Pedoporno, sequestrati cinque siti italiani

Le forze dell'ordine sono intervenute su cinque spazi web segnalati dalla task force di Telefono Arcobaleno. Intanto Telefono Azzurro rilancia: mai più minori soli su Internet. Occhio a telefonini e social network

Roma - A pochi giorni dalla denuncia di Telefono Arcobaleno sul business legato alle immagini di pornografia infantile online, è ancora una volta la celebre associazione il motore di una operazione che ha portato al sequestro di cinque siti italiani.

In una nota, l'associazione spiega che 24 ore prima del sequestro i suoi volontari, i componenti di quella task force che monitora sistematicamente il web a caccia di immagini illegali, avevano individuato "cinque siti pedofili". Ed è bastata una segnalazione al Nucleo Investigativo Telematico della Procura della Repubblica di Siracusa perché nel giro di poche ore si ottenesse la chiusura di quegli spazi web.

Nella nota si sottolinea come i cinque siti rappresentassero un ponte d'accesso, una "backdoor", come è stata definita da Telefono Arcobaleno, verso "una vastissima galassia di siti a contenuto pedopornografico che avevano registrato, in soli 2 giorni, ben 150mila contatti". Di interesse il fatto che su quelle pagine, si legge nella nota, circolavano banner pubblicitari di imprese italiane molto conosciute, che l'Associazione "sta contattando privatamente".
"È noto - ha dichiarato invece ieri Giovanni Arena, presidente di Telefono Arcobaleno - che i siti a contenuto pedopornografico sono tra i più visitati al mondo ed è necessario che le imprese che investono in internet si rendano conto che sfruttare questo perverso circuito, inserendo, più o meno consapevolmente, i propri banner pubblicitari, significa legittimare, in qualche modo, la pedofilia on line, subire forti danni d'immagine, ma soprattutto reiterare, milioni di volte, quell'orribile abuso sui bambini". Naturalmente non c'è alcuna prova che le aziende fossero al corrente dell'uso di quei banner, il cui abuso è a portata di click per qualunque malintenzionato, una vicenda che probabilmente si integrerà all'indagine in corso su quei siti web e che dovrà evidentemente essere chiarita in sede di istruttoria.

Telefono Arcobaleno ricorda con l'occasione di aver effettuato fino ad oggi 175mila segnalazioni relative a materiale pedopornografico individuato in rete. Segnalazioni che non sempre si traducono nel sequestro dei siti, perché si tratta di materiali che si trovano spesso e volentieri in paesi non particolarmente attivi nell'opera di repressione contro il pedoporno. Mentre un sito che si trova in Italia può essere facilmente posto sotto sequestro dall'autorità giudiziaria, non altrettanto succede in quelle aree del mondo dove la segnalazione viene trasmessa alle autorità locali ma non si traduce in una vera e propria operazione di polizia, o richiede molto tempo perché ciò avvenga. Uno squilibrio normativo su cui si lavora anche in sede internazionale e che nei fatti lascia molti spazi di manovra al cosiddetto pedobusiness.

Su un altro fronte della salvaguardia dell'infanzia nell'era digitale si sta muovendo in queste ore anche Telefono Azzurro che il 12 febbraio presiede al convegno Safer Internet Day 2008 di Roma, "un convegno - illustra il sito dell'associazione - sui rischi di telefonini e social network". Un appuntamento che si inserisce nell'omonima iniziativa internazionale e che è giustificata dalla difficoltà con cui famiglie, scuole e istituzioni si adattano al mondo digitale che cambia.

"Oggi assistiamo ad una enorme diffusione delle nuove tecnologie - ha dichiarato Ernesto Caffo, presidente di Telefono Azzurro - che sono una risorsa incredibile ma anche un pericolo per quei soggetti particolarmente vulnerabili che ne rappresentano i maggiori fruitori". Il riferimento è a bambini e adolescenti per i quali, spiega Caffo, "gli strumenti di tutela finora adottati non sono sufficienti".

