo.
    non+autenticato
  • Sono d'accordo sullo scambio proposto, ma prima di Fassino credo ci sia mezza Montecitorio da caricare sul treno. Se cade il governo e torna Presidente del Consiglio l'uomo che ha più intersssi nei prodotti multimediali in Italia...altro che Baia dei Pirati, non ti fa scaricare neanche più un bit (se non lo paghi).
    Occhia alle scelte, quindi. Non che questi siano dei santi o che abbiano fatto chissà che per i netizen, ma gli altri hanno interesse a sbranarti !!!
  • - Scritto da: guruji
    >Se cade il governo e torna
    > Presidente del Consiglio l'uomo che ha più
    > intersssi nei prodotti multimediali in
    > Italia...altro che Baia dei Pirati, non ti fa
    > scaricare neanche più un bit (se non lo
    > paghi).Occhia alle scelte, quindi.

    Speriamo che cada punto e basta.Così va alla malora anche la legge contro i videogiochi. Comunque è chiaro che qualsiasi governo farà leggi contro internet e metterà mano, creando altri disastri,alla famigerata legge sul diritto d'autore.Ci dimentichiamo per caso che questi hanno fatto la cosiddetta legge di riforma della SIAE che permette l'uso di immagini e suoni su web solo se degradati?
    E la legge contro i blog? E questi erano quelli che avevano messo l'abolizione delle sanzioni penali per il P2P nel programma di governo.
    Tutto questo solo in due anni. Se avessero altri 3 anni chissà che danni farebbero.
    Destra o Sinistra in questi campi fanno solo cazzate. Perché sono tutti vecchi dinosauri della politica, gerontocrati che vivono invariabilmente nel passato e che non comprendo un'acca del mondo contemporaneo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Giovanni Guiso
    > Speriamo che cada punto e basta.Così va alla
    > malora anche la legge contro i videogiochi.

    eh si... tu si che sei preoccupato per le sorti dell'italia...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Giovanni Guiso
    > - Scritto da: guruji
    > >Se cade il governo e torna
    > > Presidente del Consiglio l'uomo che ha più
    > > intersssi nei prodotti multimediali in
    > > Italia...altro che Baia dei Pirati, non ti fa
    > > scaricare neanche più un bit (se non lo
    > > paghi).Occhia alle scelte, quindi.
    >
    > Speriamo che cada punto e basta.Così va alla
    > malora anche la legge contro i videogiochi.

    Cosi' la ripresentano gli altri 2 o 3 mesi dopo.

    > Comunque è chiaro che qualsiasi governo farà
    > leggi contro internet e metterà mano, creando
    > altri disastri,alla famigerata legge sul diritto
    > d'autore.Ci dimentichiamo per caso che questi
    > hanno fatto la cosiddetta legge di riforma della
    > SIAE che permette l'uso di immagini e suoni su
    > web solo se
    > degradati?

    Qui mi sa che ti sbagli. Il problema era la urbani(perc governo) che vietava DEL TUTTO l'uso delle immagini sul web.
    Ora dovrebbe esserne concesso l'uso se degradate.
    Tra l'uso degradato e il divieto meglio l'uso degradato.
    (certo sarebbe meglio qualcosa di meglio...)

    > E la legge contro i blog? E questi erano quelli

    Che pero' e' finita in nulla, no?

    > che avevano messo l'abolizione delle sanzioni
    > penali per il P2P nel programma di
    > governo.

    Beh, gli altri le avevano messe le sanzioni penali... Pensa che bello...

    > Tutto questo solo in due anni. Se avessero altri
    > 3 anni chissà che danni farebbero.
    >
    > Destra o Sinistra in questi campi fanno solo
    > cazzate. Perché sono tutti vecchi dinosauri della
    > politica, gerontocrati che vivono invariabilmente
    > nel passato e che non comprendo un'acca del mondo
    > contemporaneo.

