Gaia Bottà

Canada, razzismo punito con l'interdizione dal web

Agiva nella rete dell'odio, si scagliava contro le minoranze: una corte canadese l'ha condannato. Quattro mesi di carcere e niente Internet

Roma - Inneggiava alla supremazia della razza bianca, si scagliava contro le minoranze, dileggiava gli omosessuali alimentando la rete dell'odio: la polizia canadese lo ha arrestato, la corte suprema della Columbia Britannica lo ha condannato a quattro mesi di reclusione. E a tre anni di interdizione dall'uso di Internet.

Revisionismo, odio e propaganda, teorie pseudoscientifiche volte a inoculare nei netizen l'idea di una categorizzazione naturale delle razze: Bill Nobel scatenava la propria fiammeggiante dialettica in rete. Animava forum dedicati alla supremazia della razza bianca, gestiva un blog nel quale postava per "assicurare la sopravvivenza della razza e per dare un futuro ai bambini bianchi".

Le esternazioni di Nobel e la sua attività sul web, in particolare dal 2003 al 2005, non erano sfuggite al Simon Wiesenthal Center, l'associazione che si erge a tutela dei diritti delle minoranze dentro e fuori dalla rete: la segnalazione è stata inoltrata alle forze dell'ordine, Nobel è stato accusato di aver diffuso propaganda razzista.
Nobel assicurava che il suo sito e la sua attività in rete fossero legali al cento per cento. Il giudice l'ha condannato ugualmente e anche in modo pesante. "Sono quattro o cinque in tutto il Canada i casi in cui una persona è stata giudicata e condannata per aver diffuso l'odio su Internet" ha spiegato un ufficiale della polizia. Ma l'azione di Nobel non sarebbe potuta passare inosservata, soprattutto alla luce della stretta che il Canada ha operato in materia di reati d'opinione commessi per mezzo della rete.

La rete dell'odio dilaga, il Wiesenthal stima siano 7mila i siti, i profili, i video e i forum nei quali si brandisce la libertà di espressione contro individui ridotti a stereotipi e costretti in categorie. È una tendenza che, spiegano dal Center, va tenuta a bada senza sconfinare nella compressione delle libertà individuali: "Non è una questione di censura - ha chiarito Leo Adler, un altro esperto del centro - è questione di rendersi conto che gli atti di odio, di terrorismo, i genocidi e altre atrocità cominciano sempre con delle parole, una dinamica involutiva a cui i canadesi si opporranno sempre con forza".

Gaia Bottà
31 Commenti alla Notizia Canada, razzismo punito con l'interdizione dal web
Ordina
  • In Canada in galera e in Italia Calderoli va in prima serata con le sue magliette spiritose...
    Mah...
    non+autenticato
  • Perché i siti che scrivono le stesse cose o peggio di altri gruppi o singoli non vengono mai toccati?
    Tipo certi gruppi appartenenti alla "Religione della Pace" che sostengono il diritto dovere dei loro aderenti a sottomettere i miscredenti anche con la forza, che sostengono che le donne valgono la metà degli uomini, che sostengono che è lecito sposare e fare sesso con le bambine di 6 anni (se il padre lo permette), che non si possono avere amici o capi che non siano della loro religione, che affermano che tutti i non appartenenti alla loro religione sono "impuri" alla pari dell'urina e dei maiali, e qui mi fermo perché ce ne sarebbe tanto da ragionare.