Il perché del Convegno? Cercare di unire in uno sforzo collettivo tutti i soggetti interessati, non solo le scuole ma anche gli operatori di telefonia mobile, i provider ma "senza operare demonizzazioni collettive".
84 Commenti alla Notizia Pedoporno, sequestrati cinque siti italiani
Ordina
  • dato che è vietato ai vari motori di ricerca fornire siti proibiti e se lo fanno credo che verrebbero pesantemente multati se non addirittura chiusi,non vedo come una persona non esperta di informatica possa accedere a questi siti!
    poi il fatto che ce ne siano a milioni dimostra la completa inefficienza delle varie polizie internazionali che dovrebbero farli chiudere e non ci riescono!

    altrettanta bufala mi pare il business miliardario del pedoporno:nessuna persona sensata spenderebbe migliaia di euro solo per vedere delle immagini virtuali!
    tutti possiamo constatare che nel porno normale di maggiorenni l'offerta gratuita di immagini nude è enorme e quasi nessuno si sogna di pagare ulteriori immagini con la carta di credito!
    il maniaco non è così stupido ,se ha infatti 10.000 euro da buttare sa certamente come spenderli con rapporti reali nei paradisi esotici!
    Quindi la vera lotta alla pedofilia si dovrebbe fare facendo chiudere gli infami bordelli di certi paesi del terzo mondo dove tanti bambini vengono sfruttati sessualmente e arrestando chi li frequenta!
    se ci si limita a colpire il semplice voyeurismo lasciandio stare i reali stupratori e sfruttatori si fa solamente un buco nell'acqua e si inganna l'opinione pubblica fatta di beoti che amano essere disinformati ed ingannati!
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 07 febbraio 2008 23.27
    -----------------------------------------------------------
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 07 febbraio 2008 23.28
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: veritas

    > altrettanta bufala mi pare il business
    > miliardario del pedoporno:nessuna persona sensata
    > spenderebbe migliaia di euro solo per vedere
    > delle immagini
    > virtuali!
    > tutti possiamo constatare che nel porno normale
    > di maggiorenni l'offerta gratuita di immagini
    > nude è enorme e quasi nessuno si sogna di pagare
    > ulteriori immagini con la carta di
    > credito!

    Scusa, ma il mercato del Porno come te lo spieghi? Il tuo ragionamento non ha senso! Se nel porno normale girano miliardi di dollari, da dove pensi che vengano? Ci saranno anche immagini gratuite, ma qualcuno che paga c'è! Idem per il pedoporno (purtroppo).
    Rimane il fatto che anch'io mi chiedo come faccia un sito nascosto a ottenere 150000 visite in neanche una settimana, considerando appunto che non vengono indicizzati da motori di ricerca.
    non+autenticato
  • Non usi emule, vero??
    Se si cerca le password per i siti porno e vedi...
    Per il pedoporno è diverso...
    Li c'entra più qualcosa di carnale...
    Non dico che siti pedo non ci siano , ma un pedofilo non credo proprio si accontenti di masturbarsi di fronte a una foto o un video...
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • Ti quoto!
    E in pieno!

    - Scritto da: veritas
    > dato che è vietato ai vari motori di ricerca
    > fornire siti proibiti e se lo fanno credo che
    > verrebbero pesantemente multati se non
    > addirittura chiusi,non vedo come una persona non
    > esperta di informatica possa accedere a questi
    > siti!
    > poi il fatto che ce ne siano a milioni dimostra
    > la completa inefficienza delle varie polizie
    > internazionali che dovrebbero farli chiudere e
    > non ci
    > riescono!
    >
    > altrettanta bufala mi pare il business
    > miliardario del pedoporno:nessuna persona sensata
    > spenderebbe migliaia di euro solo per vedere
    > delle immagini
    > virtuali!
    > tutti possiamo constatare che nel porno normale
    > di maggiorenni l'offerta gratuita di immagini
    > nude è enorme e quasi nessuno si sogna di pagare
    > ulteriori immagini con la carta di
    > credito!
    > il maniaco non è così stupido ,se ha infatti
    > 10.000 euro da buttare sa certamente come
    > spenderli con rapporti reali nei paradisi
    > esotici!
    > Quindi la vera lotta alla pedofilia si dovrebbe
    > fare facendo chiudere gli infami bordelli di
    > certi paesi del terzo mondo dove tanti bambini
    > vengono sfruttati sessualmente e arrestando chi
    > li
    > frequenta!
    > se ci si limita a colpire il semplice voyeurismo
    > lasciandio stare i reali stupratori e sfruttatori
    > si fa solamente un buco nell'acqua e si inganna
    > l'opinione pubblica fatta di beoti che amano
    > essere disinformati ed
    > ingannati!
    > --------------------------------------------------
    > Modificato dall' autore il 07 febbraio 2008 23.27
    > --------------------------------------------------
    > --------------------------------------------------
    > Modificato dall' autore il 07 febbraio 2008 23.28
    > --------------------------------------------------
    non+autenticato
  • Ce vo!
    Quanti di voi hanno mai trovato siti pedoporno???
    Dieci anni di navigazione, mai un sito pedoporno....
    Sono fortunato???
    ps meter o telefono arcobaleno....
    MEGLIO TELEFONO AZZURRO CHE PERLOMENO AIUTA CHI HA SUBITO VIOLENZA, SENZA SPECULARCI SU!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    non+autenticato
  • parole sante.