    Vero, ma se facciamo il conto la destra ha fatto peggio mi pare (sanzioni penali p2p, divieto uso immagini ecc...)
    non+autenticato
  • è il successo della creazione del consenso, creare una massa acritica che non sa andare ad approfondire così che chiunque vada su fa ciò che vuole "tanto sono tutti ladri" ma se un ladro entra in casa mia e ne sono in grado come minimo gli spezzo la schiena a mazzate, l'italia è casa nostra e ci comportiamo come se non lo fosse, ovviamente non dico di spaccargli la schiena ma di attivizzarci si, siamo sempre li a lamentarci ma quando ci sono manifestazioni di protesta si muovono sempre solo quattro gatti gli altri trovano scuse: "non manifesto con i comunisti", "grillo sa solo urlare" etc etc

    Ce la stiamo scegliendo con la nostra inedia la nostra sorte

    Adesso scrivete pure hai ragione! hai ragione! nelle risposte tanto serve ad un c...o andate come me alle proteste informatevi su ciò che accade nello specifico, sopratutto a livello locale (non c'è bisogno di andare a roma) e protestate personalmente!
    non+autenticato
  • - Scritto da: azzolo
    > è il successo della creazione del consenso,
    [megacut]

    Scusa, non ho capito come mai hai postato rispondendo al mio post.
    Proprio riguardo il fatto di informarsi e evitare i "fanno tutti la stessa cosa" era il senso del mio post, cercando di chierire le specifiche responsabilita' di cui si parlava (legge sul diritto d'autore, blog, copyrigth eccetera).
    non+autenticato
  • Alle manifestazioni ci va poca gente perchè forse c'è gente che deve lavorare e non può permettersi di assentarsi per andare a manifestazioni dato che se poi perde il posto di lavoro magari non può più pagare il mutuo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: guruji
    > Sono d'accordo sullo scambio proposto, ma prima
    > di Fassino credo ci sia mezza Montecitorio da
    > caricare sul treno. Se cade il governo e torna
    > Presidente del Consiglio l'uomo che ha più
    > intersssi nei prodotti multimediali in
    > Italia...altro che Baia dei Pirati, non ti fa
    > scaricare neanche più un bit (se non lo
    > paghi).

    Vero, ma anche questi hanno amici che hanno gli stessi interessi, quindi forse piu' o meno le scelte vanno di pari passo.
    Bisognerebbe chiedersi come mai e' molto peggio piratare un CD che prendere una mazzetta...

    > Occhia alle scelte, quindi. Non che questi siano
    > dei santi o che abbiano fatto chissà che per i
    > netizen, ma gli altri hanno interesse a sbranarti
    > !!!

    Mi sa che alla fine hai ragione. Se torna "sua emittenza", soprattutto ora che sta cercando di venderci pure la TV (finalmente cade la maschera del DTT, il cui vero scopo era creare la piattaforma perfetta per vendere la TV!) sara' molto piu' grave scaricare un video che prendere mazzette (o corrompre giudici... insomma, i loro reati preferiti A bocca aperta )
    non+autenticato
  • - Scritto da: Paolino
    sara'
    > molto piu' grave scaricare un video che prendere
    > mazzette (o corrompre giudici... insomma, i loro
    > reati preferiti A bocca aperta
    > )

    Soluzione perfetta :
    scarico il video, corrompo il giudice e ho entrambi i reati a prezzo 0.A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mi scoccio di loggare
    > - Scritto da: Paolino
    > sara'
    > > molto piu' grave scaricare un video che prendere
    > > mazzette (o corrompre giudici... insomma, i loro
    > > reati preferiti A bocca aperta
    > > )
    >
    > Soluzione perfetta :
    > scarico il video, corrompo il giudice e ho
    > entrambi i reati a prezzo 0.
    >A bocca aperta

