eBay conferma: giù (certi) prezzi

Per evitare un calo delle aste la net company decide di renderne meno onerosa la pubblicazione. Ma quando l'asta va in porto la commissione da versare ad eBay è maggiore

Boston - Viene accolta con interesse dalla folta comunità di ebayer l'annuncio secondo cui dal prossimo 20 febbraio sono destinate a cambiare le tariffe eBay sulla pubblicazione delle aste e sui servizi aggiuntivi, una rimodulazione strategica in parte già prevista.

il sito d'asteL'idea descritta dal dirigente dell'azienda John Donahoe è quella di rendere meno costosa la pubblicazione di aste. Si parla di riduzione di prezzo compresa tra i 25 e i 50 centesimi di dollaro per gli ebayer statunitensi. In questo modo, spiega eBay, "si abbassa il rischio per i venditori se un oggetto non vende". In particolare, negli USA il prezzo della pubblicazione di aste il cui valore vada da 25 a 49 dollari scenderà da 1,20 dollari ad 1 dollaro, e caleranno da 4,80 a 4 le inserzioni per oggetti sopra i 500 dollari.

Almeno inizialmente questi cali riguarderanno solo gli ebayer USA ma l'azienda assicura che dopo un primo periodo ci si può attendere l'estensione delle modifiche a tutti i paesi in cui opera eBay.
La mossa del colosso delle aste, che qualcuno legge come una misura per spingere in alto il numero di aste pubblicate, potrebbe finire per intaccare la redditività del portale qualora alla diminuzione delle tariffe non corrisponda, appunto, un aumento consistente delle pubblicazioni. Per far fronte a questo rischio, eBay ha previsto anche degli aumenti nella commissione sulle vendite: ad esempio su quella di un oggetto per 25 dollari, l'utente pagherà al portale 2,19 dollari più il 3,5 per cento del valore totale dell'oggetto venduto, il che su una cifra di questo tipo si traduce in un aumento della commissione di 67 centesimi rispetto a quanto avviene oggi.

Tra le novità anche l'abbattimento delle tariffe per la Galleria, il che significa pubblicazione gratuita delle foto degli oggetti, una mossa lungamente attesa dai venditori ma anche dai compratori, perché ha fin qui limitato il ricorso alle immagini che però sono spesso indispensabili per la corretta presentazione di un oggetto o di un prodotto.

Ma la "nuova" strategia eBay non si ferma qui: il sito intende colpire le aste troppo vaghe, prive di dettagli, quelle che impongono inique condizioni tariffarie di spedizione e, più in generale, mettere dei paletti ai cattivi venditori. Chi non ha una reputazione eccellente troverà meno spazio e visibilità per le proprie aste, mentre chi vende molto e viene apprezzato dai suoi compratori attraverso il meccanismo di reputazione utilizzato dalla comunità eBay potrà ricevere certi sconti e particolari tutele da PayPal, il servizio transattivo gestito alla stessa eBay.
TAG: ebay, aste, tariffe
24 Commenti alla Notizia eBay conferma: giù (certi) prezzi
Ordina
  • Forse eliminare il feedback degli acquirenti è eccessivo, ma sicuro cosi come andavano le cose non andava bene.
    Mi spiego:
    Un buon acuirente fa l'asta e paga. A questo punto il venditore ha avuto il suo e DEVE rilasciare feedback positivo.
    Invece attualmente si è arrivato all'assurdo che l'acquirente deve rilascare il feedback per primo se vuole il suo...
    I venditori scorretti o lenti o insomma non positivi usano come ricatto nei confronti di persone che hanno già pagato sulla fiducia nei termini prescritti dal venditore.
    Il venditore deve poter rilasciare feedback negativo solo se l'acquirente è NON PAGANTE basta!!
    Solo questo può tutelare altri venditori!!! Non feedback positivi ottenuti sotto ricatto!
    non+autenticato
  • CLASS ACTION contro eBay Italia s.r.l

    se volete parlarne...