    - Scritto da: Nello Gala
    > Ce vo!
    > Quanti di voi hanno mai trovato siti pedoporno???
    > Dieci anni di navigazione, mai un sito
    > pedoporno....
    > Sono fortunato???
    > ps meter o telefono arcobaleno....
    > MEGLIO TELEFONO AZZURRO CHE PERLOMENO AIUTA CHI
    > HA SUBITO VIOLENZA, SENZA SPECULARCI
    > SU!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    non+autenticato
  • In questa presunta o reale "galassia" di siti pedoporno ci sarbbero dei banner di imprese italiane molto conosciute ?
    E nessuno dei proprietari di questi banner ne sapeva nulla ? Ma da quando dei siti del genere, che a mio avviso dovrebbero essere molto nascosti e di basso profilo, utilizzano dei banner pubblicitari di imprese conosciute ? Per mascherare il tutto e rendere il sito, ad un visitatore occasionale, del tutto innocente ? Oppure il tutto è una balla di dimensioni colossali ? A me sembra strano che esistano intere "galassie" composte da siti di questo genere. Perchè se fosse così, o siamo per la maggior parte pedofili oppure c'è qualcosa che non va. Eppure sono anni che navigo in internet, ma ne avessi trovato uno di questi fantomatici siti. Figuriamoci una "galassia". Mah !
    nodata
    2289
  • Dove cazzo lo dice all'interno dell'articolo che "Telefono Azzurro rilancia: mai più minori soli su Internet"?
    Mi prendete per il culo?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Frate Cazzo Da Velletri
    > Dove cazzo lo dice all'interno dell'articolo che
    > "Telefono Azzurro rilancia: mai più minori soli
    > su
    > Internet"?
    > Mi prendete per il culo?

    Secondo me va intesa come sintesi di questa roba qui e del convegno "Oggi assistiamo ad una enorme diffusione delle nuove tecnologie - ha dichiarato Ernesto Caffo, presidente di Telefono Azzurro - che sono una risorsa incredibile ma anche un pericolo per quei soggetti particolarmente vulnerabili che ne rappresentano i maggiori fruitori". Il riferimento è a bambini e adolescenti per i quali, spiega Caffo, "gli strumenti di tutela finora adottati non sono sufficienti".
    non+autenticato
  • Si è alzato un gran polverone sulla pedofilia in internet, è solo un polverone utile a chi vuole censurare " a mettere dei filtri" ad internet, in realtà il posto più pericoloso, più infestato da pedofili oltre alla famiglia è l'oratorio/chiesa cattolica, inoltre i preti pedofili vengono sistematicamente protetti e coperti dalle autorità religiose, questi sono i fatti.
    non+autenticato
  • Riguardo alla prima parte potrei essere d'accordo. Ma per la seconda parli per esperienza personale (anche indiretta)?

    Perchè in caso contrario la tua accusa assomiglia molto alla prima parte del discorso, solo che ti sei spostato dalla parte degli accusatori invece dalla parte di chi le cose le vive..
    Ed anche in questo caso, le informazioni non sarebbero sufficienti a giudicare il fenomeno in modo oggettivo.

    Tutto questo detto da uno che non frequenta oratori, ma che si disdegna ogni volta che vede accuse gratuite.

