Italia, cresce il rischio diffamazione per i blogger

Si moltiplicano gli episodi in cui i tenutari di blog vengono denunciati per un commento apparso in calce ai propri post. A volte anche se quel commento viene rimosso entro poche ore. Servono nuove norme di tutela?

Roma - Le tensioni politiche alimentano da sempre la blogosfera e sono il motore di innumerevoli dibattiti, spesso molto accesi. Ma le tutele legali per i blogger che ospitano commenti sono vaghe nel nostro paese e devono ancora essere messe realmente alla prova in tribunale: accade così che nella blogosfera si parli sempre più spesso di questo o quel blogger denunciato non per quanto ha scritto, ma per quello che qualcuno ha pubblicato nell'area dei commenti del proprio blog. Una situazione che andrà probabilmente chiarita e risolta a livello legislativo ma che ormai da tempo rischia di ingrigire la frizzante blogosfera.

Dell'ultimo caso parla RomagnaOggi in un breve articolo in cui riporta le dichiarazioni di Gianluca Pini, segretario nazionale della Lega Nord Romagna: "Le minacce di morte ai leghisti romagnoli ed al sottoscritto che abbiamo denunciato la settimana scorsa sono apparse su un sito internet gestito da un rappresentante dei verdi di Forlì; stiamo valutando se procedere con una denuncia anche nei suoi confronti perché pare che abbia rimosso tardivamente queste minacce ma non abbia informato del gravissimo episodio le autorità". L'episodio, ricostruisce RomagnaOggi sarebbe legato al dibattito su immigrazione e Islam.

"La notizia di reato sulla quale sta indagando la polizia postale - ha anche dichiarato Pini - porta ad un sito, o meglio, un blog di un giovane esponente dei verdi di Forlì il quale apparentemente ha cercato di nascondere le minacce sotto forma di generiche offese, per questo è probabile che lo stesso sia ritenuto corresponsabile delle minacce".
Una questione delicata, dunque, che riguarda in particolare Alessandro Ronchi, politico già noto ai lettori di Punto Informatico per le sue iniziative tecnologiche nonché tenutario di un blog ormai da molto tempo. In un post, Ronchi afferma che il commento incriminato apparso sul suo blog è stato rimosso entro poche ore dalla sua pubblicazione: "Uno degli ultimi visitatori ha inserito un commento che ho ritenuto opportuno rimuovere immediatamente. Una frase come se ne vedono tante, scritte sui muri e sui bagni degli autogrill. Di certo non una minaccia reale nei confronti degli esponenti del partito di Pini".

Che le tensioni politiche siano foriere di scontri giudiziari nell'era della blogosfera è notorio, basti ricordare la recente denuncia di un blog da parte del ministro della Giustizia, ma in questo specifico caso si punta l'attenzione su un aspetto singolare della vicenda. Pini sembra infatti affermare che l'aver cancellato il commento senza avvertire le autorità rappresenti in sé un comportamento censurabile e potenzialmente denunciabile. Ronchi, invece, sottolinea di aver ritenuto quel commento offensivo e vuoto, come accade spesso di leggerne in rete, e di non averci dunque dato peso, limitandosi a cancellarlo.

Difficile dire cosa accadrà, nel caso specifico non è ancora certo che la denuncia si trasformi in un procedimento vero e proprio, ci sono istruttorie e tempi tecnici che porteranno ad una maggiore chiarezza, sempre che questa sia possibile. Sebbene gran parte degli esposti di questo genere non approdino ad un procedimento vero e proprio, nondimeno creano tensioni e incertezze nella blogosfera e sono potenzialmente forieri di auto-censura da parte di chi detiene un blog.