    http://www.ebayabuse.it/
    non+autenticato
  • dsadsasadsda ma te lo ha detto il dottore di andare su ibbei?? class action per cosa? perchè si fan pagare per darti la possibilità di vendere a un bacino di utenza di milioni di compratori potenziali?? O sei uno che si lamenta della vigilanza (hai per caso comprato un nokia n95 da uno che si chiama "chen" con 2 feedback a 200euro?)
    non+autenticato
  • Cioè ci si lamenta che non si arriva a fine mese e poi c'è gente che frigna per ste cose...da quanto vendere su ebay è diventato un diritto universale?? O vogliamo metterlo nel paniere dell'ISTAT sull'inflazione...ma per favore, non vi sta bene, non vendete su ebay! Semplice no? lamentarsi e frignare come i bimbi quando non gli compri il gelato non mi sembra molto edificante!
    Senza gente che vende, ebay fallisce....
    non+autenticato
  • Ebay Italia : Ebay non Italia = Politica Italiana : Politica non italiana...
    non+autenticato
  • forse prorpio perchè non si arriva a fine mese si compra il piumino su ebay o il passegino per il figlio...Occhiolino
    MeX
    16897
  • a noi i ribassi neanche con il binocolo...
    e sull'aspetto più ignobile e critico....
    le truffe....
    si sono guardati bene da non smuovere neanche un dito o proferire sillaba.....che managment attento....
    certo....
    solo al profitto....

    CLASS ACTION!
    non+autenticato
  • mah..
    ebay secondo me,come tanti che hanno tirato troppo la corda, è alla frutta.
    Le tariffe centrano poco secondo me.
    Ormai la gente non si fida più e basta leggere il suo forum per scoprire gli innumerevoli pacchi che vengono segnalati.
    Non ha mai mosso un dito nonostante le lamentele degli acquirenti.
    Beh che dire, cazzi loro.
    Gli sarebbe costato pochissimo (in confronto a ciò che perderanno) monitorare di più i venditori tira pacchi.
    bye bye ebay
    non+autenticato
  • sarà, io non ho fatto tanti acquisti, ma mi son sempre trovato bene.
    addirittura mi è capitato per 2 volte che il pacco non arrivasse e l'utente (2 venditori diversi americani) mi hanno completamente risarcito.

    poi in fondo basta guardar bene i feedback e la storia di essi. si capisce tutto da li.

    ciao
    non+autenticato
  • Si, anche io all'inizio andavo abbastanza tranquillo.
    Ora, se faccio una ricerca, la metà delle aste sono pacchi e spesso trovi sugli store online gli stessi prodotti a prezzo anche inferiore.
    Non mi va di trasformarmi in uno 007 tutte le volte che uso ebay per risparmiare pochi euro e poi sapere che se qualcuno mi truffa non ho nessuno che mi tutela, risponditori automatici a parte.
    Bastava poco per tutelare anche tutti gli altri utenti che non sono smaliziati come te.
    non+autenticato
  • - Scritto da: next
    > Si, anche io all'inizio andavo abbastanza
    > tranquillo.
    > Ora, se faccio una ricerca, la metà delle aste
    > sono pacchi e spesso trovi sugli store online gli
    > stessi prodotti a prezzo anche
    > inferiore.
    > Non mi va di trasformarmi in uno 007 tutte le
    > volte che uso ebay per risparmiare pochi euro e
    > poi sapere che se qualcuno mi truffa non ho
    > nessuno che mi tutela, risponditori automatici a
    > parte.
    > Bastava poco per tutelare anche tutti gli altri
    > utenti che non sono smaliziati come
    > te.
    non posso far altro che quotarti in pieno
  • concordo sul fatto che un miglior controllo sulle truffe, sui falsi feedback e sulle attività sospette siano un MUST perchè ebay non scoppi come una bolla di sapone.
    Per quanto riguarda i prezzi, è ovvio che qualcuno cerchi di sfruttare la altissima visibilità di ebay per trovare qualche pigrone che non ha voglia di confrontare i prezzi per lo stesso articolo: lo fanno anche i normali negozi!
    Non sta scritto da nessuna parte che su ebay la roba debba costare di meno, è solo un'idea che a quelli di ebay è convenuto far circolare.
  • > Non sta scritto da nessuna parte che su ebay la
    > roba debba costare di meno, è solo un'idea che a
    > quelli di ebay è convenuto far
    > circolare.