    Quando mi presenterai una ricerca statistica seria (possibilmente in formato cartaceo invece di citare un sito come fonte) condotta in modo indipendente in cui mi dimostrerai che alcuni luoghi di ritrovo dei giovani sono significamente più a rischio di altri allora ti appoggerò in pieno.
    Ma fino ad allora non me la sento di condannare nessuno basandomi solo sul fatto che i media (piuttosto che la gente) è più propensa ad esporre certi casi piuttosto che altri, facendoli quindi figurare come casi che si ripetono con maggior frequenza.
    non+autenticato
  • - Scritto da: bluled
    > Riguardo alla prima parte potrei essere
    > d'accordo. Ma per la seconda parli per esperienza
    > personale (anche
    > indiretta)?
    >
    > Perchè in caso contrario la tua accusa assomiglia
    > molto alla prima parte del discorso, solo che ti
    > sei spostato dalla parte degli accusatori invece
    > dalla parte di chi le cose le vive..
    >
    > Ed anche in questo caso, le informazioni non
    > sarebbero sufficienti a giudicare il fenomeno in
    > modo
    > oggettivo.
    >
    > Tutto questo detto da uno che non frequenta
    > oratori, ma che si disdegna ogni volta che vede
    > accuse
    > gratuite.
    >
    > Quando mi presenterai una ricerca statistica
    > seria (possibilmente in formato cartaceo invece
    > di citare un sito come fonte) condotta in modo
    > indipendente in cui mi dimostrerai che alcuni
    > luoghi di ritrovo dei giovani sono significamente
    > più a rischio di altri allora ti appoggerò in
    > pieno.
    > Ma fino ad allora non me la sento di condannare
    > nessuno basandomi solo sul fatto che i media
    > (piuttosto che la gente) è più propensa ad
    > esporre certi casi piuttosto che altri, facendoli
    > quindi figurare come casi che si ripetono con
    > maggior
    > frequenza.

    Ehm, i media son abbastanza filocattolici, esemplare è stato luttazzi che può parlar di merda, infamar berlusconi, mostrar mutandine, ma se tocca la chiesa torna subito in bulgaria.
    Se parti da questo ragionamento e pensi che nonostante la censura a riguardo son stati costretti a parlar di casi di preti pedofili, vuol dire che devi moltiplicare il tutto x 10 per aver un'idea della casistica reale.
    hai fatto i tuoi conti??? hai fatto brrrrr, ci pensi che li paghiamo pure x stuprarci i figli e plagiar le menti?

    No effettivamente don fortunato serve, se non indaga lui, poi magari si arriva ad arrestar pover cittadini stranieri... che ne so magari di città del vaticano.
    non+autenticato
  • veramente l'editto bulgaro non veniva dal papa, e non si può dire che non abbia esagerato...
    non+autenticato
  • Massi, l'art 21 dovrebbe permettere di esagerare a chi vuole, se a te non piace cambi canale.
    Cmq il papa ha bloccato la trasmissione su la 7 al pari di berlusconi 6 anni fa, il nuovo editto non è bulgaro e della santa sede.

    Ma visto che insisti a difendere della merda vestita di nero ti faccio rifletter su un paio di interessanti punti, magari ti svegli o magari t'affoghi nell'aquasantiera.

    - dici che le parrocchie fanno un buon lavoro: innegabile, se ti pieghi, se dipendi da loro, se voti UDC e sei una pecora del gregge educata certo, se invece no, se non ti va bene che ti dicano come e quando scopare difficilmente risveglierai grande carità cristiana, sai?
    Bene visto che siam tutti cittadini uguali in uno stato laico, l'assistenza dev'esser laica, non voglio dover pregar la madonna per aver un letto o uno straccio di vestito.

    - una categoria come un'altra? No, son cittadini stranieri, non pagano le tasse, non rispondono davanti alla legge, non son paragonabili a nessuna categoria.

    - parli del fenomeno della pretopedofilia come un macchietta casuale. Questo giochino invece si è ripetuto diverse volte in tutto il mondo, ovviamente ben insabbiato a dovere, succede qualcosa, spostano il prete in un'altra parrocchia, esce la notizia i loro giornali la ridicolizzano e discreditano così dei babbi come te abboccano e si sento al sicuro all'ombra della croce

    Ho un amico prete, non nutro odio contro le persone, contro le gerarchie. L'attuale papa fascista è un bel esempio di tutto ciò in cui io non credo.
    Don fortunato di noto è un altro bel esempio di cosa servono le agevolazioni e la fiducia accordatagli: pubblicità, allarmismo, propaganda.