    La realtà è che non esiste un singolo metro per tutti, ma solo per chi da fastidio. Se le stesse cose le dice un nero o un indiano vanno bene, anzi sono un suo retaggio culturale.
  • Ma che bravi quelli del Simon Wiesenthal Center, sempre pronti a giudicare gli altri.
    Peccato che facciano finta di nulla quando si tratta di fare chiarezza nelle porcherie di casa propria.
    Mai una denuncia nei confronti dei siti religiosi ebraici in cui si inneggia alla superiorità razziale degli ebrei.
    E sì, perchè forse non tutti sanno che i Talmud ebraici, i più importanti testi religiosi dell'atuale ebraismo, inneggiano alla superiorità razziale ebraica considerando come animali parlanti tutti coloro che non sono ebrei.
    E gli animali parlanti secondo loro devono essere usati e sfruttati per il bene degli ebrei.
    Se questo non è razzismo!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Laonte
    > Ma che bravi quelli del Simon Wiesenthal Center,
    > sempre pronti a giudicare gli
    > altri.
    > Peccato che facciano finta di nulla quando si
    > tratta di fare chiarezza nelle porcherie di casa
    > propria.
    > Mai una denuncia nei confronti dei siti religiosi
    > ebraici in cui si inneggia alla superiorità
    > razziale degli
    > ebrei.
    > E sì, perchè forse non tutti sanno che i Talmud
    > ebraici, i più importanti testi religiosi
    > dell'atuale ebraismo, inneggiano alla superiorità
    > razziale ebraica considerando come animali
    > parlanti tutti coloro che non sono
    > ebrei.
    > E gli animali parlanti secondo loro devono essere
    > usati e sfruttati per il bene degli
    > ebrei.
    > Se questo non è razzismo!

    Sì, il tuo è razzismo. Moderatore, se ci sei batti un colpo Indiavolato
    non+autenticato
  • Se non sei uno che cerca di sfruttare gli "animali parlanti", almeno cerca di documentarti prima di sparare sentenza come uno che fa il tifo anzichè ragionare.
    Leggi le traduzioni dei Talmud.
    Leggi da te e poi traine le conclusioni.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Laonte
    > Se non sei uno che cerca di sfruttare gli
    > "animali parlanti", almeno cerca di documentarti
    > prima di sparare sentenza come uno che fa il tifo
    > anzichè
    > ragionare.
    > Leggi le traduzioni dei Talmud.
    > Leggi da te e poi traine le conclusioni.

    Non mi servono le traduzioni, mi basta leggere in versione originale per dire che stai facendo affermazioni false in malafede Indiavolato
    non+autenticato
  • Menti sapendo di mentire.
    Isaia lo aveva preannunciato che tutta questa menzogna vi porterà alla rovina.
    Vi state distruggendo con le vostre mani.
    non+autenticato
  • Qui siamo su PI. E' permesso odiare Americani ed Israeliani (perchè non si può dire apertamente di odiare gli Ebrei). Eventualmente si può odiare anche gli Svizzeri.

    Il T-1000 (cioè, una persona viscida dal cervello liquido) interviene solo quando si va contro i dogmi no-global di PI.

    Quindi questo commento sparirà presto.
    non+autenticato
  • - Scritto da: MegaLOL
    > Qui siamo su PI. E' permesso odiare Americani ed
    > Israeliani (perchè non si può dire apertamente di
    > odiare gli Ebrei). Eventualmente si può odiare
    > anche gli
    > Svizzeri.
    >
    > Il T-1000 (cioè, una persona viscida dal cervello
    > liquido) interviene solo quando si va contro i
    > dogmi no-global di
    > PI.
    >
    > Quindi questo commento sparirà presto.

    Beh, ognuno può odiare chi vuole. Dici bene. Io infatti odio te, spero che sparirai presto dalla faccia della terra e che nessuno si ricordi di te in futuro.
    non+autenticato
  • Ave.

    I Diritti Umani sono sanciti nella Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.
    Chi viola questi Diritti è un Nemico dell'Umanità.
    L'odio, la violenza, la discriminazione e la soppressione in generale, anche SOLO in forma verbale, violano i Diritti Umani, quindi è GIUSTO che costoro vengano PENALIZZATI.

    Puoi informarti correttamente quì:
    http://it.youtube.com/watch?v=U8Hc1vO-sYQ
    http://it.youtube.com/watch?v=OK2A3erQxXY
    http://it.youtube.com/watch?v=Hih_FiVLTiQ
    http://it.youtube.com/watch?v=HNbt2xA0jTE

    A presto.