    Nessun reato, ma per corrompere il giudice ci vogliono un bel po' di soldini Occhiolino
    non+autenticato
  • bella citazione...bel manifesto....
    non+autenticato
  • Noi facciamo uso di un servizio
    che esiste gia' senza pagare per quello che potrebbe essere a buon
    prezzo se non fosse gestito da avidi profittatori, e voi ci chiamate
    criminali. Noi esploriamo...   e voi ci chiamate criminali.   Noi
    cerchiamo la conoscenza...   e voi ci chiamate criminali.    Noi
    esistiamo   senza   colore della pelle, senza nazionalita', senza
    pregiudizi religiosi... e voi ci chiamate criminali. Voi costruite
    bombe atomiche, voi fate la guerra, voi uccidete, spergiurate, e ci
    mentite e tentate di farci credere che e' per il nostro bene, eppure
    siamo noi i criminali.

        Si, sono un criminale. Il mio crimine e' la curiosita'. Il mio
    crimine e' quello di giudicare la gente in base a quello che pensa e
    dice, non per come appare. La mia colpa e' quella di essere piu'
    furbo di voi e, per questo, non potrete perdonarmi.

        Io sono un hacker, e questo e' il mio manifesto. Voi potete
    fermare questo individuo, ma non potete fermarci tutti... dopotutto,
    siamo tutti uguali.

    +++Mentor+++


    Parole sempre attuali
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 23 gennaio 2008 00.32
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: ElfQrin
    > Noi facciamo uso di un servizio
    > che esiste gia' senza pagare per quello che
    > potrebbe essere a
    > buon
    > prezzo se non fosse gestito da avidi
    > profittatori, e voi ci
    > chiamate
    > criminali. Noi esploriamo...   e voi ci
    > chiamate criminali.
    > Noi
    > cerchiamo la conoscenza...   e voi ci
    > chiamate criminali.   
    > Noi
    > esistiamo   senza   colore della pelle, senza
    > nazionalita',
    > senza
    > pregiudizi religiosi... e voi ci chiamate
    > criminali. Voi
    > costruite
    > bombe atomiche, voi fate la guerra, voi uccidete,
    > spergiurate, e
    > ci
    > mentite e tentate di farci credere che e' per
    > il nostro bene,
    > eppure
    > siamo noi i criminali.
    >
    >     Si, sono un criminale. Il mio crimine e'
    > la curiosita'. Il
    > mio
    > crimine e' quello di giudicare la gente in base
    > a quello che pensa
    > e
    > dice, non per come appare. La mia colpa e'
    > quella di essere
    > piu'
    > furbo di voi e, per questo, non potrete
    > perdonarmi.
    >
    >     Io sono un hacker, e questo e' il mio
    > manifesto. Voi
    > potete
    > fermare questo individuo, ma non potete
    > fermarci tutti...
    > dopotutto,
    > siamo tutti uguali.
    >
    > +++Mentor+++
    >
    >
    > Parole sempre attuali
    > --------------------------------------------------
    > Modificato dall' autore il 23 gennaio 2008 00.32
    > --------------------------------------------------

    bravo ElfQrin!
    post ottimo e condiviso
    non+autenticato
  • - Scritto da: ElfQrin
    > Noi facciamo uso di un servizio
    > che esiste gia' senza pagare per quello che
    > potrebbe essere a
    > buon
    > prezzo se non fosse gestito da avidi
    > profittatori, e voi ci
    > chiamate
    > criminali. Noi esploriamo...   e voi ci
    > chiamate criminali.
    > Noi
    > cerchiamo la conoscenza...   e voi ci
    > chiamate criminali.   
    > Noi
    > esistiamo   senza   colore della pelle, senza
    > nazionalita',
    > senza
    > pregiudizi religiosi... e voi ci chiamate
    > criminali. Voi
    > costruite
    > bombe atomiche, voi fate la guerra, voi uccidete,
    > spergiurate, e
    > ci
    > mentite e tentate di farci credere che e' per
    > il nostro bene,
    > eppure
    > siamo noi i criminali.
    >
    >     Si, sono un criminale. Il mio crimine e'
    > la curiosita'. Il
    > mio
    > crimine e' quello di giudicare la gente in base
    > a quello che pensa
    > e
    > dice, non per come appare. La mia colpa e'
    > quella di essere
    > piu'
    > furbo di voi e, per questo, non potrete
    > perdonarmi.
    >
    >     Io sono un hacker, e questo e' il mio
    > manifesto. Voi
    > potete
    > fermare questo individuo, ma non potete
    > fermarci tutti...
    > dopotutto,
    > siamo tutti uguali.
    >
    > +++Mentor+++
    >
    >
    > Parole sempre attuali
    > --------------------------------------------------
    > Modificato dall' autore il 23 gennaio 2008 00.32
    > --------------------------------------------------