    Sono d'accordo che non sta scritto da nessuna parte.
    Su ebay venivano proposti, oltre alle aste, articoli nuovi a prezzi leggermente inferiori ed è questo che ha attirato i clienti.
    Un venditore è obbligato ad avere prezzi competitivi perchè il cliente li confronta con gli altri sellers.
    Ma se
    - i prezzi competitivi vengono a mancare,
    - bisogna continuamente stare attenti alle truffe,
    - ebay non ti tutela

    Chi me lo fa fare??
    non+autenticato
  • - Scritto da: next
    > Chi me lo fa fare??
    Esatto next, è proprio questo il punto. Fin quando quelli di ebay non vedranno calare i propri guadagni, non possiamo aspettarci che spendano risorse per migliorare il servizio.
    > - bisogna continuamente stare attenti alle truffe
    Truffe e comportamenti sospetti vanno segnalati, non solo allo staff di ebay.
    Io prima di leggere i vostri commenti non sapevo niente di queste cose (fortunatamente non ero mai incappato in truffe).
    Con la rapidità di internet non ci vorrà molto perchè si sparga la voce, e prima o poi quelli di ebay saranno costretti a fare qualcosa.
  • - Scritto da: ztt ztt
    > a noi i ribassi neanche con il binocolo...

    Se non hai convenienza ad usare un servizio
    non usarlo. Dove sta il problema? Mica e' obbligatorio
    usare Ebay.

    > e sull'aspetto più ignobile e critico....
    > le truffe....
    > si sono guardati bene da non smuovere neanche un
    > dito o proferire sillaba.....
    > CLASS ACTION!

    Ahahahah. Ma se rispondi ad un annuncio sul giornale
    o sulla Pulce e te lo mettono in quel posto, cosa fai ?
    Denunci il giornale o il giornalino ?

    Ebay funge da intermediario, se dovesse controllare
    nei dettagli ogni asta, mettere una cosa in vendita
    costerebbe 1000$. Anche perche' se vuoi fare una truffa
    mica lo scrivi nel testo dell'asta...
    Quanta gente ti ci vuole per "investigare" ogni singola
    offerta (saranno milioni) ? Ti sembra una cosa realistica ?

    L'unico modo per essere sicuro di non essere truffato
    e' non usare Ebay. E comunque nessuno ti obbliga ad
    usarlo, cosi' come nessuno ti obbliga a rispondere ad
    un annuncio sulla Pulce o sulla bacheca del tuo asilo.

    Io Ebay l'ho usato circa 150 volte senza nessun problema.
    Naturalmente seleziono con cura da chi comprare e nel
    dubbio rinuncio proprio. E metto sempre in conto
    il rischio, quindi non compro beni troppo costosi.

    Questo non toglie che potrebbero fare qualcosa per migliorare
    l'affidabilita', per esempio eliminare tutti quelli
    che vendono "metodi" per procurarsi oggetti invece di oggetti,
    pero' l'ipotesi Class Action fa semplicemente ridere.

    g.
  • Basta poco.
    1°) Fornire i dati degli utenti che ti hanno venduto un oggetto non conforme/mai arrivato
    2°) Fornire indirizzo ip, data e ora della pubblicazione
    3°) Bloccare il conto Paypal o simile di chi viene denunciato ad ebay.

    Insomma...non credo che occorrano migliaia di euro, solo buona volontà nel saper gestire queste situazioni
    non+autenticato
  • Nell'esempio fatto dei 25$ una persona dara' a ebay circa 3$, piu se si fa pagare con paypal un altro dollaro (circa), il che significa che su 25$ dai a ebay il 16% del valore della tua vendita 4$.