    Nilok
    http://informati.blog.tiscali.it/
    http://it.youtube.com/Nilok1959
    Nilok
    1925
  • - Scritto da: Nilok
    > Ave.
    >
    > I Diritti Umani sono sanciti nella Dichiarazione
    > Universale dei Diritti
    > Umani.
    > Chi viola questi Diritti è un Nemico dell'Umanità.
    > L'odio, la violenza, la discriminazione e la
    > soppressione in generale, anche SOLO in forma
    > verbale, violano i Diritti Umani, quindi è GIUSTO
    > che costoro vengano
    > PENALIZZATI.
    >
    > Puoi informarti correttamente quì:
    > http://it.youtube.com/watch?v=U8Hc1vO-sYQ
    > http://it.youtube.com/watch?v=OK2A3erQxXY
    > http://it.youtube.com/watch?v=Hih_FiVLTiQ
    > http://it.youtube.com/watch?v=HNbt2xA0jTE
    >
    > A presto.
    >
    > Nilok
    > http://informati.blog.tiscali.it/
    > http://it.youtube.com/Nilok1959


    e l'interdizione da internet cosa c'entra?
    e se è un suo pensiero perchp devi volergliel far cambiare?

    io penso tutto l'opposto di ciò che pensa il tizio probabilmente, ma non per questo voglio tappare la bocca a chi non la pensa come me...
    li ignoro fin quando si limitano a parlare.
    non+autenticato
  • Chi li ha stabiliti questi diritti ?
    Qualcuno ti ha mai chiesti di esprimere la tua opinione con un voto ?
    non+autenticato
  • ma quanto spammiSorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nilok
    > Ave.
    >
    > I Diritti Umani sono sanciti nella Dichiarazione
    > Universale dei Diritti
    > Umani.
    > Chi viola questi Diritti è un Nemico dell'Umanità.
    > L'odio, la violenza, la discriminazione e la
    > soppressione in generale, anche SOLO in forma
    > verbale, violano i Diritti Umani, quindi è GIUSTO
    > che costoro vengano
    > PENALIZZATI.


    anche considerare persone soppressive quelli che non condividono le tue idee religiose o para religiose e tentare di screditarle o infastidirle viola qualche diritto.
    sarebbe il caso di penalizzare che dici?

    ma tu non rispondi agli anonimi.
    non+autenticato
  • Se uno la pensa cosí non ha il diritto a manifestare il proprio pensiero ?

    La democrazia dovrebbe valere per tutti, altrimenti é solo stalinismo mascherato.
    non+autenticato
  • Il problema è che lui al massimo si limita a pensarla così poi c'è il fanatico che va a minare le chiese con i fedeli dentro, quello che si nasconde nel bagagliaio dell'auto e cecchina tutti, fanatico che spesso non ha neanche motivo di esserlo ma necessita pure di un'ispirazione che lo giustifichi.
    non+autenticato
  • La libertà di un individuo termina quando sconfina in quella di un altro, e secondo la dichiarazione della carta dei diritti dell'ONU firmata da tutti gli stati membri di tale organizzazione, ogni cittadino del mondo ha diritto ad essere libero dalla paura.

    Paura è anche quel sentimento di insicurezza che percorre una persona che si sente insultata e additata come diversa solo per una provenienza geografica diversa.

    Quindi tali opinioni razziste vanno censurate in quanto ledono la libertà di altri
    non+autenticato
  • - Scritto da: Andrea
    > Paura è anche quel sentimento di insicurezza che
    > percorre una persona che si sente insultata e
    > additata come diversa solo per una provenienza
    > geografica
    > diversa.

    > Quindi tali opinioni razziste vanno censurate in
    > quanto ledono la libertà di
    > altri

    arrampichiamoci sugli specchi per non dire che si utilizza la comoda scusa della "libertá" per zittire le voci scomode.
    Paura é anche il sentimento di insicurezza che si prova camminando in un quartiere pieno di immigrati, rischiando di essere rapinati, malmenati e stuprati.
    non+autenticato
  • l'Onu lede la libertà degli stati di scegliere chi portarsi casa.