    Bello bello ma... "voi" chi? Perchè mia nonna non è certo un hacker ma neppure costruisce bombe atomiche e fa la guerra... potresti essere più preciso?
    non+autenticato
  • citazione bellissima ma vorrei dire una cosa: la stragrande maggioranza del traffico p2p è materiale coperto da copyright e che in origine era destinato alla vendita non alla libera distribuzione, questo vale per il film appena uscito tanto quanto l'ultimo gioco per ps2.
    Dove sta la curiosità di cui parlava "The Menthor" e non Menthor? Possiamo dire che non volevo tirar fuori 60 e passa euro per giocare a pes2008 ma che ci volevo giocare lo stesso? Me lo sono scaricato anch'io ma so benissimo che ho fatto qualcosa "che non va", la mia unica curiosità era quella di vedere come si facesse la simulazione di fallo, e credo che questo non rientrasse nel concetto di curiosità di the mentor...
    Io la smetterei di nascondere i miei interessi personali (anche non a scopo di lucro intendiamoci) dietro il paravento di una pseudo libertà.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Jena
    > citazione bellissima ma vorrei dire una cosa: la
    > stragrande maggioranza del traffico p2p è
    > materiale coperto da copyright e che in origine
    > era destinato alla vendita non alla libera
    > distribuzione, questo vale per il film appena
    > uscito tanto quanto l'ultimo gioco per
    > ps2.
    > Dove sta la curiosità di cui parlava "The
    > Menthor" e non Menthor? Possiamo dire che non

    Mi sa che vi sbagliate entrambi (poverini non sapete neanche leggere Indiavolato ).
    Citazione da wikipedia:
    "
    Loyd Blankenship (a.k.a. The Mentor)
    "

    > volevo tirar fuori 60 e passa euro per giocare a
    > pes2008 ma che ci volevo giocare lo stesso? Me lo
    > sono scaricato anch'io ma so benissimo che ho
    > fatto qualcosa "che non va", la mia unica
    > curiosità era quella di vedere come si facesse la
    > simulazione di fallo, e credo che questo non
    > rientrasse nel concetto di curiosità di the
    > mentor...

    La prossima volta anziche' sprecare tempo a scarrrriccccare il gioco, compralo. Per me, ma e' la mia modesta opinione, chi scarriccca i giochi non e' un hacker, anzi non ha proprio nulla a che vedere con la curiosita' di un hacker... ...ancora, ancora potrei considerarla una azione da hacker se tu lo facessi per disassemblare e studiarne il codice, per appunto apprendere come e' fatto il gioco, non per giocarci...

    > Io la smetterei di nascondere i miei interessi
    > personali (anche non a scopo di lucro
    > intendiamoci) dietro il paravento di una pseudo
    > libertà.

    Infatti, IMHO, liberta'=responsabilita' e non liberta'=fare cio' che si vuole...
    Uno dei principi dietro la filosofia hacker e' imparare, apprendere e non scopiazzare o scarriccare...

    In conclusione, forse un vero hacker, avrebbe comprato il gioco anche solo per un poco di rispetto verso gli sviluppatori ed invece di giocarlo, l'avrebbe disassemblato per al fine di comprendere la bellezza, o la bruttezza, del codice e non per giocarci...

