Alfonso Maruccia

Chiama troppo spesso un call center. Arrestato

Succede in Giappone, dove un uomo ha collezionato un numero record di telefonate. Motivi? Nessuno in particolare, solo la voglia di parlare con qualcuno e di farsi rimproverare

Roma - Un uomo di trentasette anni, single e disoccupato, ha tenuto sotto scacco per anni il servizio di assistenza telefonica della città di Tokyo, in Giappone, smettendola solo quando gli hanno messo le manette ai polsi. Il Sol Levante si conferma dunque come uno dei luoghi più prosperi per le chiacchiere e le comunicazioni a distanza, ma il caso è degno di menzione soprattutto per la particolare ossessione sviluppata dal protagonista.

Takahiro Fujinuma, questo il nome dell'uomo, è stato arrestato con l'accusa di aver intralciato la normale operatività del servizio di Directory Assistance nella capitale giapponese, raggiungibile con il numero 104 e gestito dal provider NTT Solco, parte integrante della tel.co Nippon Telegraph and Telephone.

Secondo quanto riferito dalla polizia, tra giugno e metà novembre il "massacratore della cornetta" ha collezionato ben 2.600 telefonate al call center di NTT, ma i sospetti sono che Fujinuma svolgesse la sua singolare attività persecutoria sin dal lontano 2004, avendo in pratica chiamato il 104 per più di 10mila volte. Le chiamate avvenivano soprattutto a tarda ora, e potevano superare le 200 volte per notte.
Numeri che, se confermati, gli farebbero probabilmente guadagnare di diritto il Guinness dei primati nella "specialità". Alla richiesta di spiegazioni da parte delle forze dell'ordine, Fujinuma ha risposto che si sentiva solo e, col tempo, aveva sviluppato la tendenza a ricavare piacere e divertimento dalle noie rifilate agli operatori del 104.

In particolare l'uomo prediligeva parlare con le operatrici, cosa non molto difficile da ottenere vista la predominanza di donne impegnate nel ruolo in Giappone. "Ero solito andare in estasi quando una signora mi rimproverava" avrebbe dichiarato Fujinuma, che tra l'altro si è meritato il soprannome di "don't-hang-up-man" tra i dipendenti della NTT per la sua abitudine di pregare di non interrompere la chiamata una volta che fosse stato riconosciuto.

Alfonso Maruccia
11 Commenti alla Notizia Chiama troppo spesso un call center. Arrestato
Ordina