Vendeva la storia su eBay. Arrestato

Prima ha ammesso le colpe e poi si č dichiarato innocente. Rubava oggetti di rilevanza storica e li vendeva a buon prezzo sul sito d'aste

Roma - C'è aria di scandalo a Washington dopoché un appassionato di storia ha ottenuto l'avvio del processo contro un utente eBay: si era imbattuto nelle aste dell'uomo riconoscendo tra gli oggetti in vendita alcuni memorabilia di sommo interesse storico, e lo aveva denunciato. Lo scandalo è legato al fatto che si tratta di souvenir provenienti da fondi e organismi pubblici che in teoria dovrebbero preservarli.

Stando alle cronache, l'accusato avrebbe sottratto lettere autografe risalenti ai primi anni del 1800 o materiali come gli Almanacchi di David Crockett. In un primo tempo aveva ammesso che dal 2002 ad oggi si era dedicato al "furto" di questo genere di oggetti ma poi in tribunale nelle scorse ore ha deciso di dichiararsi innocente. Secondo i procuratori siamo di fronte a reati gravi resi ancora più gravi dallo scopo di lucro.

Eh già, perché stando alle ricostruzioni degli inquirenti, l'uomo ha ottenuto su eBay la vendita di oggetti a "botte" di mille o duemila dollari l'uno, dalla prima bozza autografa della Proclamazione dell'Emancipazione di Abraham Lincoln fino a litografie di Currier&Ives.
Nelle prossime settimane inizierà il processo vero e proprio.