La domanda rimane quindi quella di sempre, vale a dire se debbano o no essere pensate nuove norme di tutela per chi apre un proprio sito Internet sul quale altri utenti possono pubblicare contenuti.
23 Commenti alla Notizia Italia, cresce il rischio diffamazione per i blogger
Ordina
  • Incredibile, ma vero Dio è sempre grande. Dopo diversi rifiuti mia applicazione dalla banca, ho ricevuto un prestito attraverso questa signora onesta, la signora Lombardi. Per ulteriori informazioni, si prega solo entrare in contatto con lei via e-mail per la: lombardiangelina6@gmail.com. Offre prestiti di 3 000 euro per € 3.000.000 a chiunque in grado di ripagare con interessi ad un tasso basso di 2% non metto in dubbio questo messaggio. È una realtà perfetta. Invia un messaggio ai vostri cari che sono nel bisogno.
    Che Dio vi benedica.
    non+autenticato
  • Non capisco perchè i Leghisti vogliano denunciare colui che gestisce il blog, perchè non avrebbe censurato i commenti contenenti minacce di morte, lol.Il signor Bossi si permette di dire che se Prodi non cade ,i leghisti passeranno ai fucili, lol, e nessuno fa una piega. Italietta da 4 soldi. Quanto ai moderatori, sono spesso figure patetiche, di cui non si ha alcun bisogno, anzi, spesso danno fastidio. Silvia.
    non+autenticato
  • Ma che stronzata! QUalsiasi dodicenne che ha fatto sega e si fa 2 risate con gli amici può scrivere minacce di morte commentando un blog!! Come dicono giustamente, ha la stessa consistenza di una scritta in un cesso: nessuna. L'idea di fare causa ( o persino di OFFENDERSI) per un commento anonimo su un blog è vittimismo allo stato puro.
    non+autenticato
  • concordo. Io lo so, tu lo sai. Chi internet lo conosce solo per quello che viene detto in TV o su i giornali non lo sa. E pensa che gli attivisti di al quaeida passin le loro giornate a scrivere minacciose scritte inneggianti alla morte del politico di turno. E allora chiedono ORDINE, RISPETTO, DISCIPLINA, CENSURA, MANO FERMA contro pedofili/terroristi/nazisti/anarchici/omosessuali/laicisti.

    Il problema e' che sovente chi governa e legifera fa parte di questa categoria di ignoranti informatici (vedi Frattini).

    Alle prossime elezioni mi piacerebbe che ci fosse una nuova forza politica ne di destra ne di sinistra ma di Internet, la "cosa di internet".

    Magari costituita da gente al di sotto dei 50 anni.
    non+autenticato
  • Io credo che non sia possibile fare un partito su ogni argomento. Di gente sotto i 50 anni ce n'è, basta cercare all'interno della propria area di riferimento un candidato che conosca il web e sia under 50, non è difficile.
    non+autenticato
  • peccato che i candidati siano blindati con sta legge elettorale.
    non+autenticato
  • Preferisco anch'io votare i miei coetanei, sotto i cinquanta. Ma non attribuirei queste decisioni internettare all'ignoranza. Un ignorante voterebbe il 50% delle volte giusto. E invece, riguardo alle leggi su internet, fatte dagli italiani dagli stranieri eccetra? una ca%%ata dietro l'altra. Che pero' entrando in vigore costruiscono la ragnatela che permette di incastrare chiunque pesti i calli agli interessi sbagliati. Soliti metodi in contesti differenti.
    non+autenticato
  • la possibilità di moderare i commenti (ovvero d decidere se pubbicarlio no dopo averli letti) è il modo più semplice per risovere il problema.

    Oppure per chi ha tanti commeti si può approfittare del fatto che nessuno i prenderà la briga i controllarli tutti.
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • davvero ti passa la voglia di commentare?
    e perché? ti senti leso nella tua libertà di espressione?
    non sno ironico, vogli capire
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • - Scritto da: unaDuraLezione
    > - Scritto da: argo mento
    > > davvero ti passa la voglia di commentare?
    > > e perché? ti senti leso nella tua libertà di
    > > espressione?
    > > non sno ironico, vogli capire
    >
    > Allora
    > 1) non voglio aspettare un minuto, un'ora, un
    > giorno, una settimana che qualcuno legga e/o
    > approvi.
    > 2) Non voglio che nei forum si crei il meccanismo
    > clientelare dove devi leccare il culo ai
    > moderatori per farti entrare nella cerchia dei
    > robomoderati e per non farti filtrare quando dici
    > le stesse cose dette impunemente da altri che
    > fanno parte della suddetta
    > cerchia.
    >
    > La maggior parte delle conversazioni non
    > esisterebbero perchè i tempi di risposta sono
    > troppo
    > vicini.
    > --------------------------------------------------
    > Modificato dall' autore il 01 febbraio 2008 12.00
    > --------------------------------------------------