    ...Peccato che gli hacker stiano scomparendo... ...ancora peggio e piu' peccato che stia scomparendo la cultura hacker... ...Vedete voi che mi tocca leggere, mi fate venire male agli occhi solo al pensiero che "scarrrricccare" sia un'azione da hacker...
  • - Scritto da: nanoBastardo
    > - Scritto da: Jena
    > > citazione bellissima ma vorrei dire una cosa: la
    > > stragrande maggioranza del traffico p2p è
    > > materiale coperto da copyright e che in origine
    > > era destinato alla vendita non alla libera
    > > distribuzione, questo vale per il film appena
    > > uscito tanto quanto l'ultimo gioco per
    > > ps2.
    > > Dove sta la curiosità di cui parlava "The
    > > Menthor" e non Menthor? Possiamo dire che non
    >
    > Mi sa che vi sbagliate entrambi (poverini non
    > sapete neanche leggere Indiavolato
    > ).
    > Citazione da wikipedia:
    > "
    > Loyd Blankenship (a.k.a. The Mentor)
    > "
    >
    > > volevo tirar fuori 60 e passa euro per giocare a
    > > pes2008 ma che ci volevo giocare lo stesso? Me
    > lo
    > > sono scaricato anch'io ma so benissimo che ho
    > > fatto qualcosa "che non va", la mia unica
    > > curiosità era quella di vedere come si facesse
    > la
    > > simulazione di fallo, e credo che questo non
    > > rientrasse nel concetto di curiosità di the
    > > mentor...
    >
    > La prossima volta anziche' sprecare tempo a
    > scarrrriccccare il gioco, compralo. Per me, ma e'
    > la mia modesta opinione, chi scarriccca i giochi
    > non e' un hacker, anzi non ha proprio nulla a che
    > vedere con la curiosita' di un hacker...
    > ...ancora, ancora potrei considerarla una azione
    > da hacker se tu lo facessi per disassemblare e
    > studiarne il codice, per appunto apprendere come
    > e' fatto il gioco, non per
    > giocarci...
    >
    > > Io la smetterei di nascondere i miei interessi
    > > personali (anche non a scopo di lucro
    > > intendiamoci) dietro il paravento di una pseudo
    > > libertà.
    >
    > Infatti, IMHO, liberta'=responsabilita' e non
    > liberta'=fare cio' che si
    > vuole...
    > Uno dei principi dietro la filosofia hacker e'
    > imparare, apprendere e non scopiazzare o
    > scarriccare...
    >
    > In conclusione, forse un vero hacker, avrebbe
    > comprato il gioco anche solo per un poco di
    > rispetto verso gli sviluppatori ed invece di
    > giocarlo, l'avrebbe disassemblato per al fine di
    > comprendere la bellezza, o la bruttezza, del
    > codice e non per
    > giocarci...
    >
    > ...Peccato che gli hacker stiano scomparendo...
    > ...ancora peggio e piu' peccato che stia
    > scomparendo la cultura hacker... ...Vedete voi
    > che mi tocca leggere, mi fate venire male agli
    > occhi solo al pensiero che "scarrrricccare" sia
    > un'azione da
    > hacker...

    rileggiti quello che ho scritto e vedrai che è quello che hai riscritto
    non+autenticato
  • cosa centrano gli hakers con il p2p,non infagateli associandoli a questo.essere hacker e' una filosofia di vita,non scaricarsi un film o un mp3.Cmq quel manifest e' molto bello.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mah
    > cosa centrano gli hakers con il p2p,non
    > infagateli associandoli a questo.essere hacker e'
    > una filosofia di vita,non scaricarsi un film o un
    > mp3.Cmq quel manifest e' molto
    > bello.
    Condivido in pieno, non c'entra un cavolo l'hacker con il warezzomane (scusate l'italianizzazione).
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo

    > warezzomane

    Bel neologismo A bocca aperta
    non+autenticato
  • Non banalizziamo cose di un tempo passato.
    non+autenticato