    D'altronde, la amgior parte degli stati Onu sonos tati poevri al cui popolazione non vede l'ora di trasferirsi in quelli ricci, è semplice da comprendere:


    Inoltre le differenze antropologiche e razziali esistono, ed è storicamente provato che portano conflitti: Libano, Jugoslavia, Rwanda, Israele e Palestinesi,Cristiani nei paesei arabi, Timor Est sono i casi più recenti ed eclatanti.

    Dire che la convivenza tra certi popoli è impossibile è sensato.

    E inoltre dire che non si devono far entrare nel proprio paese certi gruppi di individui è moralmente legittimo: è solo un opinione, di cui gente come te ha paura.

    Tu confondi il nazismo col nazionalismo e con il semplice buon senso, o con al critica antropologica: se io dico non sposare una persona perchè ha cattive qualità, sono libero di dirlo, non stò necessariamente istigando all'omicidio.

    Tu potrai rispondermi, amgari argomentando coi fatti, che mi sbaglio.

    Altrimenti è censura stalinista, ed il comunismo è una ditattura fondata sulals cusa di difendere la libertà come ebn spiegato del rsto, da Orwell nella celebre, e mai troppo poco letta, fattoria degli animali.
    non+autenticato
  • Ti ci vuole una tastiera nuova.... Perplesso
    non+autenticato
  • certo che se mi parli di differenza razziali e antropologiche e poi come esempio mi porti i cristiani nei paesi arabi, penso proprio che hai qualche difficoltà a distinguere un problema antropologico da uno religioso o politico.

    Una religione non dipende dalla "provenienza antropologica".

    Tutti gli esempi che hai portato, non sono dati da differenze antropologiche, ma da differenza politico-religiose che non possono esser fatte risalire alla "razza". Lo stesso conflitto Jugoslavo prima di tutto era un conflitto religioso tra le varie confessioni presenti nella ex Jugoslavia. Per non parlare del Libano, dove il conflitto è puramente religioso e della Palestina dove il vero significato è quello politico che viene solo mascherato con motivi razziali.

    Inoltre non è provato scientificamente che la convivenza tra gruppi etnici (non razze) diverse sia impossibile, è solo una fissazione di certa gente, quando ci sarà una dimostrazione scientifica che non può essere contradetta allora potrò dirti che hai ragione, fino ad allora rimane una tua singola opinione
    non+autenticato
  • - Scritto da: Andrea
    > La libertà di un individuo termina quando
    > sconfina in quella di un altro, e secondo la
    > dichiarazione della carta dei diritti dell'ONU
    > firmata da tutti gli stati membri di tale
    > organizzazione, ogni cittadino del mondo ha
    > diritto ad essere libero dalla
    > paura.
    >
    > Paura è anche quel sentimento di insicurezza che
    > percorre una persona che si sente insultata e
    > additata come diversa solo per una provenienza
    > geografica
    > diversa.
    >
    > Quindi tali opinioni razziste vanno censurate in
    > quanto ledono la libertà di
    > altri

    Quindi se io voglio tappare la bocca a qualcuno, basta che lo accuso di "opinioni razziste che ledono la libertà altrui".
    In che modo, poi, parlare o scrivere su internet, impedisca la libertà degli altri di replicare o di scrivere a loro volta su internet, be'... questo continua a rimanermi oscuro.

    PS. Invece di preoccuparci dei peones che fanno i razzisti della domenica su internet, perché non ci preoccupiamo delle politiche di Stati come USA, Canada, UK, Francia, o la stessa Italia?... Ma già, una guerra basta chiamarla "umanitaria", e allora va tutto bene. L'importante è non "ledere la libertà altrui"... con le parole.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Undertaker
    > Se uno la pensa cosí non ha il diritto a
    > manifestare il proprio pensiero
    > ?
    >
    > La democrazia dovrebbe valere per tutti,
    > altrimenti é solo stalinismo
    > mascherato.

    >
    > Mi sembra di capire che tu asserisci che:essere
    > razzisti, fascisti, nazisti non sia alla stessa
    > stregua dell'essere stalinisti, maoisti etc, e in
    > piú é solo un
    > opinione.
    > Correggimi se sbaglio ma a me sembra che tu sia
    > di
    > parte.

    qui era il posto giusto
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)