    Ma in Italia è tutto così, abbocchiamo pure ancora un po'.. tanto io me ne vado
    non+autenticato
  • Se vuoi la "carta" ne ho tanta in una stanzetta in fondo a destra...
    Scusa ma siamo su un forum on-line, le prove te le possiamo offire on-line, che poi sono più attendibili...
    Ah, giusto per concludere ti consiglio di guardarti la puntata di "Anno Zero" sulla pretofilia...
    La trovi on-line , sul sito della rai...
    Ps ma usi internet o ti limiti a cercare siti pedofili?
    non+autenticato
  • per episodi che si contano sulle dita di una mano in italia, e sono il linea con la percentuale di abusi di tutte le altre categorie, compresi medici e insegnanti, non ti è permesso di generalizzare in questo modo.
    Personalmente credo i preti e le realtà degli oratori stiano facendo molto meglio a livello sociale di qualsiasi altro organo pubblico o privato, entrambi ben pagati.
    non+autenticato
  • Meglio venire pagati per fare una cosa o non dover pagare tasse sulle strutture che fanno quella medesima cosa? l'ultima frase te la potevi risparmiare considerando dei benefici fiscali di cui gode la chiesa cattolica (per quale motivo poi...)

    Concordo con il primo post cmq per quanto riguarda il fatto che il pedoporno online è usato spesso come una sorta di demonizzazione della rete dimenticandoci che la maggior parte degli abusi non proviene da internet ma dalle stesse famiglie, risulta infatti più facile ad un familiare guadagnarsi la fiducia del bambino piuttosto che ad uno sconosciuto dietro un nick...a meno che le mamme abbiano smesso di ripetere di non parlare con gli sconosciuti...

    ah, e sì, parlo per esperienza personale essendo tutt'ora in terapia dopo 15 anni dall'abuso che ho subito
    non+autenticato
  • gli oratori ricevono agevolazioni fiscali come tutte le associazioni senza fine di lucro, le quali svolgendo un servizio sociale spesso insostituibile dovrebbero elemosinare i soldi per pagare le tasse e non avrebbe senso. Alla chiesa non mancano di certo i soldi (in italia), però non è che li usa per far girare i preti con i suv.. Questo non toglie che alcuni preti essendo uomini possano essere emeriti imbecilli.

    Sono d'accordo sul fatto che il pedoporno su web sia una punta dell'iceberg rispetto al numero di violenze subite tra le mura di casa, questo non è un motivo per non combattere almeno quel che si vede però..
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nekoz
    > Meglio venire pagati per fare una cosa o non
    > dover pagare tasse sulle strutture che fanno
    > quella medesima cosa? l'ultima frase te la potevi
    > risparmiare considerando dei benefici fiscali di
    > cui gode la chiesa cattolica (per quale motivo
    > poi...)
    >
    > Concordo con il primo post cmq per quanto
    > riguarda il fatto che il pedoporno online è usato
    > spesso come una sorta di demonizzazione della
    > rete dimenticandoci che la maggior parte degli
    > abusi non proviene da internet ma dalle stesse
    > famiglie, risulta infatti più facile ad un
    > familiare guadagnarsi la fiducia del bambino
    > piuttosto che ad uno sconosciuto dietro un
    > nick...a meno che le mamme abbiano smesso di
    > ripetere di non parlare con gli
    > sconosciuti...
    >
    > ah, e sì, parlo per esperienza personale essendo
    > tutt'ora in terapia dopo 15 anni dall'abuso che
    > ho
    > subito
    ------------------------------------------------------------------
    azz....Deluso
  • Uèèèèèèèèèèè!
    Un prete mancato!
    Scusa ma non generalizziamo!
    Almeno medici e insegnanti non ci rompono dicendo che il sesso è peccato, salvo poi farlo di nascosto, violando un sacramento...
    Se poi abusano di bambini il crimine è doppio, triplo se vengono aiutati dalle gerarchie ecclesiastiche...
    Se poi Papa Ratzinger ci mette il suo, diventa anche crimine contro l'umanità e vilipendio della religione...
    Meglio tacere , no?
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 15 discussioni)