    Questi sono puri numeri, ognuno tragga le conclusioni del caso.
    non+autenticato
  • - Scritto da: NBD
    > Nell'esempio fatto dei 25$ una persona dara' a
    > ebay circa 3$, piu se si fa pagare con paypal un
    > altro dollaro (circa), il che significa che su
    > 25$ dai a ebay il 16% del valore della tua
    > vendita
    > 4$.
    >
    > Questi sono puri numeri, ognuno tragga le
    > conclusioni del
    > caso.

    penso che se hai scritto questa considerazione sui numeri intenda mandare un messaggio, o sbaglio?

    il messaggio che ricevo è che ebay è esosa.

    ma mica te li frega, i soldi. te lo dice chiaro e tondo quanto si prende.

    mi sfugge quindi il motivo della critica al comportamento che mi pare di leggere nel messaggio.

    ovviamente se sbaglio vuol dire che non intendevi criticare ebay, magari volevi dire che si fa pagare poco?

    ;)
    non+autenticato
  • E' che la gente vuole tutto e pure gratis, per questo si lamenta anche quando è tutto trasparente (come le tariffe pubblicate da eBay).

    ciao

    AranBanjo
  • - Scritto da: AranBanjo
    > E' che la gente vuole tutto e pure gratis, per
    > questo si lamenta anche quando è tutto
    > trasparente (come le tariffe pubblicate da
    > eBay).
    >
    > ciao
    >
    > AranBanjo

    No, la gente pretende serietà quando spende anche 1 solo centesimo.
    Invece spesso ( MOLTO SPESSO ), si hanno :
    - Aste chiuse all'improvviso perche' davano fastidio a qualche competitor
    - Venditori di fumo che riescono a venderti l'impossibile rilasciando generalità false e tutelate dal silenzio di e-bay

    Insomma... tu E-Bay vuoi offrire una piattaforma dove permettere la compravendita tra utenti privati e da queste compravendite ottenere DOBLONI?
    a) Garantire una supervisione "reale" e non "automatica"
    b) Garantire affidabilità ( tramite le generalità fisiche di ogni compratore/acquirente )

    Insomma... puoi guadagnare anche 5 euro a singola pubblicazione, ma devi fornire a chi ci compra e chi vende, il minimo rischio di esser truffato.
    Altrimenti, "dovresti" (in un mondo ideale), pagarne le conseguenze di eventuali danni economici e/o materiali
    non+autenticato
  • Sarò fortunato io, saranno sfigati gli altri, ma ad oggi non ho preso mai una cantonata via eBay...
  • > il messaggio che ricevo è che ebay è esosa.
    >
    > ma mica te li frega, i soldi. te lo dice chiaro e
    > tondo quanto si prende.
    >
    >
    > mi sfugge quindi il motivo della critica al
    > comportamento che mi pare di leggere nel
    > messaggio.

    A me fa riflettere.
    Il servizio che offre in verità è assai banale, grandi server, grande banda internet e poi ? Youtube ha probabilmente molti più server e molta più banda ma non richiede pagamenti dagli utenti.
    Il software che c'è dietro a ebay inoltre non è poi così stratosferico. E allora ? A che cosa serve la trattenuta del 16% su ogni vendita ?
    L'unica forza che ebay ha è la notorietà e la conseguente garanzia di visibilità che offre ai venditori.
    Embè ?! Ci sono siti che fanno della visibilità la loro fonte di guadagno e offrono servizi che spesso viene da domandarsi "ma come mai è gratuito?".
    Non dico che Ebay dovrebbe campare di advertising, ma sicuramente è moooooooolto esosa.
    O no ?
    non+autenticato
  • se ci sono milioni di aste al giorno, significa che si sono migliaia di venditori che vendono...Come un datore di lavoro non tiene aperta la propria ditta se va in perdita, un venditore su eBay non continua a fare quel mestiere se non ci guadagna...
    Le tariffe sono segnate con trasparenza...

    Se io voglio vendere una matita comprata nell'edicola sotto casa a 2000euro scrivendo "Vendo semplice matita da edicola" a quella cifra e qualcuno me la compra, non sono mica affari miei.
    non+autenticato
  • Infatti non ho detto che EBay truffa gli utenti.
    Ho detto solo che il prezzo che fa pagare per il suo servizio è molto alto visto che si fa poi presto a fargli 2 conti in tasca: poco sforzo e poca spesa ma grandi guadagni.
    Dico bene o dico giusto?
    Occhiolino
    non+autenticato