    Sono daccordo.
    Soprattutto nei forum non è possibile la premoderazione se si vuole avere un ambiente movimentato. Chi scrive e aprtecipa in ufficio, poi, ha pochi minuti a disposizione.
    Senza contare che dal punto amministrativo (ho avuto un forum di 3k utenti per 7 anni) premoderare richiede un effort quasi full time.

    E' decisamente meglio avere una policy che dia agli utenti il possesso e la responsabilità dei commenti e dei post da loro scritti.
    E poi post-moderare, eliminando le cose che violano la policy.

    Se uno manda a cag... un politico scrivendolo su un muro il politico mica può citare per diffamazione il proprietario del muro perchè non ha fermato il vandalo prima che scrivesse....
    non+autenticato
  • > Senza contare che dal punto amministrativo (ho
    > avuto un forum di 3k utenti per 7 anni)
    > premoderare richiede un effort quasi full
    > time.

    A volte vi e' anche un bel affortSorride

    > E' decisamente meglio avere una policy che dia
    > agli utenti il possesso e la responsabilità dei
    > commenti e dei post da loro
    > scritti.
    > E poi post-moderare, eliminando le cose che
    > violano la
    > policy.

    Sempre due scatole ti fai.

    > Se uno manda a cag... un politico scrivendolo su
    > un muro il politico mica può citare per
    > diffamazione il proprietario del muro perchè non
    > ha fermato il vandalo prima che
    > scrivesse....

    Ah no?
    Sei davvero sicuro?
    Attenzione prima di rispondere considera che siamo in Italia e quello diffamato e' un politico.
    non+autenticato
  • - Scritto da: argo mento
    > la possibilità di moderare i commenti (ovvero d
    > decidere se pubbicarlio no dopo averli letti) è
    > il modo più semplice per risovere il
    > problema.
    >
    > Oppure per chi ha tanti commeti si può
    > approfittare del fatto che nessuno i prenderà la
    > briga i controllarli
    > tutti.

    Condivido. Al momento non ci sono alternative per non trovarsi nei casini: i commenti vanno moderati.
    eu
    221
  • Non mi piacciono i commenti appena inviati, fra poco li cancello... e se fate troppe polemiche questa notizia ve la spostiamo d'ufficio nel forum dei troll e degli o.t.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Moderatore di PI
    > Non mi piacciono i commenti appena inviati, fra
    > poco li cancello... e se fate troppe polemiche
    > questa notizia ve la spostiamo d'ufficio nel
    > forum dei troll e degli
    > o.t.
    sostituzione di persona.. è reato lo sai?
    non+autenticato
  • - Scritto da: dsad
    > - Scritto da: Moderatore di PI
    > > Non mi piacciono i commenti appena inviati, fra
    > > poco li cancello... e se fate troppe polemiche
    > > questa notizia ve la spostiamo d'ufficio nel
    > > forum dei troll e degli
    > > o.t.
    > sostituzione di persona.. è reato lo sai?

    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    Non sai cosa dici, ma almeno mi hai fatto spanciare.
    non+autenticato
  • Censurando non si fa altro che aumentare il problema

    la disinformazione a cui sta dietro ogni blog di politica non esce e la maggior parte se la bevono allegramente

    come le scie chimiche e l'haarp del resto
    non+autenticato
  • Se davvero c'è qualcosa che va contro le policy del forum, sei pregato di segnalarlo, "non mi piacciono" è:

    - Soggettivo

    - Non spiega niente di quello che non va

    Sei d'accordo, caro moderatore? ammesso che tu lo sia...

    frik---
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)